Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•23/11 - Beppe Chierici – Nuovo Cantacronache 3 (Il Cenacolo di Ares IRM 1561) vivere fuori dal branco, frequentando il bassofondo ..
•11/11 - Radio Vudu’ - Zagor, Charlotte e Altre Avventure (Killer Dogz Music Factory KDMK007) punk rock milanese, scarno, storico ...tra i grandi laghi, il grande spirito con la scure …
•09/11 - Ivana Cecoli - Io non so se tu lo sai (San Luca Sound)
(altre »)
 
 Comunicati
•23/11 - J-Ax e Fedez, arriva la multiplatinum edition di Comunisti col Rolex
•23/11 - Cesare Cremonini, esce Possibili Scenari
•23/11 - Fabrizio De Andrè, la track-list di Tu che m'ascolti insegnami
(altre »)
 
 Rumours
•23/11 - Gianna Nannini, successo in prevendita per il Fenomenale Tour
•23/11 - Little Steven and The Disciples of Soul, rimborsi per le date di Padova e Roma
•22/11 - Diponibile il video di Come è profondo il mare di Lucio Dalla con Luca Carboni
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 25/07/2008 alle 17:53:09
R.E.M.: How Verona Was Won
di Ambrosia J.S. Imbornone
E' lontano quel 5/04/1980 in cui Stipe,Mills,Buck e Berry diedero vita ufficialmente ai R.E.M.Ma il memorabile concerto nella splendida arena di Verona del 21 luglio dimostra che la band ha ancora eguale entusiasmo,energia,candore.R.E.M.rocks!

A voler sintetizzare lo stato di salute dei R.E.M. dopo il concerto di Verona, si può ricorrere facilmente ad uno slogan d’uso comune: R.E.M. rocks. Ed è superfluo precisare che si intende musicalmente. 28 anni di carriera non hanno fiaccato la grinta della band di Athens, che, dopo due album che rischiavano di risultare piatti, è tornata con “Accelerate” ad affondare il piede sull’acceleratore con un dignitosissimo disco energico e graffiante, che forse statisticamente è persino al di sotto dei soliti standard in quanto a percentuali di ballate. Pertanto, teatro lirico o meno, anche la storica arena veronese non poteva che essere travolta da quel flusso costante di emozioni (disagio, orgoglio e paura di essere sé stessi, voglia di lottare contro l’esistente per cambiarne i caratteri e superarlo, nella vita pubblica come in quella privata) che Michael Stipe e soci veicolano sul palco. In scaletta colpisce la rinnovata presenza e soprattutto la bruciante efficacia che mantengono ed anzi ritrovano le copiose canzoni estratte da “Monster” (1994): è durante “What’s the Freequency, Kenneth?” che per la prima volta il pubblico balza in piedi e vi resterà quasi ininterrottamente, dopo l’autorizzazione ironica di Mike Mills. Frenetico e ossessivo è il ritmo di “Star 69”, mentre un’inaspettata perla che vela gli occhi di commozione è un’intensa “Strange Currencies”, inno all’inevitabile costanza dell’amore disperato. Un sound deciso, ma anche sperimentale assume infine “Let Me In”, che in un conciliabolo sulla sinistra del palco diventa ballata per chitarre acustiche e synths, acquistando un maggiore spessore di risonanza interiore e lampi aggiunti di autenticità che sanno dare i brividi. Ma il primo posto sul podio per la canzone più emozionante della serata è sicuramente molto conteso: “Cuyahoga”, con i riff di basso di Mills e i delicati ricami della chitarra di Peter Buck, bagna lo sguardo dei fan di tutte le generazioni, e un tuffo al cuore dà la struggente coda strumentale di “Country Feedback”, con uno Stipe pensoso, seduto su un amplificatore di spalle al pubblico, con lo sguardo perso tra i suoi pensieri, un grande assolo di Buck che dialoga con la seconda chitarra di Scott McCaughey e il piano di Mike Mills. Il calore tipico del pubblico italiano dal canto suo rende d’altronde semplicemente unici i concerti dei R.E.M. nel Bel Paese; il trio risponde all’affetto dei suoi fan con spontaneità e generosità. Solo i magnifici maxischermo sullo sfondo con le riprese in diretta della band e degli spettatori che affollano la spettacolare, ma ordinata arena, ricordano che si hanno davanti le star internazionali che nel 1996 rinnovarono il loro contratto con la Warner con la cifra record per l’epoca di 80 milioni di dollari. Il terzetto nato come quartetto in Georgia non sembra prendersi troppo sul serio: le presentazioni delle canzoni non hanno il sapore dell’ufficialità, ma sono sempre intrise di un pizzico di autoironia e del gusto semplice di lanciare nell’etere un altro brano di sicuro effetto. Quando Michael introduce l’inquieta “The Great Beyond”, la politica “Ignoreland”, o quella che definisce la sua canzone preferita di “Accelerate”, la coinvolgente “Hollow Man”, sembra chi sta per recapitare un bel regalo e pregusta la luce che si accenderà negli occhi di chi lo riceverà. Ogni brano farà cantare, ballare, saltare, e il gruppo sembra ben consapevole della precisa reazione che susciterà ogni pezzo in scaletta e orchestrare con maestria i sentimenti della platea e delle gradinate veronesi. Così nella setlist sono dosate con la massima attenzione le chicche del passato, riaggiornate alle sonorità dei R.E.M. più maturi: pezzi come “Wolves, Lower” (dal primo EP “Chronic Town”) o “7 Chinese Bros” (da “Reckoning”, 1984) perdono la dinamica di pieni e vuoti dei pezzi giovanili, ma corroborano e caricano di storia, di motivazione e di passione l’attuale sound rock ruvido e incisivo della band. La gestualità e i cori del pubblico sono diretti con entusiasmo in un’aria di festa da Stipe, che nella scatenata “It’s the End of the World As We Know It (And I Feel Fine)” controlla la temperatura della serata incitando il pubblico ad urlare i suoi “fine!”. A 48 anni infatti il carismatico frontman avrà abbracciato un look più compito, presentandosi in un impeccabile completo nero, ma non ha perso un briciolo della sua energia contagiosa né una goccia del candore dei suoi sorrisi, che accarezzano ancora quasi stupiti il pubblico dell’ennesimo sold out della sua carriera. Il feeling che Stipe e i suoi riescono ad istituire con il loro pubblico è così una rete palpabile di intese e di consonanze, di emozioni e di idee.
Durante gli “I’m not afraid” di “Imitation of Life”, i cori festosi degli spettatori sembrano tradire la voglia di credere che davvero possa esserci un mondo diverso. Anche se non si chiudono gli occhi davanti alla realtà e gli States (e il mondo con loro) hanno visto tanti “bad days”, puntualmente narrati e denunciati dalla band, nei bilanci prevale l’ottimismo e la volontà di rimboccarsi le maniche per ricominciare. “I'll trip, fall, pick myself up” in “Walk Unafraid” è una filosofia di vita, dominata dal coraggio di accettare anche di cadere, pur di essere fino in fondo sé stessi al di là di mode e modelli, per poi trovare la forza di rialzarsi. Forse dopo “the end of the world”, si fa un altro mondo. O perlomeno lo si può continuare a cantare.

Setlist:
These Days
Living Well Is the Best Revenge
Bad Day
What’s the Freequency, Kenneth?
Drive
Wolves, Lower
Ignoreland
Hollow Man
Cuyahoga
Houston
Electrolite
The Great Beyond
Strange Currencies
Walk Unafraid
The One I Love
Country Feedback
Let Me In
Star 69
Horse To Water
I’m Gonna DJ
Orange Crush
Imitation of Life

Encore:
Supernatural Superserious
Losing My Religion
7 Chinese Bros
It’s the End of the World As We Know It (And I Feel Fine)
Man on the Moon

 Articolo letto 6195 volte


Pagina stampabile