Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Marte - Metropolis in my head (Libellula) un rock rampante tutto al femminile
•20/02 - Stanza singola: l’album di debutto da solista di Franco126
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
(altre »)
 
 Comunicati
•21/02 - XVII Premio Fabrizio De Andrè, ecco i finalisti
•21/02 - Alex Ricci degli Apres La Classe: esce con il suo nuovo singolo decisamente di pop soul elettronico
•21/02 - Queen, il 23 e 24 febbraio programmazione speciale su VH1
(altre »)
 
 Rumours
•21/02 - Mahmood sabato 23 febbraio a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/02 - La parte mancante, esce il disco di inediti di Francesco Di Giacomo
•20/02 - Noemi canta Vanoni nella soundtrack di Domani è un altro giorno
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 03/02/2015 alle 11:24:18
Il Fauno di Marmo – The Rebus Years: 2001-2012 (Andromeda Relix, 2014)
di Beatrice Bonato
Recuperati i due album, esauriti da tempo, pubblicati a nome The Rebus, dalla band che oggi si chiama Il Fauno di Marmo. Prog rock italiano intenso e creativo.

La pubblicazione nel 2013 dell’album di esordio “Canti, racconti e battaglie”, ha scatenato l’interesse sulla parte in ombra de Il Fauno Di Marmo quando, per tutto il primo decennio del terzo millennio, si chiamava faceva chiamare The Rebus. Con questo nome ha pubblicato due album “The Rebus” e “Acroterius”, rispettivamente bel 2002 e 2005, sempre grondanti prog rock tipicamente anni ’70, con rimandi alla scuola italiana storica, tra Balletto Di Bronzo, The Trip e Locanda delle Fate, con un flauto che ricorda i Jethro Tull. I due album, esauriti da tempo, sono stati rimasterizzati ed assemblati in un doppio cd, che in uno splendido libretto di sedici pagine, racconta il cammino della band e la genesi dei due album, rievocando la confezioni originali, ma con un apparato di foto inediti e nuove note, esauriente e professionale. Oltre ai brani originali, che faranno la gioia di tutti gli amanti del genere citato, ascoltiamo un brano inedito, l’ottimo “About To Die”. Se amate il genere prog rock e avete conosciuto la band di Monfalcone con “Canti, racconti e battaglie”, il consiglio è di scoprirne le radici, troverete tante piacevoli sorprese.

 Articolo letto 2454 volte


Pagina stampabile