Steven Adler (già batterista dei Guns n’ Roses) ribadisce che non ha tentato il suicidio: si è trattato di un incidente ..

Il fatto che nel 1990 sia stato allontanato dalla celebre band, ha subito fatto pensare ad una vita vissuto all’ombra dello showbiz, crisi depressive ed altri aspetti negativi. Ma dopo l’avventura con Axl Rose e compagni, Steven ha continuato a vivere di musica, allontanando così rumours legati alla sua dipendenza dall’eroina: ha al suo attivo anche band come gli Adler’s Appetite, Road Crew e gli Adler.

Quello che gli è successo una settimana fa, è ancora fonte di indagini, ma si tenga conto che la notizia è stata lancita da TMZ, una testata che spesso cerca lo scoop a tutti i costi, sfiorando spesso il gossip… Steven Adler, 54, is recovering at an Los Angeles hospital after being rushed there last night, following an incident where he allegedly stabbed himself. TMZ reports that 911 was called shortly after 6:30pm to report somebody had stabbed themselves. Paramedics arrived to see Adler suffering from a stab wound to his stomach. No one else is suspected to be involved in the incident… Nell’articolo vengono poi citate le parole dell’ufficiale Jeff Lee .. Upon arrival, Los Angeles Police Departnent officers determined that there was no crime and the incident was being treated as a medical emergency only. The subject was transported to a local hospital with a non-life-threatening injury ..

Da un punto di vista biografico, Steven Adler (il cui vero nome è Michael Coletti) è nato a Cleveland, il 22 Gennaio 1965 ed ha studiato jazz, prima di dedicarsi al rock. E’ stato il primo vero batterista dei Guns N’ Roses a sostituzione del primissimo Rob Gardner. Fu chiamato dal suo amico d’infanzia Slash, e suonò nell’EP Live ?!*@ Like a Suicide (1986) e negli album Appetite for Destruction (1987) e G N’ R Lies (1988). . mica noccioline!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *