Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
•17/02 - Giulio Casale - Inexorable (Vrec, 2019) Un grande ritorno!!
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 15/03/2006 alle 19:13:47
Dolcenera – “Il popolo dei sogni”
di Massimo Giuliano
Dolcenera prosegue con la sua musica melodicamente irruenta e ci regala un cd dove ciò che risalta è in primis la sua voce: aspra, roca, passionale e carica di grinta.

Dolcenera prosegue con la sua musica melodicamente irruenta e ci regala un cd dove ciò che risalta è in primis la sua voce: aspra, roca, passionale e carica di grinta.

L’album si apre con “Com’è straordinaria la vita”, presentata a Sanremo e qui proposta nella versione non censurata, quella in cui l’artista canta di chi vorrebbe “andare affanculo”. A ben vedere, la scaletta inanella pezzi anche più forti di quello festivaliero: le chitarre prevalgono in “L’amore” e “Giusta o sbagliata”, mentre i testi sono incisivi e tutt’altro che sdolcinati, spesso vicini alla denuncia sociale. La già citata “L’amore” è un duro attacco alla pedofilia, mentre “Resta come sei” parla di Laura, una ragazza omosessuale che deve misurarsi con i pregiudizi delle persone “normali” pronte a criticare la sua “diversità”. Il pianoforte si fa sentire un po’ ovunque: scelta giusta e ovvia, vista la bravura di Dolcenera sui tasti bianchi e neri.

Non c’è dubbio: questo suo essere in bilico tra tributo alla canzone italiana e voglia di rock è affascinante. Se poi un omaggio riguarda Gianna Nannini, ideale incontro dei due elementi, la goduria è assicurata: “America” è riuscita ed è un ottimo esempio di energia. Ma chi trionfa alla grande è Lucio Battisti, ricordato con una versione di “Emozioni” fedele all’originale ma al tempo stesso molto personale, grazie ad un’interpretazione di Dolcenera fortemente individualizzata, basata sul suo sentire interiore. Merita anche una menzione positiva “Wolf At The Door” dei Radiohead, rifatta in italiano con il titolo di “Il luminal d’immenso”: una citazione ungarettiana per un brano che non perde il suo smalto.

 Articolo letto 2225 volte


Pagina stampabile