Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•18/03 - Spartan Warrior Hell to Pay (Pure Steel Records) – Il ritorno del guerriero spartano…
•17/03 - Jena Lu - Le dita nelle costole (I Dischi del Minollo), il rock acustico che nasce negli anni 90
•16/03 - Madrugada - Romea ((r)esisto) l'incontro tra funk, jazz e rap in un colpo solo
(altre »)
 
 Comunicati
•18/03 - Mercoledi' 20 Marzo 2019 esce Non C'e' Un Cazzo da Ridere, disco dei napoletani TheRivati
•17/03 - Esce l'8 Aprile per MiaCameretta Records il quarto disco dei ravennati The Doormen
•14/03 - Sir Eliot Gardiner dirige l'orchestra di Santa Cecilia per i 150 anni dalla morte di Berlioz
(altre »)
 
 Rumours
•18/03 - Alan Stivell torna in Italia per tre date a marzo con la Electric Band
•15/03 - Dimartino presenta Afrodite in tour, ultime date a Roma e Bologna
•14/03 - Jacopo Ferrazza presenta Theater in trio alla Casa del Jazz
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 28/07/2007 alle 09:36:45
Popi Fabrizio, un produttore ed un discografico da Museo del Louvres
di Giancarlo Passarella
Ha collaborato anche con Leandro Barsotti, Lara Martelli, I Ragazzi Italiani, Petra Magoni, Alex Baroni, Miguel Bose', Riccardo Fogli, Pitura Freska, Zucchero, Fabio Concato, Rossana Casale, Biagio Antonacci, Michele Muti, Giorgia ed i Rock Galileo.

Ha collaborato anche con Leandro Barsotti, Lara Martelli, I Ragazzi Italiani, Petra Magoni, Alex Baroni, Miguel Bose', Riccardo Fogli, Pitura Freska, Zucchero, Fabio Concato, Rossana Casale, Biagio Antonacci, Michele Muti, Giorgia ed i Rock Galileo.

Fare solo 10 domande a Popi Fabrizio e come andare a Louvres e riuscire a comprare il biglietto, ma non giungere nemmeno sul portone d'ingresso: dentro c'e' La Gioconda e tante altre cose da analizzare, odorare, capire, comprendere...

Buongiorno Popi: dove ti abbiamo disturbato? Nella aretina Badia al Pino?
Non mi si disturba mai per parlare di musica;si sono a casa.

Come ami definirti e perche'? Produttore? Talent scout? Ex discografico?
Quello che mi è venuto meglio è stato fare il talent scout e sono stato anche molto fortunato ...Il perchè di questa scelta è presto detto: in genere con gli artisti affermati non hai mai molto spazio come Direttore Artistico mentre con i giovani ti devi inventare tutto, devi conoscerli e farti conoscere, capirli e farti capire ed instaurare un rapporto prima di tutto umano. Solo così puoi esaltarne le doti e nasconderne i difetti. La sfida è molto più esaltante in questo modo.

Mi ricordo di un brano intitolato Il Giornale di Domani: era il 1984 e con Riccardo Fogli le note dell'album diceva che ci hanno cantato Popi e Maurizio Fabrizio ... E' stato l'unico caso in cui con tuo fratello ti sei cimentato in questo ruolo?
Nel 1970 la allora CBS ci firmò un contratto come duo. Ci consideravano un pò come i Simon e Garfunkel italiani e ci presentarono prima al Festival di Venezia e poi al Festival di S.Remo.Il nome d'arte lo scelse l'allora Direttore Artistico Franco Crepax ed era MAURIZIO & FABRIZIO!! Oltre a questo siamo stati coristi nei "4+4 di Paola Orlandi" per almeno cinque anni.

Da quasi una decina d'anni con tuo fratello collabori in modo piu' stretto: oltre che in ambito discografico, la vostra attivita' ha toccato anche il settore del musicals....
Quella del teatro è un'esperienza affascinante:La creatività musicale ha molto più spazio perchè hai a disposizione in genere due ore di spettacolo e poi non sei ancorato a mode,suoni,schemi e quant'altro affligge la discografia. Soprattutto non devi preoccuparti di quel termine da anni in uso e che io ritengo aberrante: RADIOFONICO! Io non ho ancora capito cosa significhi e quale sia il suo vero ruolo. Tornando al teatro sono 3 i musicals andati in scena,"IL GRANDE CAMPIONE" con Massimo Ranieri,"VALENTINO" con Raffaele Paganini e "UNA TERRAZZA PER DUE" con Flavia Astolfi e G.Luca Ferrato. E' stata un'esperienza positiva senza dubbio, peccato però che sia molto difficile lavorare perchè i teatri ti chiedono o il titolo conosciuto o l'attore/attrice affermati.Non c'è spazio per le novità, purtroppo.... Comunque noi insistiamo.

Era il 1995 quando io votavo a Viareggio per le selezioni del Festival di Sanremo e passarono i Rock Galileo, band che poi firmo' con te che eri alla RCA a Roma? Quali ricordi hai di Saverio Lanza e dei suoi Rock Galileo?
Questi ragazzi sono stati la mia grande spina nel fianco,il mio più grande rammarico.Erano straordinari e fu il mio collaboratore in BMG, Fulvio Mancini, a parlarmene la prima volta e ad insistere perchè io li andassi a sentire suonare dal vivo.Organizzammo il concerto per l'audizione al Big Mama,mitico e famosissimo locale di Roma.Una folgorazione!! Preparammo il disco e i ragazzi sbaragliarono tutti gli altri gruppi alle selezioni per il Festival di S.Remo garantendosi la finale del febbraio successivo. Ma,ahimè,un pizzico di presunzione da parte loro ed il non essere riuscito ad impormi io come loro Direttore Artistico nella scelta del brano mandarono tutto a rotoli. Dalla BMG li portai poi nella mia etichetta,la PPM, ma il momento magico era purtroppo passato ed è per questo che il mio rammarico è grande.I Rock Galileo erano un trio straordinario, molto più forti, preparati e capaci di tanti gruppi che oggi si vedono nelle classifiche e sono nelle preferenze dei ragazzi.....Peccato,un vero immenso peccato.Forse erano troppo avanti rispetto al momento.
Quanto a Saverio Lanza lo reputo uno dei migliori musicisti italiani ed un ottimo compositore.Ci sentiamo,ogni tanto,ed il rapporto è buono. Sono molto felice del suo successo; purtroppo le nostre strade non viaggiano più parallelamente. I Rock Galileo mi ricordano quello che successe con un altro gruppo del quale ero letteralmente invaghito,gli OBIWAN per i quali ho tentato di tutto all'inizio della mia carriera di talent scout. In effetti era un duo, composto da Claudio Guidetti,oggi affermatissimo compositore nonchè produttore di Eros Ramazzotti,e Aldo De Scalzi,fratello di Vittorio dei New Trolls ed affermato compositore di musiche per fiction.Evidentemente non era destino.

Ti faccio ora un po' di nomi e tu mi dai qualche aggettivo per ognuno di questi artisti. A te il compito di abbinare il tutto o all'aspetto discografico o anche a quello umano ..
Leandro Barsotti.... Un poeta che non ha avuto il giusto riconoscimento
Lara Martelli .... Bravissima ma ingestibile
Lisa ....Grande voce ma poco carattere
I Ragazzi Italiani ....Enormi per quello che sono riusciti a fare senza averne i mezzi.
Petra Magoni ....Uno zaffiro (che non sono riuscito a valorizzare)
Alex Baroni .....E' difficile parlare di chi ci ha lasciati così presto.Una persona di grande spessore umano ed artistico.
Donatello ....Gli devo molto,ma non l'ho mai incontrato!
Riccardo Fogli .... Un professionista serissimo e preparato,una bellissima storia.
Miguel Bose' .... L'arte nel DNA.Un professionista vero con il quale è stato un grande piacere lavorare.
Pitura Freska ..La scommessa persa con Claudio Dentes,loro produttore.Non credevo all'operazione,mi convinse lui perchè credevo a lui e al suo entusiasmo .
Giorgia ....Di lei potrei parlare per mesi perchè per me lei ha rappresentato quello che è il sogno di tutti i talent scouts e dei Direttori Artistici. Un'artista immensa,superiore a tutti,per me superiore anche a Mina: la sua voce non ha uguali.Il nostro rapporto artistico è stato intenso e a volte turbolento ma infinitamente gratificante.Davvero una grande esperienza,difficile da dimenticare.Peccato che sia finita quando è arrivato il successo.
Zucchero ...Io e Maurizio abbiamo lavorato per anni con GianCarlo Lucariello nella produzione di Riccardo Fogli,Viola Valentino e Miguel Bosè.Conoscevo Zucchero,allora alle prime armi,mi piaceva molto ed un giorno riuscii a fargli fare un provino con Lucariello.Nello stesso giorno fece un provino con noi anche Vincenzo Spampinato.Alla fine Lucariello mi disse che potevamo sceglierne uno da produrre e mi chiese chi dei due preferivo.Io dissi ovviamente Zucchero,lui scelse Spampinato....... Alla fine ritrovai Zucchero quando arrivai come Direttore Artistico alla Polygram ma la mia responsabilità nei 2 dischi che feci con lui fu molto formale e di segreteria.

Chi mi sono dimenticato?
Più di tutti Fabio Concato, il signore della discografia italiana. Umanamente e professionalmente elegante, puro, profondo, culturalmente preparato. Di tutti è l'unico con il quale abbia mantenuto un rapporto sinceramente amichevole,fatto soprattutto di grande rispetto reciproco. Grandissimo cantante che non ama esporsi più di tanto più per pudore che per snobberia.Una gran bella persona. Poi Rossana Casale e Biagio Antonacci ... grazie al mitico Michele Muti che me lo fece ascoltare appena arrivai in Polygram così come Timoria e Denovo ... e poi penso gli artisti BMG che ho portato all'esordio discografico tipo Alex Britti e Tiromancino, oppure Scialpi, Mario Castelnuovo, Nada e infine una certa Filippa Pecorella che poi la Caselli ha fatto conoscere a tutti con il nome di Filippa Giordano. In BMG infine mi hanno rifiutato Geraldina Trovato,Paolo Vallesi e Laura Pausini!!

Scusami, ma abbiamo superato le 10 domande concordate: posso continuare? Nel 1986 sei entrato in Via Carlo Tenca alla sede della Polygram con il ruolo di Direttore Artistico: con chi hai lavorato?
Veramente ho iniziato quando ancora era in Viale Regina Giovanna comunque gli artisti sono Antonacci, Casale, Christian, Gianni Bella, Timoria, Denovo, Zucchero, Concato e tutta una serie di giovani che non sono riuscito a far emergere e i cui nomi non direbbero nulla.

Un suggerimento spassionato per i giovani artisti? Come devono avvicinarsi al mondo della discografia in questo momento di crisi?
Purtroppo sono finiti i tempi in cui si costruivano progetti a lungo termine. Oggi deve essere tutto immediato (ed inevitabilmente di poca durata nella maggior parte dei casi). Tutto è diventato difficilissimo, se non impossibile. Infinite meteore appaiono e scompaiono nel firmamento discografico nazionale ed internazionale. L'elettronica e le radio hanno accelerato la caduta in basso. A questo aggiungiamo la pochezza e le difficoltà delle multinazionali ed il quadro che ne esce è inevitabilmente cupo.Io stesso,oggi, faccio molta fatica a capire dove sta di casa il possibile successo. Ho provato a farlo da indipendente con la mia etichetta,la PPM, ma era tutto troppo difficile e costoso per me. Un esempio recente. Anni fa quando al Festival di S.Remo venivano scelti giovani presentati da etichette indipendenti c'era la fila delle multinazionali che volevano dividere con te il progetto o assumerlo in toto. Quest'anno ho avuto la fortuna di avere una artista fra i giovani. Ho dovuto fare tutto da solo perchè tutte le multinazionali mi hanno detto "Vai avanti tu,se poi funziona ne riparliamo"!!!Per questo non mi va di illudere nessuno.Il momento è difficilissimo.
L'unica cosa è crederci e credere nelle nuove forme di promozione e divulgazione delle proprie cose. Sperimentare le nuove strade mediatiche. La musica fa parte della mia vita,è la mia vita e questo vale per milioni di persone;quindi mai direi ad un giovane artista di rinunciare anche se di buoni motivi ce ne sarebbero a decine. Io spero soltanto che qualcuno riesca a ritrovare la luce per illuminare di nuovo quella che è la migliore espressione dell'animo umano,appunto la musica.

Parliamo dei tuoi momenti di relax? Come li passi e cosa ami fare?
Viaggiare e proprio viaggiando ho capito quale sarà il mio prossimo,grande,straordinario progetto al quale dedicherò, spero,il resto della mia vita.Per adesso è in embrione e preferisco non parlarne ma se vuoi te ne parlerò non appena comincerà ad essere una realtà.

L'ultimo disco che ti ha veramente impressionato? E l'ultimo concerto?
Quello di Gianna Nannini che io stimo moltissimo. Come concerto quello di Paul McCartney a Venezia e tutti quelli di Giorgia al CLASSICO di Roma.Non sono gli ultimi che ho visto ma quelli che mi porto nel cuore.

Un tuo sogno nel cassetto? C'e' un artista con il quale ti piacerebbe collaborare?
E' una donna e sarebbe un RI-collaborare......Chiaro?
Scusa,forse sono stato un poco lungo ma per me parlare di musica è davvero un enorme piacere. Grazie per avermelo concesso...

 Articolo letto 11200 volte


Pagina stampabile