Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•25/03 - Will Ludford Addicted (autoproduzione – promo) – Il suono gentile
•24/03 - HOFAME - Un istante (Goodfellas) il nuovo linguaggio del pop
•23/03 - Anna Ox - Back air falcon dive (Audioglobe)
(altre »)
 
 Comunicati
•24/03 - Nek, il 10 maggio nuovo album e poi tour internazionale
•24/03 - Gli America tornano a luglio in Italia
•24/03 - Ruvio presenta il suo primo disco omonimo a Na cosetta
(altre »)
 
 Rumours
•24/03 - Francesco Renga, in radio L'odore del caffè in attesa del nuovo album
•24/03 - Achille Lauro, il 12 aprile esce 1969
•24/03 - Marco Mengoni inaugura le performance live di Apple Music
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 27/11/2010 alle 09:19:32
Un live collection per Mia Martini dedicato ai suoi autori preferiti con due inediti
di Pippo Augliera
Il titolo della raccolta Altro che cielo, in uscita il 7 dicembre con una etichetta indipendente Crisler distribuita dalla Self, introduce alle atmosfere dal vivo congeniali all’indimenticata interprete con due inediti in studio.

Il titolo della raccolta Altro che cielo, in uscita il 7 dicembre con una etichetta indipendente Crisler distribuita dalla Self, introduce alle atmosfere dal vivo congeniali all’indimenticata interprete con due inediti in studio.

In questo nuovo lavoro trovano spazio i brani che Mia Martini ha presentato nei suoi tour 1989/1990, realizzati dopo il suo ritorno a Sanremo con “Almeno tu nell’universo”, un capolavoro firmato da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio che non poteva mancare in questo contesto.

Della stessa coppia di autori, c’è anche l’intensa “Per amarti”, che nell’ultimo periodo della sua carriera trovava puntualmente spazio nelle scalette pensate per le sue esibizioni live, spesso abbinata ad un altro gioiellino musicale, cioè “Amanti”.

Sono presenti alcuni suoi cantautori preferiti: sul versante italiano Francesco De Gregori con “La donna cannone”, Lucio Battisti viene omaggiato con una energica versione di “Confusione”.

Dediche delicate a Claudio Baglioni, suo compagno di viaggio sin dagli esordi, con la struggente “I vecchi”, e al suo amato Pino Daniele, con il quale non è stata possibile una loro inedita collaborazione artistica, regala una intensa interpretazione di “Chi tene o mare” e in successione una grintosa “Il mare”.

Sul versante straniero colpisce la scelta di un brano dai sapori rock “It’s money that I love”tratto dal repertorio del grande Randy Newman, tra gli artisti preferiti da Mimì. Precedentemente, aveva ripreso la bellissima “Guilty” nel suo album “Miei compagni di viaggio” del 1983 che aveva preceduto il suo black out di sei anni, interrotto dalla incisione di una perla firmata da Paolo Conte “Spaccami il cuore”, bocciata clamorosamente dalla Commissione del Festival di Sanremo.

Fortunatamente, è stata salvata dall’oblio sia dall’artista, che l’ha riproposta più volte nei suoi concerti, evidenziando ancora di più la raffinatezza e l’eleganza della composizione, sia dall’attenzione di Miriam Makeba che l’ha incisa in coppia con Dizzy Gillespie (“Don’ break my heart”) nell’album “Eye on tomorrow”.

Con l’ausilio del sassofonista Eric Daniel, presente in “Chi tene o mare”, duetta in una stratosferica “Prod Mary”, strizzando maggiormente l’occhio alla versione soul blues di Tina Turner piuttosto che a quella originale dei Creedence Clearwater Revival.

Immancabile lo spazio concesso a Ivano Fossati, con “Danza” e “E non finisce mica il cielo”, presentata al Festival di Sanremo 1982 per la quale i giornalisti istituirono quell’anno il Premio Della Critica che dal 1996 è intitolato a lei.

Del suo repertorio vengono riproposti successi immancabili come”Padre davvero”, “Minuetto”, “Piccolo uomo”, “Agapimu” in greco e “Valsinha”, molto amato da Mimì, scritto da Vinicius De Moraes.

Chiude l’antologia la presenza di due inediti risalenti ai primi anni ’80 “Signorina” di Maurizio Piccoli e l’autobiografica “Amore mio (amore bello, amore assurdo)” che sembra dedicata a Ivano Fossati.

Una curiosità: in copertina vengono riportati i nomi degli autori interpretati definiti amici, da notare la clamorosa assenza di firme famose come Franco Califano e Bruno Lauzi.

Un cd imperdibile per i collezionisti, che potrebbe anche arrivare al grande pubblico con una adeguata promozione, ottimo come strenna per il Natale imminente.

Track list
Danza / E non finisce mica il cielo / It’s money that I love / La donna cannone / Confusione / Per amarti / Almeno tu nell’universo / Proud Mary / Chi tene ‘o mare / Il mare / I vecchi / Agapimu / Spaccami il cuore / Padre davvero / Valsinha / Piccolo uomo / Minuetto / Signorina / Amore mio (amore bello, amore assurdo)

 Articolo letto 5719 volte


Pagina stampabile