Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
•01/12 - Con gli Ancestral andiamo alla ricerca del Maestro del Fato…
(altre »)
 
 Recensioni
•11/12 - Bucalone: Bucalone (Autoprodotto)
•10/12 - Johnny Casini: Port Luis
•09/12 - Grandi insegne il grande allibratore - Ad oggi mancano, parlare del persona in maniera originale
(altre »)
 
 Comunicati
•11/12 - Lillo & Greg al Teatro Olimpico di Roma con Gagmen
•11/12 - Sono i Thirty Seconds To Mars i primi big al Pistoia Blues 2019
•11/12 - A Pistoia la prima Blues City Club nelle vie del centro storico
(altre »)
 
 Rumours
•11/12 - Albertino nuovo direttore artistico di m2o
•10/12 - Siae sulla tragedia di Ancona: per noi la sicurezza delle persone è al primo posto ma non rientra nei nostri compiti
•09/12 - Tragedia di Ancona, appello di Assomusica
(altre »)
Pubblicato il 15/07/2012 alle 11:17:17
Lady Ubuntu - Piuttosto che incontrarvi farei bungee jumping (Biggie rec)
di Silvio Mancinelli
Pensate a un Giovanni Lindo Ferretti, prima della sua chiamata al cattolicesimo berlusconiano, davanti ad un pc e scopre quelle che sono le nuove tecniche sonore.

Pensate a un Giovanni Lindo Ferretti, prima della sua chiamata al cattolicesimo berlusconiano, davanti ad un pc e scopre quelle che sono le nuove tecniche sonore. Così possiamo definire i Lady Ubuntu che sta a significare Lady Umanità, e il loro nuovo disco: “Piuttosto che incontrarvi farei bungee jumping”. Lady Ubuntu è un trio piemontese e questo disco è suonato con software open source. Il risultato però non è convincente al massimo. Nove tracce che sperimentano quello che è il lavoro da computer, passando da movimenti elettronici a distorsioni elettropunk. Non c’è cantato ma solo narrazione (che forse è la parte meno convincente dell’interno disco) che punta soprattutto alla critica politica. Il risultato è un lavoro un po’ freddo, e forse anche po’ troppo lo-fi, nel senso che fa passare il messaggio che conta più chi sa di programmi e onde sonore che i musicisti.

 Articolo letto 2229 volte


Pagina stampabile