Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Il crollo di Twitter e Facebook: speculazione commerciale o ritorno ai rapporti umani reali?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/08 - Dai Queen a Raffaella Carra’, partendo da Colle Val D’Elsa: il duo Daniela Lotti ed Ilaria Di Pasquale, assieme a Flavio Insinna ad Amatrice ..
•16/08 - Grazy ci racconta il tormentone dell'estate Kinder Pinguì
•15/08 - I Secondamarea presentano Slow in Agritour 2018
(altre »)
 
 Recensioni
•18/08 - Closer – Event Horizon (Broken Road Records, 2018) Il metal moderno che ci piace!!
•02/08 - Matteo Perifano - Uomo Europeo l'omaggio a Battiato, Branduardi e alla musica da camera
•02/08 - “Misantropi felici” è il nuovo video dei Pennelli di Vermeer
(altre »)
 
 Comunicati
•18/08 - Gli Armonite tornano con l’album “And the Stars above”
•18/08 - Maluma, il 13 ottobre a Busto Arsizio il nuovo idolo della musica latina
•17/08 - David Garrett in Italia a ottobre
(altre »)
 
 Rumours
•18/08 - Juke – Box Cento lire tre delitti per Greta e Marlon, il nuovo libro di Arosio e Maimone
•16/08 - Madonna Day su TimMusic con 60 brani per i 60 anni della star
•10/08 - Edoardo Bennato in concerto a Vulci, unica data nel Lazio
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 28/09/2009 alle 09:35:15
Things to save on rockbiz: la nostra intervista alcolica con gli EverGlade!
di Shpresa Tulekul
Mattia, Silvio, Matteo e Luca vivono un momento d'oro: l'uscita di un disco, le sirene che li chiamano dagli States, film, videoclip! Con loro ricordiamo lo show veronese dei Pearl Jam di tre anni fa e critichiamo Scream di Chris Cornell.

Mattia, Silvio, Matteo e Luca vivono un momento d'oro: l'uscita di un disco, le sirene che li chiamano dagli States, film, videoclip! Con loro ricordiamo lo show veronese dei Pearl Jam di tre anni fa e critichiamo Scream di Chris Cornell.

Un bentrovato ai quattro Everglade: un 2009 questo dannatamente importante per voi...
Luca = Ciao!
Mattia = Grazie e un saluto anche a voi di musicalnews! Questo 2009 è l’anno di uscita di Things to save, nostro primo disco ufficiale, per cui ce lo ricorderemo per un bel po’ immagino…
Silvio = Ciao .. effettivamente è un anno importante, e credo di non dimenticalo facilmente.
Matteo = Ciao, effettivamente lo è! Tante le cose che cambiano, anche nel modo di rapportarci al nostro hobby!

E' ovvio che la vostra passione per la musica vi fa andare avanti, ma quanto e' difficile? Avete un altro lavoro?
Silvio = Si, è abbastanza impegnativo andare avanti, basta solo pensare a tutte le sere che ci troviamo a suonare! Credo che comunque abbiamo ancora abbastanza forza per continuare. Come gli altri anch’io ho un lavoro, e per fortuna mi permette tranquillamente di poter suonare con loro.
Matteo =Non è difficile, basta dare la priorità alle giuste cose.....sicuramente, ora come ora, con la mia voce non ci pago le bollette. Mi reputo fortunato ad avere un lavoro al giorno d'oggi e ancora più fortunato a cantare in un gruppo a cui è capitata una discreta opportunità per intraprendere un cammino importante. Le due cose coesistono ma il lavoro deve essere prioritario al momento.
Mattia = Idem: la musica rimane una passione, per quanto impegnativa visto le energie che vi dedico. Diciamo che il lavoro in ufficio finanzia quello sul palco anche se sarebbe bello avere scritto sulla carta di identità, alla voce professione, musicista.
Luca= Come gli altri pure io ho un lavoro “normale” oltre a suonare la batteria negli Everglade, e come gli altri il sogno che il mio strumento diventi un lavoro in testa c’è sempre.

Quali sono gli artisti che hai amato in gioventu' e quali invece quelli che segui di piu' ora?
Matteo= In gioventù????? Hey ragazzi, ho trent'anni!!!! No, dai, scherzi a parte, ho iniziato i miei padiglioni auricolari con band come i Doors, i Jethro Tull, Led Zeppelin e Hendrix....sai, le solite cose che i genitori ti passano quando inizi a diventare un po' più grandicello dicendoti : "senti qui, questa si che è musica!"......e non sbagliano! Poi andando avanti con gli anni mi sono appassionato alla scena grunge con preferenze particolari nei confronti di Soundgarden e Pearl Jam. Adesso ho orizzonti abbastanza diversi: Tool, Nine Inch Nails, Alterbridge, Zakk Wylde,....e comunque ogni cosa suonata bene e con cuore!!!!!
Mattia = Per quanto riguarda il mainstream ora seguo le uscite di band come Tool o Alterbridge (per dire le prime della lista), anche se per quanto possibile cerco di ascoltare di tutto; allo stesso tempo quando riesco seguo ciò che succede sulla scena locale.
Luca= Beh, in gioventù c'è stata la musica anni ‘70 in generale e poi naturalmente il grunge, mentre ora i miei ascolti sono molto più vari e spaziano tra diversi generi.
Silvio= Devo dire che quello che ho amato in gioventù sono dei gruppi abbastanza pop / rock italiano o per lo meno ero influenzato dalla gran parte dei miei amici che ascoltavano solo quel tipo di musica (per fare dei nomi Negrita, Ligabue, Litfiba). Oggi per fortuna le mie orecchie e miei gusti sono ben più ampi. Mi piace tutta la musica (dipende sempre da chi canta naturalmente). Al momento sono attratto dai Placebo, fino a 2 settimane fa ero attratto dai Nightwish…. ogni tanto mi piace cambiare genere/artista/gruppo per non essere influenzato troppo. Gli unici che rimangono in testa alla classifica restano i Pearl Jam.

Cosa non funziona nella filiera musica in Italia? Da dove cominceresti a cambiare le cose? Perche' vi siete rivolti all'estero?
Luca= Bella domanda! Per rispondere con due parole potrei dire che il problema dell'Italia è che si rivela essere come sempre il paese dei furbi...
Silvio= Cosa non funziona nell’ Italia? TUTTO!!! Non esiste interesse verso nuovi gruppi. Tutti si rinchiudono nei soliti personaggi da pensione. L’unico metodo per far cambiare le cose in Italia, come dice Mattia, è copiare i francesi. Non vedo altra soluzione.
Mattia = Ci vorrebbero pagine per dire cosa non va nella musica in Italia! Capisco che quello dei cd sia un business in calo e che non ci siano fondi da investire in nuovi artisti, ma è pur vero che non si cerca l’originalità per puntare su artisti “facili” che durano un’estate. Bisognerebbe per una volta impararee dai francesi, che ad esempio passano (per legge) in radio buona parte di musica prodotta in casa, per cui se il mercato richiede del R’n B (per dire un genere in voga) gli utenti sentiranno Beyoncè come artisti di casa dello stesso filone. Inoltre secondo me bisognerebbe incentivare i live diminuendo ad esempio le spese siae per i locali se lo spettacolo proposto è di musica originale. Forse sono di parte, ma mi viene in mente questo.
Matteo=Sono d'accordo al cento per cento con Matt e aggiungo che oltre a questo c'è ,da parte degli italiani ,una certa ignoranza a livello musicale fatta di ascolti facili e immediatezza, probabilmente dovuta al fatto che essendo un paese dell'età media piuttosto alta i palinsesti dei media sono decisi da persone che evidentemente sono rimasti troppo indietro con gli ascolti. Ne è un perfetto esempio la Sig.ra Maionchi che, pur essendo una delle più grandi scopritrici di musicisti di successo, ha gridato alla rivoluzione musicale ascoltando i Bastard Sons of Dioniso......penso proprio che non abbia mai sentito nulla dei Queens of the Stone Age o addirittura dei Kyuss nei primi novanta!!!!! Un decennio di arretrati per Mara!!!!!

Qual'e' l'ultimo concerto che ti ha affascinato? L'ultimo film e/o libro? Cosa invece ti ha deluso?
Mattia = Concerto: Pearl Jam a Verona nel 2006! Ero sotto la pioggia con questi altri tre ragazzacci. L’ultimo film che mi ha colpito invece è stato “Sette anime”. Cosa mi ha deluso? Devo dire “Scream” di Chris Cornell, soprattutto il primo singolo… Chi ricorda “Superunknown” o “Bad Motorfinger” dei Soundarden capisce ciò che intendo!!!
Matteo=Concerto: Pearl Jam a Verona 2006! Intensità e Calore!!!! L'ultimo libro che ho letto è stato Gang Bang di Pahlaniuk: uno spasso! La delusione: l'estromissione di tutti quei gran cabarettisti dalle selezioni di x Factor.....se li facevano passare sai che numeri in prima serata!!!
Luca= Come Mattia voto per i Pearl Jam all’Arena e per “Sette anime” e concordo riguardo la delusione per l’album dell'ex di Soundgarden e Audioslave: pure io ero da queste parti ai tempi d'oro dei Soundgarden!
Silvio= Come tutti gli altri anche a me ha affascinato il concerto dei Pearl Jam (oltretutto la pioggia l’ha reso ancora più emozionante). Di film ne ho visti tanti, però ancora nessuno mi ha dato qualche emozione particolare; mentre per me l’unico libro è “il ritratto di Dorian Gray”. Qualcosa che mi ha deluso?? Beh, il cd di Chris Cornell non lo prendo e nemmeno lo voglio sentire, per non restarci di m***a come gli altri. Per il resto proprio non saprei…

Parliamo del thriller Loro e della compilation Riot On Sunset vol. 12: che soddisfazioni vi stanno dando e come siete riusciti ad infilarvici ?
Luca= I contatti per il film li ha trovati Mattia, mentre per Riot On Sunset vol. 12 ci hanno cercati direttamente da Los Angeles. Due grandi occasioni per avere visibilità.
Mattia = Beh, nel film ci siamo infilati quasi per caso: il regista cercava attori e aveva pubblicato un annuncio, così ho chiamato dicendo che non sapevo recitare ma avevamo canzoni per la colonna sonora ed il risultato è stato molto buono direi. La compilation è arrivata insapettatamente: giusto un anno fa ci ha contattati la 272 Records di Los Angeles dopo averci ascoltati su myspace e siamo stati molto felici di partecipare. Davvero una bella soddisfazione sapere che dalla patria del rock sono venuti in cerca di noi!

Prima di questa formazione, avete suonato in altre band: quali? Come si vive musicalmente dalle vostre parti?
Luca= In passato e per il momento questa è l’unica band in cui suono…
Matteo= Ho suonato in una band chiamata Rosenkreutz (newwave-metal-prog-rock-jazz band) Musicalmente qui vanno troppo le cover band anche se c'è un fitto sottobosco costituito da musicisti incredibili che meriterebbero molto più spazio!
Silvio= Beh prima degli Everglade avevo un altro gruppo, facevamo cover tanto per suonare insieme e tenerci in allenamento e fine e da parte degli altri componenti non c’era nessuna voglia di mettersi in gioco o esibirsi davanti alla gente. Dalle nostre parti la situazione della musica è pessima! Se non fai ciò che ti chiede il pubblico non sei nessuno!!!! E qua da noi c’è gente che canta meglio di tanti artisti famosi, e che si rompe il c**o per diventare QUALCUNO!
Mattia = Anch'io non avevo mai suonato in altre band prima. La situazione musicale qui non è delle migliori, anche per i live: se non fai cover ti devi adattare ai pochi spazi che ci sono! Ed è un peccato dato che ci sono band interessanti nella “palude”: penso ad esempio a Nic-G & The Mogsy, Kismet o Heza.

Dice il nostro diretur Giancarlo Passarella che proponete del buon alternative rock etilitico, con una spruzzata di grunge gin: cosa avra' mai voluto dire? Da quanto lo conoscete?
Mattia = Lo conosciamo da un paio d’anni grazie al sito Musicalnews e alla trasmissione “Il Re del gancio”. Probabilmente il suo riferimento da barman si riferisce al nostro vecchio nome Etilika hehe.
Matteo= Secondo me ha capito che eravamo tutti ciucchi quando abbiamo registrato il cd.....

Diamoci un appuntamento fra un anno, 5 o 10: cosa faranno gli Everglade? Con chi si saranno esibiti?
Luca= Suonare con i Pearl Jam sarebbe fantastico, ci metterei la firma immediatamente!
Matteo= Tenterò di far entrare un V8 Chevrolet nel cofano del mio Volvo 460 così ai semafori brucerò i fighetti con l'ultimo modello di cabrio. Probabilmente finirò la mia carriera da solista esibendomi con una scimmietta che sarà comunque più apprezzata di me....no, scherzo....spero! Magari fosse possibile tra qualche anno stare in giro per l'europa aprendo i concerti degli Alterbridge!!!!!!
Mattia = Sognare non costa nulla quindi fra 10 anni spero anche io come Luca che ci sia l’occasione di suonare con i Pearl Jam o, per rimanere in Italia con gli Afterhours..
Silvio= Sarebbe fantastico che tra 10 anni fossimo già in giro per l’Europa a suonare, magari aprendo qualche concerto dei Pearl Jam o Alterbridge …. e magari staremo lavorando al III cd.

Un invito finale a sintonizzarsi sul vostro lavoro: cosa cercate di concreto nello showbiz? Cosa ci state preparando?
Silvio= Sicuramente! Stiamo preparando nuovi brani e nuovi suoni che rafforzano ancora di più lo stile Everglade.
Matteo= Stiamo già mettendo a punto nuovi pezzi decisamente più duri e lievemente più elaborati....al momento ne abbiamo 7 che spaccano! Per quel che riguarda lo Showbiz.....boh! Chissà che funzioni!
Mattia = Cerchiamo solo di esprimerci e fare ciò in cui crediamo, poi se lo showbiz apprezza meglio per noi. Cosa stiamo preparando? Beh, al momento il video di uno dei brani di “Things to save” con Stefano Bertelli ed il seguito di Loro con i ragazzi di GalpItalia…
Luca= Insomma, come vedete ci teniamo sempre artisticamente impegnati!

 Articolo letto 5891 volte


Pagina stampabile