Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
DVB-T2, il digitale terrestre di seconda generazione ed il rilascio della banda 700 entro il 2022
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Improvvisa scomparsa del bassista Angelo Nacca: ne parliamo con Stefano Ferro ..
•15/10 - Pierluigi De Luca, 30 anni di musica sulla strada dove camminare
•13/10 - Foscor, ombre catalane .. tra dark rock e metal ..
(altre »)
 
 Recensioni
•19/10 - Giuni Russo – Armstrong (GiuniRussoArte/Pirames, 2017)
•16/10 - Davide Viviani - L'Oreficeria
•15/10 - Procol Harum- Roma (Auditorium Parco della Musica) 9/10/2017
(altre »)
 
 Comunicati
•20/10 - Rkomi, nuove date per Io in Terra Tour
•20/10 - Rodrigo D’Erasmo firma la sua prima colonnna sonora per il cinema
•19/10 - Negramaro, nuovo tour negli Stadi nel 2018
(altre »)
 
 Rumours
•20/10 - Andrea Ramolo a Le Mura di Roma, ultima data del suo Nuda Italian Tour
•19/10 - Cristina D'Avena, ecco i big che duettano in Tutti cantano Cristina
•18/10 - Solitude 2.0 nuovo video e singolo per i Mantram
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 29/01/2008 alle 12:13:52
Angela Kinczly - The Legendary Indian Acquarium and other stories (Kandinsky Recs), trip-hop jazzato e rock folk sussurrato
di Giancarlo Passarella
Bresciana, anomala nel proporre con garbo la sua anima muliebre, filtrata dall'amore per Joan Baez, Nick Drake, Dead Can Dance, Nick Cave, Portishead, Jolie Holland e Billie Holiday. Canta in inglese, italiano e francese.

Bresciana, anomala nel proporre con garbo la sua anima muliebre, filtrata dall'amore per Joan Baez, Nick Drake, Dead Can Dance, Nick Cave, Portishead, Jolie Holland e Billie Holiday. Canta in inglese, italiano e francese.

Me la immagino impegnata in mille attivita', anche lontano tra loro: ambasciatore per l'Unicef, semplice donna bretone che cura i suoi vasi di fiori, ma anche neo maestra della penna rossa alle prese con una classe di veri tupamaros travestiti da bambini. In tutte queste occasioni cerca di far sentire la propria opinione, ma la sua educazione le impedisce di urlare: un verbo cosi' non esiste sul suo vocabolario... non esiste!
Questo disco e' una perla opaca ed al contempo preziosa, dove i loop e tutto il tappeto sonoro e' perfetto nei momenti in cui non sovrasta la liricita' cristallina della composizione tessuta dall'interprete: non mi piace pertanto un brano come Black beast che stona vistosamente in una collezione amabile di 9 prismi come quella che costituisce tutto l'album The Legendary Indian Acquarium and other stories. Il seguente Canone sembra uscito da un vecchio vinile degli Steeleye Span, anche se cantato in francese: l'elettronica qui disturba volutamente la seconda parte del brano, ma non e' invasiva, ma moderna e sapiente.
Le critiche piovute su questo disco sono state tutte positive ed alcune volte sono da sposare appieno, come quando viene scritto che ...Variegato, questo album in effetti ti sorprende nelle composizioni che non sono mai banali o afflitte da cliché, con cambi che ti stupiscono, come in Stay by my side, brano dal ritornello spiazzante per il repentino quanto azzeccato cambio di registro con le chitarre pizzicate....

La formazione che sta dietro a questo disco (e che si esibisce in concerto) e' la seguente:
Angela Scalvini - vocals, guitars, clarinet
Isacco Zanola - bass, synth and programming
Maurizio Rinaldi - guitars.
Matteo Pancera - drums.

Anche il package del cd e' all'altezza delle aspettative: campeggia il blue ed i colori pastello, perche' nell'animo umano ci sono entrambi, specialmente se entrambi li associamo alla tristezza ed alla riflessione. Sfruttate il suo MySpace per farvi una idea di quali atmosfere struggenti sia in grado di creare The Legendary Indian Acquarium and other stories, cd gia' ammaliante dal titolo.

Angela Kinczly - The Legendary Indian Acquarium and other stories (Kandinsky Recs)
1. Venus
2. The bench
3. Envie
4. Black Beast
5. Canone
6. Stay by my side
7. I could die
8. Lullaby
9. Le cose più strane

Grazie ai buoni uffici dell'ufficio stampa L'Altoparlante di Fabio Gallo, quella che ho ricevuto e' l'edizione limitata del cd che contiene la ghost track dell'ultimo brano in francese ed inglese. Un ringraziamento anche a Paul Brown della Kandinski paolobruno_001@fastwebnet.it

 Articolo letto 6210 volte


Pagina stampabile