Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
•13/07 - Ringo Starr & His All Starr Band – Roma (Auditorium Parco della Musica) 11/07/2018
(altre »)
 
 Comunicati
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
•13/07 - Villa Ada - Roma incontra il mondo, è la settimana di Little Steven
•13/07 - Thomas ed Emma Muscat il 14 luglio a Gulp Music (Rai Gulp)
(altre »)
 
 Rumours
•15/07 - I Calibro 35 in concerto a Villa Ada con il loro nuovo disco Decade
•13/07 - Come nasce una canzone? Ce lo dice Marta Cagnola su Radio 24
•13/07 - Liam Gallagher, posticipate le date italiane di novembre
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 03/06/2013 alle 18:12:12
Faz Waltz - Back on mondo (White zoo rec)
di Silvio Mancinelli
Un omaggio al rock britannico di alcuni anni fa, questo è il nuovo album dei comaschi Faz Waltz, “Back on mondo”. Tredici tracce che ripercorrono un po’ il rock, tra il “roll” e il glam, che abbiamo ascoltato nei primi anni 90.

Un omaggio al rock britannico di alcuni anni fa, questo è il nuovo album dei comaschi Faz Waltz, “Back on mondo”. Tredici tracce che ripercorrono un po’ il rock, tra il “roll” e il glam, che abbiamo ascoltato nei primi anni 90. Anche se non sono britannici, ad un ascolto approfondito mi viene di paragonare questo trio agli Hives che sono svedesi e forse un po’ più incazzati. Al contrario, nonostante l’esplosione delle chitarre, i Faz Waltz suonano un po’ più leggeri, virando un po’ più sul pop. Oltre il mixaggio e la produzione, che non hanno nulla da invidiare a quelli che sono gli stili inglesi e del nord Europa, fregherei anche il mio amico Nosmo, noto esperto di rock, nel riconoscere i Faz come italiani. Non so se questo è un pregio o un po’ un difetto. Vabbè siamo ai soliti discorsi. Comunque ascoltatevi “Leave her alone” e ditemi se è o non è una canzone da chart inglese! Con questo voglio dire che i ragazzi hanno stile, talento e gusto. Per questo non posso che parlare bene dei Faz Waltz e augurare loro un bel futuro, che se sarà, non sarà in Italia. E poi parlano di fuga di cervelli!

 Articolo letto 3287 volte


Riferimenti Web

Pagina stampabile