Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Filatelia e musica rock, francobolli e collezionismo discografico: le mille osmosi …
 

www.fanzine.net
 Interviste
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
•17/12 - Bobby Posner tra nostalgia, rimpianti e progetti futuri
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
(altre »)
 
 Recensioni
•18/01 - The Allophones – Muscle Memory (VRec)
•18/01 - Metral Promo (autoproduzione) – Heavy Metal e basta
•17/01 - Cara Calma - Sulle punte per sembrare grandi (Cloudhead Records e Phonarchia Dischi)
(altre »)
 
 Comunicati
•17/01 - Al via la seconda stagione di Variazioni su Tema su Rai5 con Gege' Telesforo
•17/01 - Il Professor Vecchioni e la sua ossessione per il tempo
•16/01 - I Nomadi in concerto sabato 27 gennaio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•17/01 - Ghali il 19 gennaio a Radio 2 Live
•17/01 - Non e' mica da questi particolari che si giudica un cantautore, il 18 gennaio con Pino Marino
•16/01 - Alex Zuccaro premiato a Lecce: valente musicista, arrangiatore e collaboratore di Franco Migliacci, oltre che nell'opera rock sinfonica Stabat Mater ...
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 04/02/2012 alle 09:15:29
Ennio Rega – Arrivederci Italia (Scaramuccia Music)
di Antonio Ranalli
Un album che vuole essere un j’accuse all’apatia dell’arte e della poesia nell’Italia di oggi.

Un album che vuole essere un j’accuse all’apatia dell’arte e della poesia nell’Italia di oggi.

Raffinatezza musicale ed ironia corrosiva, musica e parole di forte intensità poetica pervadono le pagine di questo bellissimo lavoro del cantautore salernitano, per vocazione, fortunatamente, lontano da ogni convenzionalità.
Un evento, quello dell’album, incentrato sulla difficoltà che tanti talenti incontrano ogni giorni in Italia per emergere nei più disparati settori. Basta ascoltare brani come “La teppa dei marchettari” e “Giovannino”. Se Ennio Rega ha forse cristallizzato il cantautorato più innovativo, Zorn sta proseguendo da tempo la sperimentazione tra musica colta e pop. E in questa avventura si fa aiutare da validi collaboratori, come Lutte Berg (chitarre), co-artefice degli arrangiamenti, Pietro Iodice (batteria), Luca Pirozzi (basso elettrico e contrabbasso), Paolo Innarella (flauti, sassofoni, fischio), Denis Negroponte (fisarmonica). Coinvolti anche Luigi De Filippi (violino), Massimo Picone (basso tuba e trombone) e Sergio Vitale (tromba).
Tutto l'album è comunque pervaso da un vago senso di pessimismo: da “La curva del gatto” a “Lo sciancato”, dove emergono desolati paesaggi-prigione, mentre “Rosa di fiori finti” e “Lungo i tornanti” hanno un sapore un po' sinistro. La verità che queste canzoni ci mostrano è che se non credi nel tuo, di amore, come puoi credere in quello dell'altro? Sono solo bisogni disperati, d'amore a qualsiasi costo, a rimarcare che si è sempre soli. E chi stende queste pagine appare come un puro deluso dal mondo, un mite che fantastica, come è regola della letteratura, un poeta che si mette a nudo.

 Articolo letto 3196 volte


Pagina stampabile