Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
•21/06 - Riuscire a far volare tutti senza barriere? Il coronamento di un sogno: ne parliamo con Piergiorgio Camiciottoli, pilota di parapendio, laureato in Scienze Forestali e batterista rock ..
•18/06 - BlindCat: heavy rock ed orgoglio sudista!!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/06 - Tommaso Talarico: Viandanti (Radici Music Records 2018) ... cd d'esordio del cantautore calabrese ...
•20/06 - Augustine – Grief and desire (cd 2018) eterea e minimalista ricerca tra il sogno isterico e la bruma ..
•19/06 - LeVacanze: high elettro pop per il duo beneventano Fuccio-Preziosa ..
(altre »)
 
 Comunicati
•23/06 - Ebraica Festival dal 23 al 27 giugno a Roma con il Trio Dmitrij
•22/06 - I Why Don’t We e Valerio Scanu il 23 giugno a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/06 - Jazz Factory con Javier Girotto e la Saint Louis Big Band al Roma Summer Fest
(altre »)
 
 Rumours
•23/06 - Enzo Savastano presenta Io sono con voi a Na cosetta estiva
•21/06 - Concerto per la liberta' di stampa alla Casa del Jazz con The Scoop Jazz Band e Nicola Alesini
•21/06 - Wrongonyou, il 25 giugno su Real Time il nuovo video Family Of The Year
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 27/10/2015 alle 18:28:41
Adriano Tarullo - Anch’io voglio la mia auto blues
di Silvio Mancinelli
Nella ispirazione dei monti e dei laghi abruzzesi nasce il blues di Adriano Tarullo intitolato Anch’io voglio la mia auto blues, conferma dopo il precedente Spartenze. Chitarra acustica e dialetto del suo Abruzzo: un connubio blues!

Nella ispirazione dei monti e dei laghi abruzzesi nasce il blues di Adriano Tarullo intitolato Anch’io voglio la mia auto blues, conferma dopo il precedente Spartenze. Chitarra acustica e dialetto del suo Abruzzo: un connubio blues!

Tredici canzoni piene di collaborazioni e idee che hanno radici proprio in quel genere americano al quale Tarullo aggiunge il suo contributo. D’altronde per chi è abruzzese, regione piena di contraddizioni geografiche e non solo, il blues può essere il genere che più direttamente lo rappresenta. Adriano poi in maniera più ancorata al territorio canta anche in dialetto (con le traduzioni nel book), lingua che poi, musicalmente, non ha nulla da invidiare al napoletano dialetto al quale spesso accostano l’abruzzese. Con la sua voce calda e molto rocker e soprattutto la chitarra acustica (l’elettricità si ritrova in poche canzoni) Adriano parla di tante cose, dal sabato sera (“ con la camicia che si attilla/e la panza che m’oscilla”) a situazioni particolari fatto di sogni e dure realtà ( “Come volevi tu”). È stato veramente una sorpresa questo disco: anche se in molti casi ci si rifà ad un blues tradizionalissimo (“Cimirose”) è suonato e registrato bene. Come da tradizione blues, mi aspetto Tarullo con la sua band a suonare e a cantarne quattro a tutti quanti. Tra l’altro il disco è pienissimo di collaborazioni. Bravo Adriano.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 4719 volte


Pagina stampabile