Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
•17/02 - Giulio Casale - Inexorable (Vrec, 2019) Un grande ritorno!!
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Pubblicato il 18/01/2009 alle 23:37:09
Mauro Di Domenico plays Morricone con Morgan e Sama domè con Badarà Sek
di Alessandro Sgritta
Il chitarrista napoletano Mauro Di Domenico pubblica un doppio cd: "Di Domenico plays Morricone" in omaggio al grande compositore romano che gli dedica "Non telefonare" e che contiene un duetto con Morgan, e "Sama domè" con Badarà Sek e Bobby Solo.

Il chitarrista napoletano Mauro Di Domenico pubblica un doppio cd: "Di Domenico plays Morricone" in omaggio al grande compositore romano che gli dedica "Non telefonare" e che contiene un duetto con Morgan, e "Sama domè" con ospiti Badarà Sek e Bobby Solo.

Dopo numerose pubblicazioni solistiche, Mauro Di Domenico è tornato in studio per realizzare un doppio album pubblicato da Italiapromotions e distribuito dalla Edel, dai rispettivi titoli "Di Domenico Plays Morricone" e "Sama domè". Un cofanetto speculare, il cui primo cd è un atto dovuto per omaggiare il grande maestro delle colonne sonore Ennio Morricone: tributo in cui le note del Maestro vengono rilette dalla chitarra di Mauro. L’altra metà del cielo, raccoglie invece le toccanti composizioni originali di Di Domenico. Musica principalmente strumentale dal sapore etnico e multiculturale, come un giro del mondo in pentagramma. Un album con cui Mauro Di Domenico rende così grazie al suo ispiratore, per poi sfoggiare il frutto di questo insegnamento in un ideale passaggio del testimone.

Eredità e patrimoni artistici. Retaggi culturali e passaggi di testimone. Mauro Di Domenico – accompagnato dall’inseparabile chitarra classica - torna con un doppio album: "Di Domenico Plays Morricone" e "Sama domè". Un doppio titolo, che sa di omaggio e consacrazione, con un occhio al padre putativo (cd 1), mettendo a frutto una musica nuova innegabilmente ispirata dall’insegnamento del Maestro Morricone (cd 2). Un omaggio reciproco, nato dalla passione del talentuoso chitarrista nei confronti del guru delle colonne sonore, a cui Morricone risponde dedicando a Mauro Di Domenico una propria composizione dal titolo "Non Telefonare". Un regalo prezioso e raro, perché tenendo conto dell’indimenticabile "Se Telefonando" – canzone/omaggio a Mina - è la seconda volta che il Maestro dedica una sua composizione a qualcuno estraniandosi dalle musiche da film.
Di Domenico Plays Morricone:
Per un pugno di dollari, C’era una volta il west, Nuovo cinema paradiso, La ballata di Sacco e Vanzetti: film indelebili nella memoria collettiva non solo per la loro bellezza intrinseca, devono ai commenti musicali di Ennio Morricone la capacità di toccare i cuori del grande pubblico. Attraverso il nylon della sua chitarra classica, Mauro rilegge le note di Morricone con la fantasia del pittore che traduce la bellezza della natura su tela. Se è vero che la perfezione della natura (la musica di Morricone) è ineguagliabile, con il suo quadro Di Domenico mette su partitura la sua visione delle emozioni suscitate dal Maestro. Una rilettura fedele, da un lato - quasi filologica negli arrangiamenti e nelle sonorità – e personale, con quel gusto chitarristico che unisce in un solo pizzico Segovia e Paco De Lucia. Tra i numerosi omaggi, è lo stesso Morricone a dedicare un brano al suo estimatore: nella tracklist, spazio a "Non telefonare", una musica inedita scritta da Morricone appositamente per Mauro Di Domenico.

Il gustoso aneddoto è bene affidarlo alle parole dello stesso Di Domenico:

“I Germi di questo album sono stati seminati nella mia mente almeno 17 anni fa, proprio quando ebbi l’occasione di conoscere il Maestro Ennio Morricone. Era il 1991, mi trovavo a montare delle musiche del Maestro per un balletto Rai insieme a Massimo Ranieri, ed ebbi la fortuna di incontrarlo in quel frangente. Da lì rimanemmo in contatto; Morricone ascoltò i miei album e volle incontrarmi di persona. Gli proposi il mio desiderio di reinterpretare le sue musiche e fu disponibilissimo aiutandomi per ogni dettaglio. Quasi per gioco si ipotizzò la possibilità di avere un brano inedito, finché un giorno mi invitò a casa sua a Roma per farmi sentire al pianoforte “Non telefonare”, dicendomi che era un brano dedicato a me. Lo registrai seduta stante col telefonino e corsi subito a casa per arrangiarlo e interpretarlo con il mio strumento. Il titolo è legato al fatto che in quel momento Morricone stava riorganizzando la linea telefonica di casa, e aveva il timore che telefonassi invano. Uno strano gioco del destino se si pensa che l’unica altra dedica da lui mai scritta – “Se Telefonando” omaggio a Mina – è anch’essa legata a questo immortale mezzo di comunicazione”.

L’album si conclude con un curioso binomio artistico tra Di Domenico e Morgan, nella pinkfloydiana versione de "The Ballad of Sacco & Vanzetti", in cui i due duettano vocalmente e strumentalmente.

Sama Domè
Un giro del mondo in pentagramma; un viaggio a tempo di musica. In due frasi, è questa la sintesi di un album dal sapore etnico e multiculturale come "Sama Domè" ("figli miei" dal senegalese). Un lavoro che non a caso segue il tributo a Morricone: Di Domenico rende così grazie al suo ispiratore, sfoggiando il frutto di questo insegnamento in un ideale passaggio del testimone. Sama Domè è un insieme di capitoli di ideali film della mente; paesaggi sonori di pellicole astratte e possibili, in un caleidoscopio di mille sapori stilistici. Dal flamenco ai ritmi tribali del Nord Africa, senza dimenticare la tradizione folkloristica Made In Italy, Di Domenico assorbe tutto traducendolo con la sua formazione classica. Attraverso l’impugnatura sicura del suo strumento, Di Domenico offre un saggio chitarristico in cui la perizia tecnica - lungi da un autoreferenziale narcisismo - è al servizio del buon gusto e della melodiosità. Come la preziosa dottrina di “papà Morricone” insegna. Ospiti vocali Badarà Sek in "Sama domm", Bobby Solo in "Desafinada" e Angela Brambati in "Genova Valparaiso".


MAURO DI DOMENICO presenta
Il doppio album
“Di Domenico Plays Morricone” e “Sama domè”
(pubblicato da Italiapromotions, distribuito da Edel)

Ufficio stampa e Promozione:
Luca Cacciatore - Alessandra Ballarini

 Articolo letto 5980 volte


Pagina stampabile