Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•12/12 - Silenzio Profondo – Silenzio Profondo (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
•10/12 - Luca Bretta - L'1%
•09/12 - Firenze Suona Downtown al Caffe' Letterario Le Murate: un castello incantato con King of The Opera e Verdiana Raw ..
(altre »)
 
 Comunicati
•13/12 - Musica Live: I Giovani X I Giovani, al via a Roma la rassegna con i conservatori italiani
•12/12 - Benji & Fede tornano con Buona fortuna
•11/12 - L'arte viva di Julian Schnabel al cinema il 12 e 13 dicembre con Laurie Anderson e Bono Vox
(altre »)
 
 Rumours
•12/12 - Jovanotti, Oh, Vita! è primo in classifica
•12/12 - Stabili le condizioni di Chris Rea dopo un collasso sul palco
•12/12 - 'E Guarattelle, l'album d'esordio dei partenopei Lab081
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 18/11/2015 alle 08:34:55
Be Quiet: dall’underground al Teatro Bellini!
di Salvatore De Falco
Il movimento cantautorale del Be Quiet vive con successo, a Napoli, sulle frequenze in diretta di Radio Crc ogni domenica sera e debutta il 18 al teatro Piccolo del Bellini con Simone Spirito, Ciro Tuzzi, Pierpaolo Iermano e Marco D’Anna.

Il movimento cantautorale del Be Quiet vive con successo sulle frequenze in diretta di Radio Crc ogni domenica sera e debutta il 18 al teatro Piccolo del Bellini con Simone Spirito, Ciro Tuzzi, Pierpaolo Iermano e Marco D’Anna.


Era la primavera del 2012 e proprio nella Napoli dei luoghi comuni, quella tanto ‘amata’ dai detrattori, da quelli che non credono nella bellezza delle sinergie e vedono l’inesistente inutilità nell’arte pura , nella stessa Napoli nasceva il Be Quiet, movimento musicale aperto ad ogni musicista, fondato da Giovanni Block, Giuseppe Di Taranto de La bestia carenne e Vincenzo Rossi dei Diversamente Rossi.

La prima sede fu, a lungo, il Cellar Theory di Luciano Labrano, a Napoli. Nel frattempo, il progetto Be Quiet si evolveva e diventava man mano itinerante, al punto da crescere in fama e apprezzamenti, nonostante gli sforzi nel riuscire a garantire ad ogni musicista la possibilità di essere ascoltato e applaudito, gratuitamente.
* Il Be Quiet su Rai International:
(http://www.youtube.com/watch?v=ZKYa-W-0zPI)

Poi è divenuto supporto organizzativo per il Festival della Canzone d’Autore ‘Ugo Calise’, che si svolge nel borgo medioevale di Oratino (CB) e con un galà in gemellaggio, nell’isola di Ischia. Alla seconda edizione gestita con il Be Quiet e di cui Block è direttore artistico, questo premio è gia considerato un’istituzione nell’ambito della canzone d’autore e nuove iniziative saranno correlate alla terza che lo renderanno ancor meglio strutturato.

Dalla scorsa primavera il Be Quiet Show è un vero e proprio format conclamato e prende forma di un programma radiofonico molto seguito su Radio Crc Targato Italia, un talk con ospiti in studio e in diretta telefonica, che interagiscono con la conduzione e generano, quelli in studio, notevoli performance e jam session irresistibili.

L’autunno ha portato importanti novità. E’ ripresa la conduzione del programma radio in diretta, sempre in sede Radio Crc, ogni domenica dalle 21.00 alle 23.00 e condotto da Simone Spirito, Giovanni Block e con le incursioni di Giovanni Chianelli. Da evidenziare inoltre, la gradita presenza di Claudio Poggi, attivo discografico e testimone dei tempi d’oro dell’industria musicale in Italia e in primis, primo produttore del Pino Daniele degli esordi, quello di Terra mia, ad essere precisi. Le riprese video sono affidate a Dario Gaipa per i Racconti Sonori Live
*Spot del Be Quiet su Radio Crc Targato Italia:(http://www.youtube.com/watch?v=MeN1WpAXGDk)

Un progetto sostenuto con amore, passione, nobili intenti, trova porte che si aprono in felici contesti. Si arriva così ad avere una sede per una serie di eventi live a teatro e precisamente al Piccolo del Bellini di Napoli, per tutto il 2015-2016. Il debutto il 18 novembre con i live di Simone Spirito, Ciro Tuzzi degli Epo, Pierpaolo Iermano e Marco D’Anna. Un modo collettivo di fare musica interagendo anche con altri musicisti in sala e direttamente con il pubblico.

Gli altri eventi sono in fase di programmazione e non mancheranno gli appuntamenti con la musica di Giovanni Block, Pennelli di Vermeer, Nicola Dragotto, Noemi De Simone, Lelio Morra (leader dei JFK & La Sua Bella Bionda), Massimo De Vita (in arte Blindur), Pasquale Bellotta, Raffaele Giglio, Luca Di Maio, Flo, Annalisa Madonna, Alessio Arena, Carmine Martucci e tanti altri. Si consiglia la prenotazione dei biglietti (dal costo di 10 Euro) via e-mail (botteghino@teatrobellini.it), telefono (081/5499688) o ritiro in loco (via Conte di Ruvo 14, Napoli). Orari botteghino: dal lunedì al sabato, ore 10.30-13.30 e 16.00-19.00
*Spot del Be Quiet al teatro Bellini:
(http://www.youtube.com/watch?v=yWYdhE8rhnU)

Un collettivo di musicisti ed autori che si confrontano con umiltà ed hanno uno spiccato senso del rispetto e dell’essere spettatori e non solo protagonisti. Padronanza del palco, competenza musicale e talento innegabile, atmosfera serena e goliardica rendono il Be Quiet una realtà unica che nel corso di questi anni rappresenta una garanzia per produrre musica e metterla in una vetrina assolutamente nitida nella quale ogni tipo di pubblico può specchiarsi e ritrovare o scoprire emozioni.

Siate spettatori di queste iniziative ed osservate il tutto anche a distanza. Vi capiterà di riconoscere il feeling, la cordialità, la voglia di fare musica che permane in questo progetto fatto di persone che vivono di musica ma non lasciano sfuggirsi ogni frammento di vita. Hanno gli occhi attenti e non necessariamente gli sguardi furbi. Sanno accoglierti ed un loro saluto, un grazie o abbraccio è calore umano. Non sono alieni. Fanno parte di uno stivale italico e di una Partenope stanca ma viva e partecipe. Quella Napoli dei luoghi comuni … sì proprio quelli … quelli della gente che saluta e sorride nonostante tutto, quella del caffè offerto e di una canzone sempre a disposizione. Quelli con il sole dentro, anche quando fuori piove. Il clima giusto per chi ama e crea la Musica.

Condividi su Facebook


Tweet


 Articolo letto 816 volte


Pagina stampabile