Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Secondo la Siae il rock evergreen dei Rolling Stones (seguiti da Ligabue, One Direction e Blasco) rende ancora in Italia
 

www.fanzine.net
 Interviste
•22/11 - Giuseppe Iaciofano e la sua arte ricca di contaminazioni
•17/11 - Stefano Mordenti, il rocker romantico
•13/11 - Adamo Cirelli, il musicista dell' anima
(altre »)
 
 Recensioni
•23/11 - Eva’s Milk - Omonimo
•22/11 - Fatal Fusion The Ancient Tale (Karisma Records) – il buon rock non invecchia mai…
•21/11 - Exhumation Hymn to Your God (Dunkelheit Produktionen/Clawhammer) – heavy metal misterioso
(altre »)
 
 Comunicati
•23/11 - Ariana Grande, il 25 maggio 2015 a Milano
•22/11 - David Moss dalla Biennale di Venezia al Romaeuropa Festival
•21/11 - April Fools, uscito il nuovo album Manca Qualcosa
(altre »)
 
 Rumours
•22/11 - Ho la musica nel cuore, il nuovo video di Biagio Antonacci
•21/11 - Ancora disaccordo tra Renato Zero e la Sony
•21/11 - Mario Biondi in radio con Santa Claus is coming to town
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 29/02/2012 alle 08:46:41
Implosion è il titolo dell’album di esordio degli ungheresi Thornwill
di Emanuele Gentile
Alla faccia dell’autoproduzione… Da qualche anno a questa parte ricevo album autoprodotti che sembrano stampati da un’etichetta professionale. Il livello di management dei gruppi è generalmente cresciuto.

Alla faccia dell’autoproduzione… Da qualche anno a questa parte ricevo album autoprodotti che sembrano stampati da un’etichetta professionale. Il livello di management dei gruppi è generalmente cresciuto. Non posso dire questo delle etichette il cui lavoro è spesso ristretto all’apposizione di un marchio sulla confezione del cd. E può andare anche peggio… Dicevo professionalità dei gruppi. Ad esempio gli ungheresi Thornwill. Apro il pacchetto e mi trovo innanzi a un signor cd. Jewel box. Booklet strutturato come un fumetto! Cd serigrafato. Insomma, non sono andati per il sottile questi Thronwill.

Anche il contenuto – cioè la musica – non è da meno. Album di livello internazionale. Anche se è stato registrato in Ungheria il dischetto ottico suona che è una meraviglia. Il sound esce dinamico, con piene sfumature, potente e mai monotono. Si vede che il sound engineer è uno con i cabasisi. Non potrebbe essere altrimenti. La voce è registrata al punto giusto e si sente perfettamente in ogni situazione. Le chitarre hanno un sound corposo, distinto, pieno di groove e molto elettrico. La base ritmica è così perfetta che si è in grado di capire quale corda del basso stia suonando e quale elemento della batteria il drummer sta percuotendo! Alla faccia dell’autoproduzione. Lo ripeto.

Il sound che i nsotri Thronwill ci propongono è un mix di eccellenti cuvé heavy metal. Si parte con quel feeling gotico che contraddistingueva i primi Maiden. C’è il lato oscuro di quel meraviglioso gruppo che risponde al nome di Savatage. Il power metal tedesco è ben citato. E non guasta mai un tocco di tecnica alla Dream Theater. State attenti. I Thornwill non scopiazzano. Questo è bene rimarcarlo. Vi ho indicato i succitati nomi di band tanto per farvi capire le caratteristiche precipue del loro sound. Un sound heavy metal a tutto tondo. Riescono a creare un’atmosfera di grandezza e forza che non vi dico. Senza perdersi in sbrodolamenti fin troppo tecnicisti. Hanno la tipica compattezza del power metal teutonico. “Implosion” è un album di heavy metal. Non cercate altro…

I Thornwill sono un gruppo che già al debutto possiede una bella maturità artistica. Sanno scrivere. Sanno suonare. Sanno come registrare il loro sound. Non c’è altro da pretendere da loro. Sono usciti già con un album che è un gran bel biglietto da visita. Perfetto da ogni lato che lo si possa osservare. Purtroppo l’Ungheria non ha etichetta di un certo tipo in grado di lanciare su scala mondiale i Thornwill. C’è qualche etichetta interessata a farci un bel regalo e cioè a rendere disponbile a livello mondiale un album – “Implosion” – che farebbe la felicità di molti metallari? Dio Metallo se esisti batti un colpo!

 Articolo letto 2454 volte


Pagina stampabile