Una striscia di terra feconda all’Auditorium Parco della Musica di Roma dall’8 al 12 settembre

Dall’8 al 12 settembre all’Auditorium Parco della Musica di Roma la XXII edizione del festival franco-italiano di jazz e musiche improvvisate Una striscia di terra feconda, con Pieranunzi e Terrasson, Pedron e Giuliani, Séva e Girotto, Montellanico e Godard, Marcotulli e Benita e tanti altri… … Read More >Una striscia di terra feconda all’Auditorium Parco della Musica di Roma dall’8 al 12 settembre

Dall’8 al 12 settembre all’Auditorium Parco della Musica di Roma la XXII edizione del festival franco-italiano di jazz e musiche improvvisate Una striscia di terra feconda, con Pieranunzi e Terrasson, Pedron e Giuliani, Séva e Girotto, Montellanico e Godard, Marcotulli e Benita e tanti altri…

Siamo ormai giunti alla XXII edizione di Una striscia di terra feconda, prestigioso festival franco-italiano inventato e diretto da Armand Meignan e Paolo Damiani: un evento fondato sull’incontro, l’amicizia, lo scambio rischioso e creativo tra i solisti dei due Paesi, con lo scopo di immaginare nuovi scenari e connessioni, sentieri intuiti in cui cercare affinità e contiguità, lotte e solitudini, tensioni e distensioni nell’attraversamento di territori che si formano nell’istante, nella ricerca comune e nell’ascolto: quando si improvvisa veramente, la scintilla è pre-razionale e le scelte si fanno a passion veduta. Diversi gli incontri franco- italiani, e le produzioni originali pensate per il festival, con artisti di primo piano e giovani talenti dei due Paesi. Qui segnaliamo solo due eventi: il PREMIO SIAE 2019 (fondamentale l’impegno della Società’ Autori ed Editori nella valorizzazione dei giovani emergenti) conferito ai tre primi classificati del referendum Top Jazz indetto dal mensile Musica Jazz; e l’abituale Residenza d’Artista, progettata insieme all’Institut Français Italia – Ambasciata di Francia in Italia, Siae, AJC, MIdJ (Associazione nazionale musicisti jazz), I-Jazz,Fondazione Musica per Roma e Casa del Jazz. Un festival  può darsi, ma anche uno spazio simbolico in cui quest’anno celebriamo emozionanti ‘matrimoni’ tra Enrico Pieranunzi e Jacky Terrasson, Pierrick Pedron e Rosario Giuliani, Eric Séva e Javier Girotto, Ada Montellanico e Michel Godard , Jacopo Ferrazza e Camille Berthault, Pascal Contet e Daniele Roccato, consolidando al tempo stesso  legami creati nelle passate edizioni: Théo Ceccaldi e Paolo Damiani, Rita Marcotulli e Michel Benita, François Corneloup e i musicisti italiani in residenza, Fidel Fourneyron e Francesco Diodati…

Quante coppie e storie d’amore abbiamo provocato in ventidue anni! Una striscia di terra feconda è insomma diventata un’agenzia matrimoniale franco-italiana, e pochissimi divorziano…

Paolo Damiani e Armand Meignan

Una striscia di terra feconda

Domenica 8 settembre 2019 – CASA DEL JAZZ

FESTA JAZZ

Ore 12 Jazz Farm (per bambini e adulti)  5 euro

Massimo Nunzi narrazione e tromba, Marta Colombo voce, Andrea Angeloni trombone tenore, Matteo Ciancaleoni tromba, Leonardo Radicchi sassofono soprano e tenore, Leonardo Minelli sax baritono, Lorenzo Brilli rullante, Federico Trinari cassa

Giocajazz è una Fattoria Musicale in cui la musica è raccontata, vissuta in prima persona e spiegata a bambini dai 7 ai 14 anni, nei suoi elementi fondanti: Forma, Armonia, Ritmo, Melodia, FARM. L’ allegra fattoria sonora itinerante, porterà i ragazzi a contatto con la musica coinvolgendoli immediatamente in un percorso divertente e pieno di stimoli, anche se non hanno mai avuto alcuna esperienza musicale. Massimo Nunzi, è stato bambino professionista per una decina di anni, e per insegnare la musica ai bambini ha scelto il jazz, perché nelle sue forme più popolari è malleabile e duttile e ha un impianto strutturale semplice e diretto, che non li imbarazza ma li coinvolge con gioia nella condivisione della musica come gioco. Il divertente percorso musicale ed interattivo, costellato di sorprese, parte dal ritmo della terra alla saporita melodia ed è vestito dalla sorprendente armonia e ci farà scoprire che, senza la Forma musicale del Jazz, la vita sarebbe noiosissima.

Ore 13, ‘Par le bout du noz’ RONAN LE GOURIÉREC sax baritono (per bambini e adulti)

5 euro

Prima nazionale

Con il suo sassofono baritono e con bellissima energia, Ronan Le Gouriérec fa ballare i bambini! Suona e improvvisa un repertorio originale che si basa sulla storia di un tasso un po’ troppo dormiglione, che i partecipanti accompagnano con danze legate agli eventi della storia.  Così i danzatori in erba si ritrovano spinti  in un frenetico galoppo  per accompagnare il nostro tasso nella foresta, o in  un Girotondo di San Vincenzo come l’orso Norbert … un’esperienza divertente e interattiva tra musica, danza e storia dove i bambini prendono i genitori per il naso!

ORE 15.00 (ballo per grandi e piccini) 5 euro

‘Le Peuple Étincelle’ François Corneloup sax soprano, Fabrice Vieira chitarra elettrica, Michael Geyre accordéon, Eric Duboscq basso elettrico, Fawzi Berger percussioni, Ersoj Kazimov percussioni
Prima nazionale

La scintilla simboleggia l’invenzione e il rinnovamento. Questo è ciò che propone François Corneloup (che firma tutte le composizioni dell’orchestra), giocando con la rumba e la beguine, passando per la polka. Una musica che si canta e si balla, che profuma dei buoni prodotti del territorio … o che semplicemente si ascolta. Composizioni originali che, come niente, parlano a tutti coloro che amano la musica dal vivo, da qualche parte tra tutti i “qui” del mondo e gli “altrove” dell’immaginazione.

Domenica 8 settembre 2019 – AUDITORIUM TEATRO STUDIO ORE 21.00

Biglietti 10 euro

ENRICO PIERANUNZI pianoforte/ JACKY TERRASSON pianoforte PIANO DUO

Produzione originale

Ecco due giganti del pianoforte jazz finalmente riuniti in  un duetto storico, un incontro memorabile che tutti gli amanti del jazz sognavano! Da un lato Enrico Pieranunzi, un vero incantevole maestro del pianoforte che domina l’intera storia del pianoforte jazz, con una preferenza per Bud Powell, Paul Bley e soprattutto Bill Evans, oggi al culmine della sua arte. Dall’altro Jacky Terrasson, il più giramondo dei musicisti jazz, che durante la sua carriera ci ha emozionato ed entusiasmato sia con le sue prestigiose collaborazioni (Dee Dee Bridgewater, Dianne Reeves, Jimmy Scott, Charles Aznavour, Ry Cooder) che per il suo trio (per la prestigiosa etichetta Blue Note!). Due “maestri” per davvero, una coppia da sogno!

***********

‘I cantautori sono canadesi’ con DAVID RIONDINO, voce, testi, Celine Prouvost voce, Sara Jane Ceccarelli voce, Natalio Mangalavite piano, Paolo Ceccarelli chitarra

Produzione originale

I cantautori francofoni canadesi sono stati parte importante della canzone d’autore europea che ha parlato francese. Hanno inserito, negli anni sessanta, temi che oggi definiremmo ecologisti. Hanno raccolto il forte sentimento della natura che c’è nella poesia francese e lo hanno dilatato nei grandi scenari americani. La neve, i boschi, la presenza di animali, la solitudine e l’orgoglio di costruirsi un’idea del mondo, sono temi che circolano nella canzone d’autore canadese. Con inserti ritmici e scherzi musicali legati alla tradizione folklorica, con la sua poesia ricca di humour e malinconia, David Riondino non mancherà di emozionarci in questo nuovo spettacolo, costruito con una band eccellente: due splendide cantautrici, Céline Prouvost italo-francese e Sara Jane Ceccarelli italo-canadese, e due strumentisti ben noti ed apprezzati, il pianista Natalino Mangalavite e il chitarrista Paolo Ceccarelli.

Lunedì 9 settembre 2019 CASA DEL JAZZ ORE 21.00

Biglietti 10 euro

‘A passion veduta’ PAOLO DAMIANI contrabbasso, ROSARIO GIULIANI sax alto MICHELE RABBIA percussioni invitano THÉO CECCALDI violino

Produzione originale

Paolo Damiani e Rosario Giuliani suonano e registrano insieme da tempo; incontro improbabile sulla carta, solitamente i due si muovono in ambiti assai diversi: il contrabbassista ha inventato  un linguaggio originale ed europeo, spostando l’estetica jazz in contesti non tradizionali, il sassofonista ha elaborato la grande lezione di Parker, Cannonball e Trane sviluppando una personalissima poetica. Eppure, insieme riescono a immaginare nuovi scenari e connessioni, sentieri intuiti in cui cercare affinità e contiguità, nell’attraversamento di territori che si formano nell’istante, nella ricerca comune e nell’ascolto. In questo nuovo progetto hanno coinvolto Michele Rabbia, forse il più creativo percussionista europeo, grazie alla sintesi tra suoni elettronici e dimensione acustica. E Théo Ceccaldi, fra i più straordinari violinisti del mondo, impressionante per creatività e controllo assoluto dello strumento. Il concerto prevede molta improvvisazione e composizioni originali dei quattro artisti, musiche che si creano “a passion veduta, la passione è il punto di vista di chi è trasformato rispetto a un’azione”, come ha scritto Paolo Fabbri.

***********

‘Cross Road’ – ERIC SÉVA sax baritono e soprano JAVIER GIROTTO sax baritono e soprano DUO

Prima nazionale Musicista geniale, con importanti basi classiche e che vanta numerose collaborazioni (Dave Liebman, Daniel Mille, Khalil Chahine, Senem Diyici), Eric Séva è un formidabile creatore di universi singolari e colorati! Questo incontro in duo con lo stupefacente sassofonista italo-argentino Javier Girotto, compagno di strada dei più grandi (Rava, Bollani, Marcotulli …) riafferma l’idea che entrambi condividono sul jazz: una musica nomade, fatta di incroci, con superbe composizioni per due sax baritoni e con un senso della melodia che tocca! Un duetto in cui tutto è creato per parlare al cuore!

Martedì 10 settembre 2019 CASA DEL JAZZ ORE 21.00

Biglietti 10 euro

PREMIO SIAE 2019, assegnato a 3 gruppi fra i primi classificati del referendum Top Jazz indetto dal mensile Musica Jazz:Federica Michisanti contrabbasso, Giampiero Locatelli pianoforte, Cecilia Sanchietti batteria

  • Giampiero Locatelli ‘Right away project’ (Giampiero Locatelli pianoforte, Gabriele Evangelista contrabbasso, Enrico Morello batteria)
  • Federica Michisanti Horn Trio (Francesco Bigoni sax tenore e clarinetto, Francesco Lento tromba flicorno, Federica Michisanti contrabbasso)
  • Cecilia Sanchietti “Secondo album La Terza Via – The third side of the coin” (Cecilia Sanchietti batteria e composizioni, Pierpaolo Principato pianoforte, Marco Siniscalco basso elettrico, featuring Nicolas Kummert tenor sax)

Produzione originale

Nel 2015 è stato inventato insieme alla SIAE un Premio per il miglior giovane emergente, che in quell’anno fu vinto dal pianista Enrico Zanisi, nel 2016 è stato assegnato al contrabbassista Gabriele Evangelista e nel 2017 al pianista Alessandro Lanzoni. Dal 2018 il premio SIAE ha cambiato formula facendosi in tre: furono infatti premiati i tre primi classificati nel referendum nazionale Top Jazz, indetto dal prestigioso mensile Musica Jazz: Federica Michisanti, Jacopo Ferrazza, Francesco Massaro.

Quest’anno i primi tre classificati sono risultati Michisanti, Sanchietti e Locatelli, che si esibiranno in brevi set di 20 minuti ciascuno: al termine saranno tutti premiati dalla SIAE, mentre una giuria internazionale sceglierà il gruppo più innovativo e originale, il cui leader sarà invitato nel 2020 con un nuovo progetto.

******************

PIERRICK PEDRON QUARTET invita ROSARIO GIULIANI Pierrick Pedron sax alto, Thomas Bramerie contrabbasso, Carl-Henri Morisset pianoforte, Elie Martin-Charrière batteria, Rosario Giuliani sax alto

Produzione originale Apparso all’inizio come formidabile hard-bopper, quasi un nuovo Cannonball Adderley sulla scena europea, Pierrick Pedron ha poi sfornato una serie di album molto riusciti in cui ha dimostrato di avere gusto per i contrasti e la ricerca! Con il suo ultimo progetto (l’album “Unknow” uscito nel 2017) ritorna alla forma classica del quartetto acustico, naturale, con la stessa voglia di commuoverci: l’incontro con il fenomenale Rosario Giuliani, con il quale ha molto in comune, è ovviamente atteso e promette invenzioni di alto livello: il jazz al top che ti prende corpo e anima!

Mercoledì 11 settembre 2019 CASA DEL JAZZ ORE 21.00

Biglietti 10 euro

RESIDENZA 2019, VETTE E DOPO’: Francois Courneloup sax baritono e soprano, Filippo Macchiarelli basso, Nicola Fazzini sassofono,Simone Maggio pianoforte, Massimiliano Trabucco batteria, in collaborazione con l’Institut Français Italia, Ambasciata di Francia MIdJ, SIAE

Produzione originale

Da qualche anno il festival ospita presso la Casa del Jazz un’importante residenza d’artista, progettata insieme all’Institut français Italia – Ambasciata di Francia in Italia, Siae, AJC, MIdJ (Associazione nazionale musicisti jazz), Fondazione Musica per Roma e Casa del Jazz. L’obiettivo della residenza è provocare l’incontro tra artisti di diversa provenienza, in progetti originali da proporre sulla scena internazionale. I quattro musicisti italiani- tutti già assai noti- hanno vinto un concorso nazionale progettato da MIdJ e collaboreranno con l’eccellente sassofonista e compositore François Corneloup per creare un gruppo inedito, provando per 4 giorni le proprie composizioni originali.

***********

Revolution’ FRANÇOIS CORNELOUP QUINTET François Corneloup saxophone, Sophia Domancich piano, Simon Girard trombone, Joachim Florent contrebasse, Vincent Tortiller batterie

Prima nazionale

François Corneloup, il colosso del sax baritono, è il “filo rosso” di questa edizione in cui sarà presente con un quintetto assai divertente, Le Peuple Etincelle, con la sua nuova creazione Revolution, e nella residenza franco italiana 2019 ‘Vette e dopo’. Revolution perché ha scelto di circondarsi di musicisti della nuova generazione, in uno splendido atto di fede: “La musica sarà ricca e generosa, fatta di ritmi sensuali e sofisticati, canzoni virtuosistiche e melodie luminose con la gioia e il desiderio di rinnovamento assoluto”!

Giovedì 12 settembre 2019 AUDITORIUM TEATRO STUDIO ORE 21.00

Biglietti 10 euro

 ‘La femme d’à côté’, estratti da film di Francois Truffaut con RITA MARCOTULLI pianoforte/MICHEL BENITA contrabbasso/LUCIANO BIONDINI fisarmonica/JAVIER GIROTTO sax baritono e soprano / AURORA BARBATELLI arpa celtica/ROBERTO GATTO batteria regia Maria Teresa De Vito

L’intento di Rita Marcotulli (recentemente nominata Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica, dal Presidente Sergio Mattarella), qui alla testa di una band stellare, è quello di tradurre in musica le emozioni che nascono dai film di Truffaut, le cui immagini, con la regia di Maria Teresa De Vito, vengono proiettate sullo schermo alle spalle dei musicisti.

Le musiche, composte dalla stessa Marcotulli, hanno lo scopo di “trovare qualche nesso di comunicazione tra immagini, parole e musica”, come ha dichiarato l’artista: uno scopo ambizioso e raggiunto in pieno con questo spettacolo, in cui le immagini in bianco e nero si amalgamano perfettamente con le agili e versatili note dell’ensemble. La bravura tecnica ed esecutiva di questi musicisti è pari solo alla loro intensità e partecipazione. La comunanza di ispirazioni e sensazioni tra il regista francese e la pianista romana è innegabile: la lirica malinconia, la poesia delle piccole cose, la nostalgia per l’infanzia, il desiderio di fuga, le contraddizioni dell’amore e il romanticismo nostalgico e mai scontato, oltre alla capacità di saper raccontare storie come pochi, sono presenti e fondamentali in entrambi. Da non perdere!

***********

WeTuba’, Ada Montellanico QUINTET con MICHEL GODARD Ada Montellanico voce, testi, musiche,Michel Godard, musiche, tuba, serpentone,Simone Graziano pianoforte, Francesco Diodati chitarra, Francesco Ponticelli contrabbasso

Produzione originale Da anni Ada Montellanico, cantante e compositrice tra le più importanti e originali del panorama italiano, nelle sue varie formazioni predilige gli ottoni, strumenti verso cui nutre  particolare attrazione e affinità. In questo nuovo progetto sceglie al suo fianco Michel Godard, artista poliedrico e grande sperimentatore, uno dei più importanti e straordinari tubisti e in assoluto unico suonatore di serpentone. In questo speciale progetto WeTuba ideato per il festival Una striscia di terra feconda, Ada Montellanico oltre a Godard si è avvalsa della presenza di tre musicisti che attualmente rappresentano la più innovativa espressione del giovane jazz italiano, Simone Graziano al pianoforte, Francesco Diodati alla chitarra e Francesco Ponticelli al contrabbasso. Un organico originale che nella scelta di non utilizzare la batteria vuole, attraverso la scrittura di nuove composizioni, enfatizzare la costruzione e l’intreccio delle linee melodiche dei vari strumenti. Brani appositamente scritti per questo progetto e cantati prevalentemente in italiano, in un percorso di seducente ricerca.

FESTIVAL FRANCO – ITALIANO DI JAZZ E MUSICHE IMPROVVISATE XXII Edizione

direzione artistica Paolo Damiani e Armand Meignan

in collaborazione con La Francia in Scena stagione artistica dell’Institut français Italia/ Ambasciata di Francia in Italia

Roma, 8-12 settembre 2019, Roma Auditorium Parco della Musica/Casa Del Jazz

Info: http://www.auditorium.com ; http://www.casajazz.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *