Gli Steel Raiser sono un gruppo di acciaio!

Photo by: “Eric” G.L. – Rock Metal Fest X, Pulsano 2018

I nostri lettori conoscono da tempo il gruppo di Heavy Metal siciliano Steel Raiser poiché li abbiamo già ospitati diverse volte. Questo perché ci pare giusto e opportuno supportare un gruppo – gli Steel Raiser appunto – che sta lavorando alacramente e con umiltà a diffondere la propria proposta musicale. Un’ulteriore occasione per parlare di loro è dovuta all’uscita qualche mese fa del loro nuovo album intitolato, guarda caso, “Acciaio”! Sempre per l’indie tedesca Iron Shield Records. E’ tempo di passare il microfono alla band catanese…

“Acciaio” è uscito da qualche mese…qualche parola di presentazione? “Ciao Emanuele, intanto grazie per lo spazio e l’interesse che sempre ci dedichi. Acciaio è il nostro quarto studio album, il primo registrato insieme a Carlos. È un album che come il suo predecessore prosegue un percorso ormai tracciato da tempo, un percorso di puro Heavy Metal senza troppi fronzoli e sempre sull’acceleratore.!”

Come mai un titolo in italiano? “Volevamo dare all’album un titolo che descrivesse al meglio la nostra musica, nonché un titolo d’impatto e di facile fruizione. La parola “Steel” ci sembrava un po’ troppo scontata e da qui l’idea, quasi immediata, di usare la traduzione italiana.”

“Acciaio” come sinonimo di musica forte e possente? “Esattamente. Dopo l’ottimo lavoro svolto su “Unstoppable”, il nuovo disco doveva suonare ancora più forte e potente del primo, pur mantenendo lo stile che ormai da anni ci contraddistingue. Fatto questo la scelta del titolo è stata molto semplice.”

Chi ha avuto l’idea di intitolare l’album in questo modo? “Se ben ricordo fu Gianluca a proporre il titolo in italiano e, sin da subito, l’idea fu abbracciata dalla band.”

A livello testuale di cosa parlano le vostre canzoni? “Come in tutti gli album, i testi raccontano per la maggior parte quelle che sono state le nostre esperienze tra un lavoro e un altro. C’è chi ha un periodo nero e scrive un testo che parla di vendetta, di rivincita e di rabbia, chi invece si innamora e scrive un testo romantico, o chi legge un bel libro e lo trasforma in musica. Non c’è mai uno standard di riferimento, raccontiamo ciò che viviamo nella vita quotidiana.”

Come nascono i vostri brani? Iniziate da un riff oppure da un testo? “Solitamente iniziamo da un riff. Cerchiamo di svilupparlo al meglio, lo proviamo per capirne le potenzialità e ne curiamo successivamente la linea vocale con il relativo testo.”

Siete interessati a lanciare messaggi politici con i vostri brani? “No. Reputo la musica troppo importante per mischiarla con qualcosa di ridicolo come la politica di oggi.”

Quali le caratteristiche principali del vostro sound? “Un misto di potenza e melodia. Negli anni abbiamo lavorato molto al nostro sound cercando di creare un mix riconoscibile da parte di coloro che ci ascoltano di lavoro in lavoro. Ovviamente un grande aiuto lo ha dato Carlos, dando più potenza ai nostri pezzi.”

Mi sermbra che il vostro sound è un mix molto ben riuscito fra sonorità British e teutoniche… “Metterei anche qualcosa di americano. Le nostre influenze sono ben chiare, ne parliamo da anni ormai, e queste hanno inciso molto sul nostro sound e sul nostro songwriting.”

Che ruolo gioca la melodia nel vostro sound? “Un ruolo fondamentale credo. Va bene la potenza, ma l’ascoltatore deve anche essere pervaso dalla melodia, deve poter cantare le nostre canzoni e ricordarle anche a distanza di tempo.”

Come definireste il sound degli Steel Raiser? “Steel Sound.”

Qual’è la situazione della band al momento? “Abbiamo da poco firmato un accordo con la Morrigan Promotion che si occuperà del booking e dell’organizzazione di nostre date per promuovere “Acciaio” e in generale la nostra musica in giro. Non possiamo anticipare niente ma al più presto annunceremo qualcosa di interessante. Inoltre, abbiamo iniziato i lavori per il prossimo album. Stiamo già lavorando su diversi pezzi da qualche mese e speriamo di dare ai nostri fan un nuovo disco al più presto.”

Cosa significa essere una Metal band del sud? “Significa sudare un po’ di più per cercare di uscire dai propri confini. Nonostante viviamo in un’ era in cui da un computer puoi praticamente raggiungere quasi ogni angolo del mondo, per una band del sud spostarsi rappresenta una sfida logistica non indifferente, anche perché sperare di fare qualcosa nella nostra terra è praticamente una perdita di tempo. La scena nostrana ormai da anni è quella che è, non ci sono locali, promoter che organizzano eventi e la gente non è più interessata come in passato. Ecco perché l’unica alternativa è farsi strada fuori, interagire con un pubblico nuovo, magari più appassionato. Non è semplice purtroppo ma nonostante tutto cerchiamo di farlo.”

Meglio essere pessimisti, ottimisti o realisti? “Meglio Essere, e prendere il meglio da quello che ci viene dato.”

Pagina ufficiale su Facebook https://www.facebook.com/SteelRaiserOfficial/

Pagina ufficiale su Facebook della Iron Shield Records https://www.facebook.com/IronShieldRecords/