Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
•01/12 - Con gli Ancestral andiamo alla ricerca del Maestro del Fato…
(altre »)
 
 Recensioni
•11/12 - Bucalone: Bucalone (Autoprodotto)
•10/12 - Johnny Casini: Port Luis
•09/12 - Grandi insegne il grande allibratore - Ad oggi mancano, parlare del persona in maniera originale
(altre »)
 
 Comunicati
•11/12 - Sono i Thirty Seconds To Mars i primi big al Pistoia Blues 2019
•11/12 - A Pistoia la prima Blues City Club nelle vie del centro storico
•11/12 - Elisa il 12 dicembre a Rai Radio 2
(altre »)
 
 Rumours
•10/12 - Siae sulla tragedia di Ancona: per noi la sicurezza delle persone è al primo posto ma non rientra nei nostri compiti
•09/12 - Tragedia di Ancona, appello di Assomusica
•08/12 - Premio Ciampi 2018 a Livorno la serata finale con De Sio e Vecchioni
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 22/10/2010 alle 08:03:50
Mario Giammetti - Musical Box. Le canzoni dei Genesis dalla A alla Z (Arcana 2010), una suite di rock dreams
di Giancarlo Passarella
Ben 450 pagine per analizzare (con gusto, leggiadra e lente d'ingrandimento) quello che e' uscito da quella cooperativa di compositori che sono stati i Genesis: ovviamente solo il Giammetti poteva riuscire in questa opera omnia!

Ben 450 pagine per analizzare (con gusto, leggiadra e lente d'ingrandimento) quello che e' uscito da quella cooperativa di compositori che sono stati i Genesis: ovviamente solo il Giammetti poteva riuscire in questa opera omnia!

Qualche mese fa di Giovanni De Liso e' stato pubblicato un libro che presenta i testi griffati Genesis, proponendone anche un commento: il libro di Mario Giammetti affronta invece le singole canzoni come fossero parte integrante di un momento, una fotografia di un reale piu' o meno vero, un quadro di una esposizione alla quale volentieri partecipiamo.

Considerando anche la concezione concept dei primi dischi dei Genesis, e' ovvio che l'analisi di ogni canzone debba tener conto del contesto in cui e' nata e poi ha operato, raccogliendo (o meno) consensi o facili interpretazioni: a questo si aggiunga il fatto che come italiani il nostro e' un inglese appena velato di vera conoscenza, spesso letterario o peggio frutto dei vari metodi BBC per stranieri. Dello slang o del cockney non ne sappiamo nulla, bollando espressioni ostiche a tradursi come frutto del dialetto in cui l'artista si cimenta: da Brighton a Liverpool, la lingua inglese ha colori e sapori assai distanti ed e' come passare da Bari a Cremona, se paragonata a quella italiana.

Aiutato anche da una carta retro', il libro sembra proprio un diario di uno dei membri dei Genesis: in fondo Mario Giammetti lo e' uno di loro ed ha avuto il compito (postumo) di raccoglierne le memorie, cercando di sfruttare la canzone singola come chiave o passepartout per capire quel preciso fotogramma. La parte analitica del brano, viene subito esaurita in apertura di ogni scheda: compaiono infatti i riferimenti storici e burocratici, come ad esempio i dischi che contengono quel brano, ma anche l'elenco dei musicisti che l'hanno composta. Intelligente poi mi sembra lo spazio che ogni scheda possiede: non importa se si parli di iper successi come Follow you, Follow me o di canzoni spesso considerate minori, perche' ad ognuno le riflessioni occupano lo stesso spazio e numero di righe, mantenendosi cosi' con un modus operandi didascalico, ma non antipatico. Ed e' giusto che sia cosi', perche' per ogni artista la canzone e' paragonata ad un figlio: avete mai visto una mamma che fa distinzioni tra i suoi pargoli, stilando una classifica meritoria? Anzi... spesso il figlio piu' sfortunato, riceve piu' calore: quindi anche Mario Giammetti (nei panni materni di un diligente scrivano, assunto da anni nel ruolo di deus ex machina del magazine Dusk, the Genesis magazine) al brano meno noto (o inedito) dedica la stessa cura e lo stesso amore riservato ad un evergreen dei Genesis.

Come recita la quarta di copertina ...Ci siamo sempre considerati, prima di ogni altra cosa, una cooperativa di compositori. Per noi, le canzoni sono la cosa piu' importante dei Genesis..., dichiarazione del 1974 del Signor Peter Gabriel ....

 Articolo letto 5953 volte


Pagina stampabile