Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/04 - Closer: guardando al futuro!
•13/04 - I Desounder sono sicuri: cambiare il mondo con il rock? Si può fare.
•10/04 - Alex De Vito presenta Io sono fuori
(altre »)
 
 Recensioni
•18/04 - Il negozio di musica di Rachel Joyce, un'appassionante favola moderna
•17/04 - Megàle: Imperfezioni (Area51 Records)
•16/04 - KrashKarma Morph (Splitnail Records) – Industrial evoluto
(altre »)
 
 Comunicati
•19/04 - Giorgia apre a Genova il Festival internazionale di Nervi
•19/04 - Festival Popolare Italiano, dal 25 aprile al Teatro Villa Pamphilj a Roma
•19/04 - Achille Lauro sabato 20 aprile a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•19/04 - Boomdabash ft. Cupido & Portusclan El Tigre on air con Que Te Enamores
•17/04 - Campusband 4 Musica e Matematica con Mogol, Mussida e Lavezzi
•16/04 - Chiara Galiazzo annuncia il nuovo singolo Pioggia Viola con J-Ax
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 06/03/2010 alle 15:44:24
Marco Mengoni un Re Matto ancora primo in classifica sognando di muoversi sul palco come Mick Jagger
di Pippo Augliera
Marco Mengoni e’ ancora saldamente al primo posto negli album con oltre 40 mila copie vendute. Si conferma come il nuovo talento piu’ interessante e originale degli ultimi mesi, dotato di mezzi vocali non comuni.

Marco Mengoni e’ ancora saldamente al primo posto negli album con oltre 40 mila copie vendute. Si conferma come il nuovo talento piu’ interessante e originale degli ultimi mesi, dotato di mezzi vocali non comuni.

Attualmente è in giro a presentare il suo nuovo lavoro nelle librerie Feltrinelli in varie citta’ d’Italia. Gli spazi ristretti non permettono alle folle numerose di potere accedere. Marco non canta in queste occasioni e ciò sta provocando qualche delusione in aggiunta a quella provata di chi resta fuori. Ma sono i rischi legati alla grande popolarità.

Marco cerca di affrontare questo impegno cercando di fare leva prevalentemente sulla sua ironia, che lo rende simpatico e viene fuori soprattutto quando fa uso di espressioni dialettali divertenti e divertite, molto lontane dal prototipo del cantautore ‘intellettuale’.

Di complimenti ne ha ricevuti tanti, di sicuro ha gradito quelli di Adriano Celentano e Mina, i due artisti tra i più longevi e più popolari del nostro panorama musicale italiano. Magari il suo sogno sarebbe quello di duettare con Mina oppure con Mia Martini, tra i suoi artisti preferiti, se fosse ancora in vita, e si limita ad esprimere il desiderio di cantare in coppia con Elisa e Giorgia, progetto più facilmente da concretizzare.

Tra i suoi idoli ci sono i Beatles ed esprime la sua grande ammirazione per Mick Jagger, storico leader dei Rolling Stones: ‘vorrei imparare molte cose da lui e assomigliargli per come si comporta sul palco, è travolgente!’

Definisce autobiografico “Credimi ancora”, ben piazzato nella top five dei singoli più venduti, rilevando la sua incoerenza personale: ’Parlo di me e dico alle persone che mi sono vicine e che mi vogliono bene di stare attente perché sò un po’ matto… Intendiamoci le amerò per tutta la vita ma per la mia sbadataggine le tratto male. Ma quando succede penso anche che sono proprio le persone che non mi tradiranno mai’.

Preferisce mantenere un naturale riserbo rispetto alle dichiarazioni del suo maestro ad X Factor sulle accuse di plagio del suo brano sanremese anche se è stato obbligato, sulla spinta del team di autori e produttori, a passare alle vie legali per tutelare la propria immagine e dignità artistica. Su queste situazioni sarebbe il caso di stendere un velo di……tristezza nei confronti di un maestro quando si vede ‘superato’ dal proprio allievo che ha dalla sua una giovinezza da attraversare.

E sull’uso degli occhiali commenta, intervistato, in modo scanzonato: ‘C’ho dieci/decimi ma che c’entra, anche la sciarpa la metto senza avere il mal di gola. E poi questi so’ mica da vista. A volte li metto pure senza vetri. Per quelli scelti a Sanremo, stavo a uscì dalla stanza dell’albergo, li ho visti lì e presi. Non c’è un motivo, li usavo prima, li ho messi e li continuo a mettere.Il look comincia la mattina. Uno se tuffa dentro all’armadio e vede quello che gli entra...’

 Articolo letto 10942 volte


Pagina stampabile