Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Marte - Metropolis in my head (Libellula) un rock rampante tutto al femminile
•20/02 - Stanza singola: l’album di debutto da solista di Franco126
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - XVII Premio Fabrizio De Andrè, ecco i finalisti
•21/02 - Alex Ricci degli Apres La Classe: esce con il suo nuovo singolo decisamente di pop soul elettronico
•21/02 - Queen, il 23 e 24 febbraio programmazione speciale su VH1
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Mahmood sabato 23 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/02 - La parte mancante, esce il disco di inediti di Francesco Di Giacomo
•20/02 - Noemi canta Vanoni nella soundtrack di Domani è un altro giorno
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 14/07/2011 alle 21:19:04
One Dimensional Man - A better man (Universal)
di Silvio Mancinelli
Si potrebbe mai dire che questa voce e questo sound siano italiani? Sto parlando dei One Dimensional Man, sui quali avevo perso le speranze per un nuovo disco. Ed invece ecco questo “A Better Man”

Si potrebbe mai dire che questa voce e questo sound siano italiani? Sto parlando dei One Dimensional Man, sui quali avevo perso le speranze per un nuovo disco. Ed invece ecco questo “A Better Man”, disco che sorprende in molti passaggi. Già l’approccio è diverso, e qui bisognerebbe chiedere agli affezionati, se sia di loro gradimento questo sound. Un suono meno hardcore e più “concettuale” dove l’elettronica giunge a intrecciarsi con le distorsioni delle chitarre e il suono lisergico dei sintetizzatori. Ma non finisce qui. Già il piano della canzone che dà il titolo all’album apre il lavoro degli O.D.M. in maniera fuorviante ma dà probabilmente l’apertura e lancia la corsa a “Fly” che farà sicuramente ballare, e molto, dal vivo. Insomma dalla potenza di “This Crazy” alla liturgia medievale di “Ever Sad”, almeno nella parte iniziale, ne conviene che gli One Dimensional Man sono tornati in grande stile e ci riportano un bel gruppo che fondamentalmente mancava, e ci mancava, nel panorama italiano.

 Articolo letto 2834 volte


Riferimenti Web

Pagina stampabile