Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
L'indotto legato alla musica sempre piu' importante: ora in commercio la t-shirt di Rovazzi ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•24/07 - Alessandro Salvati e il nuovo singolo Coconut Milk
•21/07 - Andrea Braido: un musicista/chitarrista made in Italy ..
•13/07 - Synthpop, velato di rock e funky: con noi il duo Luca Albanese e Marco Prizzon ..
(altre »)
 
 Recensioni
•23/07 - Ermal Meta – Roma (Auditorium Parco della Musica) 22/07/2017
•22/07 - Maurizio Pirovano – Il tempo perduto (Latlantide LAT 249) apparenti stati di allucinazione rock, pieni d’illusioni e moderate assenze
•21/07 - Yes featuring Anderson Rabin Wakeman alla Cavea di Roma (17/7/2017)
(altre »)
 
 Comunicati
•25/07 - WhatsApp - il primo singolo dei Radio 404
•25/07 - I Wire festeggiano 40 anni di carriera a Villa Ada il 26 luglio
•24/07 - Torna il 29 e 30 luglio il Serravalle Rock con Vök, Down To Ground, Anhima, Nosound e molti altri
(altre »)
 
 Rumours
•25/07 - Il Cile, l'8 settembre esce l'album La fate facile
•25/07 - Marilyn Manson arriva in Italia per due soli concerti a Roma e Verona
•24/07 - Joe Barbieri presenta il nuovo disco Origami alla Casa del Jazz
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 24/03/2014 alle 11:03:03
Rock per il palato e l'anima: Davide Peron tra le Leontopodium alpinum ed i frati cappuccini ...
di Francesca Odette Croxignatti
Orgoglioso di essere amico di Alberto Maggi (dopo aver letto il suo ultimo libro Chi non muore si rivede, in cui racconta il periodo in cui ha rischiato di passare a miglior vita) e qui in foto con Don Luigi Ciotti.

Orgoglioso di essere amico di Alberto Maggi (dopo aver letto il suo ultimo libro Chi non muore si rivede, in cui racconta il periodo in cui ha rischiato di passare a miglior vita) e qui in foto con Don Luigi Ciotti.

Leontopodium è un genere di piante erbacee appartenente alla famiglia delle Asteraceae o Compositae: banalmente stiamo parlando della Stella alpina. Don Ciotti ha in mano Fin qui, terzo cd di Davide Peron.

Benritrovato a Davide Peron: ti avevamo intervistato a fine Agosto e … cosa ti è successo da allora?
Ben ritrovati a voi! Sono tante le cose che sono successe dopo l'ultima intervista, e tutte davvero emozionanti! Due sono gli appuntamenti che hanno segnato Settembre 2013: nel primo ho avuto il piacere di confrontarmi con Alberto Maggi, tenendo un Concerto in Dialogo con Alberto Maggi nel suo Centro Studi Biblici a Montefano (MC). E' il secondo anno consecutivo che ciò avviene in questo meraviglioso sito: crocevia di tanti intellettuali e teologi nazionali ed internazionali, e questo incontro sta diventando un appuntamento fisso annuale presso il convento. Il secondo appuntamento settembrino, come già accennato precedentemente, è stato con il Priore dei Frati Cappuccini di Schio: il Concerto in Dialogo con Fra Dino è stato entusiasmante. Le persone accorse per salutare i Frati Cappuccini (che il mese successivo, ad Ottobre, lasciavano il convento per decisione degli alti gradi dei Frati Cappuccini) erano a centinaia! In quell'occasione la musica è stata portavoce del saluto dell'intera cittadinanza, collante di cuori ed emozioni.... Ad Ottobre 2013 il protagonista è stato il vino: ha avuto seguito la prima del mio nuovo progetto Note di Spirito – Musica per il Palato: la sapienza dello storico Umberto Simonato ha accompagnato la musica poichè storie di uomini sono state raccontate seguendo il filo logico della terra: radice di vino, radice di vita. Il tutto ha avuto luogo presso la cantina Dal Maso di Montebello Vicentino, precisamente nella stanza delle botti dove il vino riposa e matura come la vita . Da questa idea ovviamente partirà un tour, quest'anno, invernale presso alcune cantine del Veneto.

Vi è una tua giornata tipo? Sogni ogni tanto una tua vita diversa dall'attuale?
Non c'è una mia giornata tipo. Nel senso che quel che mi capita vivo. Certamente dando priorità ai miei impegni quotidiani ma cercando di cogliere sempre quello che la vita mi offre di bello. E come ben sapete, di cose da scoprire ce ne sono sempre; così come molti sono i miei sogni. Inizio sempre la giornata cercando di svegliarmi presto al mattino, perchè è nettamente più rigenerante e ti dona la forza giusta per affrontare la giornata.

Le tue storie sulle stelle alpine stanno avendo successo, visto il tributo che ti ha fatto il coro IMT Vocal Project...
Si....Na stela alpina è molto amata dalle persone che per qualche motivo hanno l'occasione di ascoltarla. Sapere però che il coro IMT Vocal Project, che ha ricevuto anche alcuni premi nazionali, abbia deciso di inserirla nel loro primo lavoro discografico è stato un bellissimo regalo per me. Mi emoziona tanto sapere che tutte le persone che incontro mi dicano che la sentano un pò parte di loro. E' una canzone che mi descrive più di quanto si possa dire mediante le parole: la musica e la poesia che la caratterizzano sono gli ingredienti giusti per dire di che pasta è fatto Davide.

...mi sembra poi che anche la tua spiritualità viva un momento importante, forgiata dal contatto con i frati cappuccini...
Posso dire di sentirmi fortunato: ho conosciuto persone incredibili. Mi hanno insegnato a guardarmi dentro con più attenzione e a vedere che questo Dio Cristiano, del quale avevo timore e paura per via di vecchi insegnamenti riguardanti i giudizi divini, l'inferno, le penitenze e tante altre cose che lo allontanano, in realtà è un Dio umano che ci ama e che desidera il nostro bene. Ora quando sento parlare di Dio do importanza a ciò che sento, quando prima mi capitava di ignorare l'argomento. Dopo aver conosciuto ed esser diventato amico di Alberto Maggi, quando ho letto il suo ultimo libro Chi non muore si rivede, che racconta il periodo in cui ha rischiato di passare a miglior vita; mi sono ritrovato a sorridere apprendendo che la vita, anche nei momenti più difficili, va vissuta con un fondo di ironia e leggerezza.

Notizie sullo spettacolo teatrale per il centenario della Grande Guerra?
Stiamo ultimando i lavori. Lo spettacolo teatrale per il centenario della Grande Guerra si intitola '99, la guerra dei ragazzi. Oltre a me e a Roberto Dalla Vecchia (noto chitarrista) in scena ci saranno in scena anche gli attori Marco Artusi e Igi Meggiorin della compagnia professionista I Carrara .Lo spettacolo probabilmente debutterà a fine maggio e sarà il protagonista delle 6 date del Mi Rifugio in Tour 2014 che a breve saranno pubblicate sul mio sito assieme a tante importanti novità.

Hai portato le tue canzoni al Sommerfest di Hannover (Germania) ed al Plai Festival di Timisoara (Romania): che esperienze sono state?
Portare le mie canzoni fuori dall'Italia è stata una bellissima emozione ed un privilegio. Per questo devo ringraziare Andrea Ballarin e la Manne guitar. Ho trovato persone curiose di ascoltarmi e che sono state felici di avermi incontrato: questo è ciò che di più bello potesse capitarmi. Sono stati giorni intensi che mi hanno portato ad avere interviste in trasmissioni tv e radio nazionali, ho conosciuto giornalisti, artisti e musicisti che non parlano la mia lingua: nonostante ciò, le mie canzoni hanno comunque attirato la loro attenzione; questo vuol dire che il linguaggio musicale non ha davvero barriere.


Nell'altra intervista mi avevi risposto che ti sarebbe piaciuto vivere nel Medioevo: ti definisci per questo un guerriero senza ombra e timore?
Cerco in tutti i modi di essere degno di questa vita. Combatto, con fatica, affinchè i miei ideali non vengano mai violentati o messi a tacere. Mi batto per seguire una vita che badi alla dignità dell'uomo e non al potere o al denaro. Sono dell'avviso che senza l'altro io non ho senso di essere perchè è proprio nell'altro che mi riconosco. E in tutto questo vivere scopro sempre che sono pieno di paure e fragilità... . E la fragilità è un dono dolcissimo che rende umano l'uomo.

Sempre in quella occasione mi avevi parlato dell'importanza di un disco come Desire di Bob Dylan: hai altri dischi a cui sei legato?
Certo che ce ne sono. Non importanti tanto quanto Desire ma sicuramente che hanno lasciato un segno importante. Mule variations di Tom Waits, Lindbergh di Ivano Fossati, molti dischi di Fabrizio De Andrè, tanti di Franco Battiato.... Non ti nascondo però che a casa dei miei genitori tengo cara quasi tutta la discografia di Bob Dylan in vinile, così non corro il rischio di rovinarla! Sto in questi ultimi anni acquistando dischi di musica classica, il più possibile: credo che tutta la musica fatta e da fare stia già lì dentro. Bach mi piace davvero tanto....

Quando uscirà il tuo quarto cd? E' vero che hai firmato un contratto con la casa discografica Risonanze di Claudio Corradini?
Si, è vero. Ho firmato un contratto discografico con Claudio Corradini. L'ultima versione dei fatti però, è che nel frattempo le cose sono cresciute: Claudio si è unito con l'etichetta discografica Protocollo Zero di Enrico Bulla e con Alfred Tisocco della Cramps records ed assieme hanno dato vita ad una nuova casa discografica la ThisPlay music, che ora mi rappresenta! Devo dire che son felice del lavoro che stiamo facendo assieme e il nuovo disco è praticamente pronto, manca ad oggi solo la realizzazione del video per il lancio..a breve le novità! Credo di poter dire che son sereno per quel che verrà, qualunque cosa sia.

Ti offro la possibilità di andare ad un evento e di incontrare un musicista importante: dove vai e chi scegli?
Credo proprio di voler essere nel 1965 nel concerto dove Bob Dylan ha cantato Blowing the wind assieme a Joan Baez & PPM; stringergli la mano e dirgli che ho iniziato a scrivere canzoni ascoltandolo. E per questo ringraziarlo.

In verità poi la vita in qualche modo ti avvicina ai tuoi desideri: mi è successo che due anni fa ho aperto un concerto di Willie Nile, un suo caro amico, e ho detto lui di salutarmi Bob Dylan...se mai si ricordasse!

 Articolo letto 42204 volte


Pagina stampabile