Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Seconda fase del contest Tieni il Palco con Musicalnews.com come media partner
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/09 - The Mugshots la bizzarria al potere ..
•11/09 - I Mother Nature ci raccontano il loro doppio contratto
•06/09 - Thunder Godzilla: l'invasione del mostro stoner metal
(altre »)
 
 Recensioni
•17/09 - Borrkia Big Band – Pausa caffè (VRec./Audioglobe, 2017)
•15/09 - Luca Aquino - Aqustico Vol.2 (Riverberi)
•15/09 - Monnalisa – In principio (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
(altre »)
 
 Comunicati
•19/09 - Garbatella Jazz Festival dal 21 al 23 settembre con I Trovatori, Pasquale Innarella e Pino Sallusti Legacy
•19/09 - Niccolò Fabi, Diventi Inventi esce anche in versione cofanetto
•19/09 - Levante: il singolo Pezzo di Me (feat. Max Gazze') conquista il disco d'oro digitale.
(altre »)
 
 Rumours
•19/09 - PFM, svelata la cover di Emotional Tattoos
•19/09 - Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli al cinema da Venezia a Roma
•19/09 - Lady Gaga malata: costretta a far slittare alcuni concerti, compreso quello milanese ..
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 27/11/2012 alle 18:16:17
White Voodoo di Peter Blast è un grandioso esempio di puro hard rock (Big Bang Entertainment Group)
di Emanuele Gentile
Leggendo le note copertina di questo meraviglioso album si ha l’impressione di veder schierata una all stars dell’hard rock a stelle e striscie.

Accidenti che album ha confezionato Peter Blast! Non si tratta di un semplice album di hard rock come ce ne sono tanti in giro. Si tratta, al contrario, della summa theologica dell’hard rock contemporaneo “made in Usa”. Un album straordinario! Non c’è che dire… E già che ci sono vi faccio i nomi dei guest presenti. Ecco l’elenco completo: membri e ex membri di The Small Faces, Faces, The Rolling Stones oppure Ian McLagan, Rick Richards degli Izzy Stradlin's JuJu Hounds, Sami Yaffa degli Hanoi Rocks, The NY Dolls, Michael Monroe, Rick Price dei The Georgia Satellites, Chip Znuff degli Enuff Znuff, Dan Curry degli Hi-Fi & the Roadburners ed anche membri del giro di Peter Blast come Gaby Zero, Pablo Castro, Spyder Darling e Dan Curry. Uno a leggere le note di credito gli viene un infarto. Né più né meno…Insomma, “welcome to the paradise of hard rock”!

Chi è Peter Blast? Il nostro veterano della scena hard rock americana è in attività dagli anni settanta allorquando nel 1978 fondò un gruppo di punk rock chiamato Degeneration. Gruppo che ebbe il merito di presentare per la prima volta il punk a Las Vegas. Fra l’altro a quei tempi suonava con Johnny Thunders e Stiv Bators dei The Dead Boys! Nella decade successiva girò in lungo e largo gli States con il gruppo di Chicago The Blast Factory. E’ stato anche attore. La sua è una discografia piuttosto corposa che abbraccia oramai svariate decadi. Nel 2006 esce un’antologia intitolata “Peter Blast Pure Organic Junk”. Due anni dopo è il turno di “A Plush House…with a Monkey on a String”. Anche qui l’album vede ospitate di nomi eccellenti. Fra l’altro esegue una cover di Johnny Thunders “Dead or Alive”. Peter Blast ha esperienza da vendere.

Esperienza che si nota subito nella prima canzone dell’album. “In This God Forsaken Place” è un brano meraviglioso. Un groove che non vi dico. Chitarre che suonano al meglio. Una linea armonica diretta e suadente. E poi la grande voce di Peter Blast. L’album è così. Su altissimi livelli. Nessuno degli altri dieci brani è inferiore. Il livello è proprio al top. Qui si tratta di brani che se appoggiati da una major convinta farebbero di Peter blast uno degli artisti solisti hard rock più importanti al mondo. “White Voodoo” è un album magico. Qui hard rock, blues, country, musica indiana, gospel e tanto altro ancora trovano la giusta sintesi. Inoltre, una registrazione al dir poco perfetta fa sembrare che Peter Blast ti suoni dinnanzi. Insomma per pochi euro hai il privilegio di poter ascoltare il meglio dell’hard rock americano in circolazione. E con Peter blast ci sono tanti di quegl iartsiti che…

Attenzione. “White Voodoo” non è un album hard rock per nostalgici o è prodotto con un orecchio piantato negli anni settanta. Qui abbiamo un hard rock molto moderno. Certo le influenze ci sono. Ciò è innegabile. Ma il mood operativo è moderno. Parla di contaminazioni, sperimentazioni e suoni molto attuali. Questo Peter Blast è un artista a tutto tondo che ci riconcilia con la musica con la emme maiuscola. E’ un musicista che ha talento. Un talento immenso. Canza davvero bene. Suona la chitarra con amore. Compone e arrangia pezzi che non si dimenticano. Peter Blast è un grande servitore della causa della musica rock. Punto e blast!

 Articolo letto 5077 volte


Pagina stampabile