Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•18/04 - Phantomatica - Look closer (Autoprodotto)
•17/04 - Zeffjack - Friendless (Rocketman records)
•15/04 - Seraphic Eyes – Hope (Vrec) Biella rock city!
(altre »)
 
 Comunicati
•20/04 - Matteo Markus Bok il 21 aprile a Gulp Music (Rai Gulp)
•20/04 - Tra country e folk, ecco il nuovo album di Jenni Gandolfi
•19/04 - Gli Echo & The Bunnymen il 25 agosto al Todays Festival a Torino
(altre »)
 
 Rumours
•20/04 - Record Store Day, il 21 aprile apre a Roma Vinyl Room
•19/04 - Incanto Quartet, il 20 aprile esce The Sound Of Silence
•17/04 - Capoplaza, il 20 aprile esce l'album di esordio 20
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 29/07/2007 alle 10:41:13
Horns of Silence- l'album di debutto degli SpellBlast, band power metal nostrana
di Laura Gorini
Il power metal non è un genere musicale passato alla storia per la sua grande varietà dal momento che troppo spesso le band che lo propongono sembrano una la copia dell’altra.Questo cd lascerà pero' un segno nel panorama della musica alternativa.

Il power metal non è un genere musicale passato alla storia per la sua grande varietà dal momento che troppo spesso le band che lo propongono sembrano una la copia dell’altra.Questo cd lascerà pero' un segno nel panorama della musica alternativa.

Perciò quando ho avuto tra le mani Horns of Silence, il primo full lenght ufficiale dei nostrani SpellBlast ho iniziato a pensare che fossi innanzi all’ennesimo lavoro palloso, composto da canzoni tutte uguali, prive di una vera vena creativa di fondo, della serie “suoniamo tanto per perdere tempo e per fare i fighi sul palcoscenico”. E invece come nel mio ormai vecchio e bacucco stereo ho inserito suddetto cd mi sono dovuta immediatamente ricredere perché il sound che questi giovini propongono è ben lontano dall’essere definito come banale e sentito e risentito grazie ad alcune accurate pennellate folk che donano al tutto un sapore squisitamente fiabesco che in questo contesto non guasta affatto.
Le liriche proposte, nove in tutto, rivelano nella loro splendida “architettura strumentale e armonica”, una ragguardevole capacità interpretativa non solo del loro validissimo vocalist che non sbaglia un colpo ma anche degli altri componenti del gruppo.
Non c’è che dire: Horns of Silence è un lavoro da amare, da ascoltare e ri-ascoltare più volte anche di seguito per comprendere al massimo grado tutte le sue infinite perle di cui è ricco.

Ecco qui di seguito la tracklist:
1-In the name of Odin
2-Lost The Forest
3-Losing Reality
4-Glory to the Gem
5-Goblins’ Song
6-Legend of the Ice Wolf
7- Sign of the Unicors
8-Resurrection
9-Knights of Darkness

 Articolo letto 4788 volte


Pagina stampabile