Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Azioni Benefiche Contro il Dolore: il 25 Marzo a Firenze questo convegno medico, con una spruzzata di rock ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/03 - Francesca Elena Monte e la musica brasiliana, un amore che parte da lontano
•18/03 - Kristallos, il nuovo disco di Eleonora del Grosso tra classica, swing e musica del '900: la nostra intervista ..
•28/02 - La Protesta e l'Amore: il cantautore Luca Bonaffini in un viaggio nel cuore della musica leggera italiana
(altre »)
 
 Recensioni
•19/03 - Loris Dali' - Gekrisi (Autoprodotto)
•18/03 - Marco Ligabue e la sua scoperta rock del dna che anima molte pagine di un diario …
•18/03 - Bruce Harper - Omonimo
(altre »)
 
 Comunicati
•22/03 - Sei felice il nuovo singolo e video di Fernando Alba
•20/03 - Greta Panettieri e la New Talents Jazz Orchestra il 22 marzo all'Auditorium di Roma
•19/03 - I DeProducers tornano con Botanica, in tour dal 21 marzo
(altre »)
 
 Rumours
•21/03 - Suono Questo e Sono Quello, il primo Ep da solista di O'Zulů dei 99 Posse
•20/03 - Addio a James Cotton maestro dell'armonica blues
•19/03 - Ascanio Celestini e Alessio Lega al Teatro Vascello il 20 e 21 marzo
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 22/08/2010 alle 23:00:35
Star FK Radium – Blue Siberia
di Ambrosia J.S. Imbornone
L’incanto di un minimalismo folk per violino, chitarra e batteria, prezioso e naturale come un fiocco di neve: ecco il nuovo disco del trio di Washington, prodotto da Jason Rubal (The Dresden Dolls).

Immaginate un microcosmo naturale, che in ogni angolo racchiude la semplice, stupefatta poesia delle cose: e’ questa l’impressione che lascia il raffinato progetto strumentali del trio di Washington Star FK Radium, che abbiamo l’onore di presentarvi in Italia.
Nove tracce, prodotte, registrate e mixate da Jason Rubal (The Dresden Dolls), in cui e’ come ritrovare il candore primigenio e l’eleganza dei suoni di un’orchestra da camera in una sfera della neve, che conserva luoghi incantati.
Mille sfumature, cangianti come le stagioni e gli stati d’animo, sono raccontate nei colori delle chitarre di Bill Martien, attraverso una grazia da carillon (si ascolti soprattutto la conclusiva “The Clearing”), o la forza minimale di un folk che pare cercare di suggere la magia pura dell’indie acustico canadese, il gusto per la musica che dipinge a lente pennellate paesaggi emozionali pazienti e grandiosi dei Sigur Rós e la delicatezza di arpeggi complessi quali quelli tipici di Jonny Greenwood. Ma l’ottima “Life in Slow Motion” conosce persino improvvise accensioni “latine”.
Sapiente e’ d’altronde l’orchestrazione del ritmo ad opera della batteria di Matt Clarke (si segnalano ad esempio anche le piccole accelerazioni “drammatiche” e dinamiche della struggente, morbida “Training Wheels” o la vivida, a tratti nervosa “Speedbike”). Inoltre alla “voce” portante della chitarra di Martien, che sembra settare il mood cardine di ogni brano, si affianca il canto lirico del violino di Alissa Taylor, spesso carezza perentoria come un soffio d’aria di triste rassegnazione, o ricamo onirico che come un velo si innalza, coprendolo, su di un freddo cielo invernale.
Il disco e’ tutt’altro che facile, ma la sua preziosita’ articolata, come quella di un fiocco di neve, si fa ammirare come un prodigio antico e rinnovato.

Tracklist:

Blue Siberia
Training Wheels
Karmara
Speedbike
Josie’s Porch Swing
Snow Angel
Life in Slow Motion
Chasing the Sun
The Clearing

 Articolo letto 5753 volte


Pagina stampabile