Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Toquinho: L'Italia è la mia seconda patria
•08/10 - L'incontro con il folk singer Luigi Grechi, tra Ferlinghetti e la fake news su Joan Baez ..
•04/10 - Il tempo giusto di Simona
(altre »)
 
 Recensioni
•21/10 - Walter De Stradis - Nella testa di Antonio Infantino (Villani Editore) un bel libro sul migliore pittore, architetto, cantante, poeta, visionario, filosofo lucano...
•17/10 - Valente - Il blu di ieri - la new wave alla massima potenza
•17/10 - Claudio Baglioni – Firenze 16 Ottobre 2018, primo concerto del tour di Al Centro, un mercatino democratico di sogni e di canzoni
(altre »)
 
 Comunicati
•21/10 - Come Una Danza: Raf ed Umberto Tozzi discograficamente di nuovo insieme e con tour in arrivo ...
•20/10 - Il 26 Ottobre esce Patty Pravo Live con brani da due suoi recenti concerti al Teatro La Fenice di Venezia ed al Teatro Romano di Verona
•19/10 - Achille Lauro, Cosmo, Miss Keta, Nitro e Takagi & Ketra ospiti di Mara Maionchi su Billboard Italia / Sky Uno
(altre »)
 
 Rumours
•21/10 - Paolo Conticini e Gianmarco Tognazzi ospiti dell'Accademia di Arte e Spettacolo Le Muse di Gianna Martorella
•19/10 - Alessio Bernabei sabato 20 ottobre a Gulp Music (Rai Gulp)
•18/10 - Nasce MIA, il network concreto della Musica Indipendente per creare valore insieme
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 10/10/2014 alle 10:28:27
Loredana Berte': La mia piu' grande trasgressione e' essere sempre me stessa
di Giuseppe Panella
Un tour che celebra i suoi quaranta anni di attivita'. La incontriamo in occasione del concerto che terra' a Catanzaro Giovedi' 16 Ottobre, nell'ambito del Festival d'Autunno, diretto da Tonia Santacroce.

Un tour che celebra i suoi quaranta anni di attivita'. La incontriamo in occasione del concerto che terra' a Catanzaro Giovedi' 16 Ottobre, nell'ambito del Festival d'Autunno, diretto da Tonia Santacroce.

La foto è opera di Massimiliano Natale.

Quaranta anni di attività ed un tour che ne celebra la carriera luminosa. Loredana Bertè, artista istrionica e volitiva, è una delle icone rock del panorama musicale italiano. Prima del concerto che terrà a Catanzaro giorno 16 ottobre, nell'ambito del Festival d'Autunno, è un fiume in piena.

“Bandabertè 1974-2014 Tour”: un enorme successo e il ritrovato amore del pubblico, segno inequivocabile di una artista che ancora oggi riceve l'amore del suo pubblico. Quali sono le tue sensazioni a fine concerto?
«Un entusiasmo incredibile che mi porta a non voler scendere dal palco. Quella è la mia casa, il posto dove mi sento meglio».

Sin dal tuo debutto con "Streaking", nel 1974, sei stata sempre avanti. Nel 1985 hai anticipato tutti registrando "Carioca", facendo conoscere Djavan agli italiani e sei stata la prima a fare reggae in Italia. Oggi cosa ti proponi di fare guardando al futuro?
«Ho imparato a non pensare al futuro. Vivo giorno per giorno, ma ho ancora tanti progetti».

Negli anni settanta, con Renato Zero avevate atteggiamenti trasgressivi che vi ponevano al centro dell'attenzione. Quanto eravate veri?
«La mia più grande trasgressione è quella di essere sempre me stessa. Da tutti, fin dal primo disco, venivo considerata ribelle».

La tua "ribellione" è stata oggetto di "imitazioni". Il pancione esibito a Sanremo è stato riproposto da Lady Gaga. E hai anche anticipato Madonna vestendoti da sposa.
«Il mio era solo istinto, nulla era studiato. Ricordo che una volta a Londra entrai in un negozietto affascinata da alcuni capi strappati, che ho utilizzato per la mia fase postatomica. A suggerirmeli fu una stilista che in Italia era sconosciuta. Il suo nome era Vivienne Westwood. E ancora ricordo Norma Kamali, anche lei semisconosciuta, alla quale affidavo i miei disegni che lei realizzava cucendoli. Hai ragione a ricordare che io mi sono esibita vestita da sposa e col pancione molto prima di Madonna e Lady Gaga».

Tra i tuoi tanti amici va menzionato Andy Warhol
«E' vero. Trascorrevo pomeriggi interi nella sua factory. L'ho conosciuto nel 1981 quando ero la madrina di Fiorucci. Grazie a Leonardo Pastore, mio grande amico morto successivamente di AIDS ed al quale dedicai "Carioca", inaugurai il primo store sulla 43ma strada di New York. Con lui dividevo un appartamento dal quale si vedeva tutta New York. Ricordo ancora quel panorama. Fu proprio Leonardo a farmi conoscere Warhol, che spesso si fermava a mangiare da noi. Fu così che mi diede il nomignolo di “Pasta Queen” ed io mi feci ripagare con il video di “Movie Movie” e con la copertina di “Made in Italy”».

Nel tour, al tuo fianco, c'è Aida Cooper la tua amica di sempre. Ci puoi parlare di lei?
«Aida è la special guest del mio tour. Sono felice che con me sul palco ci sia lei, amica di una vita, mia e di Mimì».

Giorno 16 ottobre sarà a Catanzaro, un ritorno a distanza di diciotto anni. Cosa significa per te esibirsi in Calabria?
«La Calabria è una terra bellissima. Lì ho trascorso anni importanti della mia vita e alla quale sono legata da molti ricordi. Però non ne sento la mancanza. Tra me e Mimì, era lei ad essere più legata alle sue radici».

 Articolo letto 4452 volte


Pagina stampabile