Umberto Morasca (in arte Met Dium, ma anche Britalics, SirJo, U-Niq) alle prese con un capolavoro di Claudio Baglioni

Si è confrontato con Questo piccolo grande amore e ne ha anche tratto un videoclip, in cui emerge forte il taglio elettronico dato all’evergreen di Claudio Baglioni, originariamente uscito nel 1972 e che 10 anni fa ha ispirato anche un omonimo film. Tremila sono state le visualizzazioni del videoclip fatto da Umberto Morasca / Met Dium e tutti i commenti sono stati positivi.

Ci hanno detto Umberto MorascaHo 51 anni, musicista diplomato al conservatorio in violoncello, pianista, compositore, produttore, arrangiatore. Come disse il caro Baglioni .. io nella vita ho fatto un po di tutto… probabilmente in rete iTunes/Spotify troverete un pot-pourry di cose estremamente diverse, dalla classica alla house, passando per R&B. Ho vissuto Londra tra il 1998 ed il 2001, periodo in cui la sperimentazione e la ricerca musicale erano nel vivo da quelle parti. In carriera ho venduto un paio di milioni di copie, ma nella vita oggi non faccio il musicista per (poter) vivere, come saprai bene il mercato musicale è per il 99% fuffa, etereo, evanescente, quasi un’ectoplasma… ed ho parzialmente rinunciato al sogno e iniziato una carriera professionale del tutto trasversale. E la musica? Beh dopo anni di riflessione (psyco-depressione musicale) sono ripartito scrivendo e lavorando solo a progetti che mi fanno divertire, ed uno di questi è proprio Falsi d’Autore che mi intriga molto.

In pratica il progetto è molto semplice, prendere delle canzoni italiane super famose, levare la parte musicale (distruggere e destrutturare è il mood) riscrivere la musica e riarrangiare il tutto senza vergogna! Ma come mi è venuta in mente questa follia? È successo che una sera sono andato a dormire con “questa” melodia agganciata a “quel” testo: la mattina invece il pensiero era peggio, praticamente mi sono svegliato con tutto finito nella testa e come una ossessione ho dovuto accendere il Mac alle 7:30, far partire Logic mentre mia moglie mi diceva “fate tardi a scuola” (figlio da accompagnare) per buttare giu al volo un piano e voce e fissare quella follia. Per finire il brano di Claudio Baglioni ci ho messo 6 mesi, è stato tutto un finisci, ricomincia, distruggi, ritocca ecc ecc, sono piuttosto critico nelle mie cose, ma alla fine alle porte del lockdown il brano era fatto. A quel punto, restando obbligatoriamente in casa, mi sono detto .. accendi Final Cut e fatti il video.. e così è stato, poi l’ho messo in rete dal 4 Aprile …