Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/09 - Taberah, anche ai canguri piace il Metallo Pesante…
•21/09 - Hóros, poetica di un attraversamento verticale nella musica di Paolo Cavallone
•03/09 - Firenze sogna del buon rock e noi ne parliamo con Elisa Giobbi e Sauro Chellini, quelli di FirenzeSuona.
(altre »)
 
 Recensioni
•23/09 - Rock Prog Italiano 1980-2013 (Arcana, 414 pg, 25 €) di Massimo Salari - Raccontare il prog di ieri ed oggi
•21/09 - Catanzaro, Loredana Berte' esalta e diverte al Festival d'Autunno
•21/09 - Esterina - Canzoni per essere umani (Pippola music) il rock decantato nelle varie definizioni
(altre »)
 
 Comunicati
•22/09 - Milano Music Week, dal 19 al 25 novembre
•21/09 - Tornano i Take That, un'antologia e due concerti in Italia
•20/09 - Heidi Bienvenida, uscito il CD della serie tv con la sigla di Deborah Iurato
(altre »)
 
 Rumours
•22/09 - Ghali e Noizy insieme in Parku i Lojrave
•22/09 - Mumford & Sons, il nuovo singolo è Guiding Light
•21/09 - Chris Cornell, il 16 novembre esce un'antologia per celebrare l'ex Soundgarden
(altre »)
Pubblicato il 15/07/2012 alle 11:17:17
Lady Ubuntu - Piuttosto che incontrarvi farei bungee jumping (Biggie rec)
di Silvio Mancinelli
Pensate a un Giovanni Lindo Ferretti, prima della sua chiamata al cattolicesimo berlusconiano, davanti ad un pc e scopre quelle che sono le nuove tecniche sonore.

Pensate a un Giovanni Lindo Ferretti, prima della sua chiamata al cattolicesimo berlusconiano, davanti ad un pc e scopre quelle che sono le nuove tecniche sonore. Così possiamo definire i Lady Ubuntu che sta a significare Lady Umanità, e il loro nuovo disco: “Piuttosto che incontrarvi farei bungee jumping”. Lady Ubuntu è un trio piemontese e questo disco è suonato con software open source. Il risultato però non è convincente al massimo. Nove tracce che sperimentano quello che è il lavoro da computer, passando da movimenti elettronici a distorsioni elettropunk. Non c’è cantato ma solo narrazione (che forse è la parte meno convincente dell’interno disco) che punta soprattutto alla critica politica. Il risultato è un lavoro un po’ freddo, e forse anche po’ troppo lo-fi, nel senso che fa passare il messaggio che conta più chi sa di programmi e onde sonore che i musicisti.

 Articolo letto 2215 volte


Pagina stampabile