Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Filatelia e musica rock, francobolli e collezionismo discografico: le mille osmosi …
 

www.fanzine.net
 Interviste
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
•17/12 - Bobby Posner tra nostalgia, rimpianti e progetti futuri
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
(altre »)
 
 Recensioni
•16/01 - Anema After The Sea (Sliptrick Records) – Il lato progressivo di Ortigia
•15/01 - State Liquor Store -Nightfall and Aurora
•15/01 - Beppe Trabona – E’ tempo (cd 2017) da Albenga un disco di puro (e semplice) cantautorato … perché tu sorridi mentre ancora dormi …
(altre »)
 
 Comunicati
•16/01 - I Nomadi in concerto sabato 27 gennaio a Roma
•16/01 - Giorgia, il 19 gennaio esce Oronero Live
•15/01 - Luca Mele vince la tappa di Roma della Milano - Sanremo della canzone italiana
(altre »)
 
 Rumours
•16/01 - Alex Zuccaro premiato a Lecce: valente musicista, arrangiatore e collaboratore di Franco Migliacci, oltre che nell'opera rock sinfonica Stabat Mater ...
•16/01 - Addio a Edwin Hawkins, star del Gospel e di Oh Happy Day
•16/01 - Stasera a Parma la prima del piece teatrale Una Bestia sulla Luna, di Richard Kalinoski con traduzione di Beppe Chierici
(altre »)
Pubblicato il 15/07/2012 alle 11:17:17
Lady Ubuntu - Piuttosto che incontrarvi farei bungee jumping (Biggie rec)
di Silvio Mancinelli
Pensate a un Giovanni Lindo Ferretti, prima della sua chiamata al cattolicesimo berlusconiano, davanti ad un pc e scopre quelle che sono le nuove tecniche sonore.

Pensate a un Giovanni Lindo Ferretti, prima della sua chiamata al cattolicesimo berlusconiano, davanti ad un pc e scopre quelle che sono le nuove tecniche sonore. Così possiamo definire i Lady Ubuntu che sta a significare Lady Umanità, e il loro nuovo disco: “Piuttosto che incontrarvi farei bungee jumping”. Lady Ubuntu è un trio piemontese e questo disco è suonato con software open source. Il risultato però non è convincente al massimo. Nove tracce che sperimentano quello che è il lavoro da computer, passando da movimenti elettronici a distorsioni elettropunk. Non c’è cantato ma solo narrazione (che forse è la parte meno convincente dell’interno disco) che punta soprattutto alla critica politica. Il risultato è un lavoro un po’ freddo, e forse anche po’ troppo lo-fi, nel senso che fa passare il messaggio che conta più chi sa di programmi e onde sonore che i musicisti.

 Articolo letto 2136 volte


Pagina stampabile