Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Seconda fase del contest Tieni il Palco con Musicalnews.com come media partner
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/09 - The Mugshots la bizzarria al potere ..
•11/09 - I Mother Nature ci raccontano il loro doppio contratto
•06/09 - Thunder Godzilla: l'invasione del mostro stoner metal
(altre »)
 
 Recensioni
•17/09 - Borrkia Big Band – Pausa caffè (VRec./Audioglobe, 2017)
•15/09 - Luca Aquino - Aqustico Vol.2 (Riverberi)
•15/09 - Monnalisa – In principio (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
(altre »)
 
 Comunicati
•19/09 - Garbatella Jazz Festival dal 21 al 23 settembre con I Trovatori, Pasquale Innarella e Pino Sallusti Legacy
•19/09 - Niccolò Fabi, Diventi Inventi esce anche in versione cofanetto
•19/09 - Levante: il singolo Pezzo di Me (feat. Max Gazze') conquista il disco d'oro digitale.
(altre »)
 
 Rumours
•19/09 - PFM, svelata la cover di Emotional Tattoos
•19/09 - Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli al cinema da Venezia a Roma
•19/09 - Lady Gaga malata: costretta a far slittare alcuni concerti, compreso quello milanese ..
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 21/02/2009 alle 11:51:56
Jessica Polsky e Andrea Vasumi: noi la grandissima coppia artistica di Cabarè
di Laura Gorini
Dal 9 febbraio la vera risata ha finalmente fatto capolino al Teatro Derby di Milano grazie a Cabarè, l’appuntamento settimanale con la comicità dove coralità e verità si uniscono all’insegna della battuta. Uno spettacolo di Domenico Liggeri.

Dal 9 febbraio la vera risata ha finalmente fatto capolino al Teatro Derby di Milano grazie a Cabarè, l’appuntamento settimanale con la comicità dove coralità e verità si uniscono all’insegna della battuta. Uno spettacolo di Domenico Liggeri.

Uno spettacolo ideato da Domenico Liggeri che ne cura anche la regia. A Jessica Polsky (qui in una bellissima foto di Andrea Chisasi) e ad Andrea Vasumi tocca il compito di conduttori e di capo comici della compagnia che va a delinearsi puntata dopo puntata a seconde dell’ospite presente.
Li abbiamo incontrati per farci svelare qualche chicca in più sul programma e per conoscere meglio i loro gusti musicali.

Ragazzi che cosa vi ha indotto ad accettare il ruolo di capocomici di Cabarè?
Jessica: Il fatto di avere a disposizione un gruppo di artisti con cui collaboro da molto tempo. Io non faccio la cabarettista ne la comica ma sono un attrice, però mi salva il mio carattere perché sono di mio molto buffa!
Andrea: Principalmente l’esperienza dell’anno scorso con questo gruppo di lavoro con cui ho collaborato per un altro progetto ( il laboratorio “Senza Impegno”); mi sono trovato molto bene con gli autori e i comici e quindi ho voluto ripetere l’esperienza! E poi perché prima di tutto mi diverto!

Più nello specifico di che cosa vi occupate?
Jessica: Dunque più che una conduzione standard ci occupiamo di guidare e indirizzare tutti sul palco, se consideri che quello che si va a svolgere sul palco è una specie di chiacchierata tra gli ospiti e il nostro cast, o una sorta di intervista di gruppo.
La particolarità è che il nostro ospite è sul palco con tutto il cast ma a differenza degli altri è tenuto legato a una sedia e quindi più che condurre effettivamente, dobbiamo moderare i dibattiti e mantenere l’ordine!
Andrea: Di gestire i comici sul palco e il re della serata ( l’ospite) dal momento che sono tutti a microfoni aperti e per tanto è un bel lavoro!

Come vi siete preparati per questo grande evento?
Jessica: Praticamente è impossibile prepararsi in qualche modo perché è tutto improvvisato; noi infatti non abbiamo idea di quello che può succedere. Abbiamo preparato più o meno le domande che sono fatte di volta in volta ai diversi ospiti ma il modo in cui questi rispondono o il cast reagisce è assolutamente imprevedibile per cui impossibile da preparare. L’unica cosa su cui ci siamo preparati è consolidare il nostro feeling che comunque è già molto forte.
Andrea: Abbiamo fatto delle prove e abbiamo una scaletta ma oltre questo c’è molto ma molto spazio per l’improvvisazione e tutto quello che abbiamo deciso sulla carta può non verificarsi poi effettivamente sul palco.

Quanto conta la preparazione artistico-teatrale in uno spettacolo del genere?
Jessica: Tantissimo. Io sono molto ferma su questo argomento perché io come attrice vengo da Broadway, ho passato una vita in teatro e sono figlia di una formazione altamente formale e professionale quindi non perdono in nessun caso e in nessuna forma la mancanza di professionalità. Anzi, a maggior ragione per quanto riguarda uno spettacolo comico di questo tipo che a differenza degli altri non si pianifica ed essendo imprevedibile è necessaria una maggiore padronanza del palco e una grandissima professionalità.
Andrea: E’ cabaret. Siamo comici. Io per esempio non ho fatto nessun tipo di corso e le conoscenze necessarie come quelle dei tempi e degli spazi sono importantissime ed è soprattutto l’esperienza che conta. Io faccio questo lavoro da dieci anni e ed ho imparato tutto dall’esperienza. Certo non è teatro impegnato; facciamo e faremo sempre del nostro meglio per far ridere ma con criterio chiaramente.

E l’arte dell’improvvisazione?
Jessica: Moltissimo ma io lascio improvvisare loro, come ti ho detto io riesco a improvvisare perché caratterialmente sono molto estroversa, alla mano e spontanea, quindi è in questo modo che improvviso. L’improvvisazione vera però- ribadisco nuovamente- la lascio a loro.
Andrea: Chiaramente molto!

Con quali aggettivi descrivereste Cabarè?
Jessica: Nuovo, originale, avventuroso, sorprendente, imprevedibile e divertente
Andrea: Unico, frizzante e divertente.

Come è strutturato?
Jessica: Dunque l’ospite che di volta in volta portiamo sul palco viene letteralmente rapito da casa sua e portato in scena legato a una sedia. Lì deve confrontarsi con il nostro cast in una sorta di grande chiacchierata come detto prima. Quello che il cast fa con il nostro ospite è principalmente una sorta di preparazione del comico che noi vediamo come se fosse un backstage: ossia il cast dei nostri attori chiede consigli all’ospite, che naturalmente è un esperto, sui passi per diventare un buon comico, proponendo domande, chiedendo consigli e approfittandone per esibirsi con propri sketch e farsi correggere. A volte anche invece il ruolo del cast è semplicemente quello di dare fastidio all’ospite o provocarlo. La cosa più interessante e caratteristica è che è proprio una specie di backstage; infatti i comici del nostro cast non entrano sul palco nel ruolo dei loro personaggi ma come attori comici che stanno cercando di imparare e che nel corso della serata evolveranno il loro personaggio per esempio indossando gli abiti di scena solo a un certo punto e' come fossero proprio in una sala prova.
Andrea: I nostri comici rapiscono un comico famoso con l’intento di rubargli il mestiere cercando inoltre di capire perché lui ce l’ha fatta, chiedendo consigli e proponendo sketch.

Qualche nome di comico illustre che ha calcato e/o calcherà il palco di Cabarè?
Andrea: Paolo Migone, Leonardo Manera e Franco Neri per le prime tre puntate. E poi...si vedrà!

Quali altri ospiti vi piacerebbe ospitare?
Jessica: Visto che è molto bella questa specie di backstage sul palco, sarebbe interessante e simpatico fare lo stesso per tutti i settori dello spettacolo e quindi non solo il teatro ma anche ad esempio la danza, il canto o il dietro le quinte di un film ecc. vedere quello che succede dietro le quinte è interessante sempre e grazie a questo anche che nello spettacolo c’è molto show.
Andrea: Personalmente Paolo Rossi, ma anche perché no, Benigni, Grillo o Teocoli, tutti grandi nomi comunque, personalità arrivate che hanno fatto il loro stesso percorso.

Ragazzi.. Musicalnews.com è un portale dedicato principalmente all’universo musicale. Avete voglia di rispondermi ad alcune domande a carattere prettamente musicale?
Andrea e Jessica in coro: Assolutamente sì!

Bene...Cominciamo da te Andrea... Se ti fosse chiesto di imitare un cantante italiano cosa risponderesti?
Andrea: Non saprei; di certo i miei preferiti sono Capossela, Ligabue e Vasco Rossi. Forse Capossela, ma non sono mai stato un grande imitatore!

Più in generale quale musicista italiano trovi particolarmente dotato di comicità?
Andrea: Capossela raggiunge dei momenti di grande ironia a mio avviso, ma parlando proprio di musica comica forse allora Elio e le storie tese e gli Skiantos sono quelli che mi vengono in mente in questo momento.

E straniero?
Andrea: Mi fanno molto ridere tutte le nuove boy band, la sensazione nelle averle tutte davanti mi fa sentire come se entrassi in un Mc Donalds!

La canzone più comica in assoluto che sia stata mai scritta?
Andrea: Essendo un comico e occupandomi del rapporto tra uomo e donna spesso, risponderei.. Teorema di Marco Ferradini.

Qual’è la tua colonna sonora ideale per una giornata di svago assieme agli amici?
Andrea: Musica anni Settanta e Ottanta. Rock e tutto quello che si può cantare; anche sigle dei cartoni animati.

E per una serata romantica?
Andrea: Tom Waits magari a un volume non molto alto!

Ti è mai capitato di dar vita a una gag dopo l’ascolto di un disco?
Andrea: Sinceramente no, però ascolto sempre musica di sottofondo!

E ora passiamo a te Jessica...Tu avuto modo durante la tua brillante carriera di intervistare tra gli altri, un mostro sacro della musica pop internazionale. Sto parlando di Robbie Williams...Che ricordi hai di quell’intervista?
Jessica: Per il livello di fama l’ho trovato davvero molto alla mano, soprattutto inaspettatamente buffo. Per citarne una si è presentato con le ciabatte! E’ un giocherellone.

Che cosa ti ha particolarmente colpito di lui?
Jessica: Che il suo tratto principale è quello di essere buffo. Mentre ci si aspetterebbe visto il successo tutt’altra persona.

Un tuo giudizio in merito sulle sue doti canore e artistiche?
Jessica:
Beh ...lui non è diventato famoso per particolari doti canore sopra la media ma quello che davvero è sconvolgente è il suo charm che è assolutamente evidente. Io sono stata anche al suo concerto e sono rimasta davvero impressionata e fulminata e per me è davvero difficile esserlo in quanto sono stata tutta la vita sul palco e sono molto esigente, ma lui è fantastico!

Pezzo preferito tra quelli composti da Robbie Williams?
Jessica: Sarò banale ma...Angel!

Più in generale... Quali sono i tuoi gusti musicali? Generi musicali preferiti?
Jessica: Di tutto e di più. La musica country è nel mio cuore perché sono cresciuta in Texas, a volte mi rifugio nella musica classica che è legata anche alla mia infanzia da ballerina. In generale comunque davvero qualsiasi cosa!

Artista e gruppo preferito in assoluto?
Jessica: Mi piace moltissimo una cantante country che si chiama Martina McBride; trovo infatti che sia una delle voci più belle della terra.

Canzone del cuore?
Jessica: The Dance di Garth Brooks: è una canzone country!

Ragazzi stiamo per giungere alla fine di questa lunga chiacchierata ma prima di andarmene rispondetemi a queste due ultimissime domande... Andrea, Che ne pensi di Jessica?
Andrea: E’ splendida, una ragazza da cui molti dovrebbero imparare soprattutto per la sua professionalità. Non ci sono aggettivi per descriverla, è brava, solare, precisa, professionale e soprattutto si mette sempre in discussione senza arroganza che è un dono fondamentale.

E tu Jessica che ne pensi di Andrea?
Jessica: È una persona splendida, sono felicissima di collaborare con lui, abbiamo un intesa fantastica e gli voglio molto bene.
Insomma... la nostra è una grandissima coppia artistica!

 Articolo letto 10980 volte


Pagina stampabile