Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
•01/12 - Con gli Ancestral andiamo alla ricerca del Maestro del Fato…
(altre »)
 
 Recensioni
•14/12 - Isabella Benaglia - Thegiornalisti – Roma, Riccione, Pamplona e altri lidi (Arcana)
•14/12 - DOS Duo Onirico Sonoro – Jouer Et Danser (Filabusta)
•14/12 - 181 Pegaso dell’ANC Carabinieri a Firenze Citta’ Metropolitana: volontariato, protezione civile, attenzione per i bambini, 5339 ore di impegno … musica per le nostre orecchie!
(altre »)
 
 Comunicati
•14/12 - Afragola, con i Goblin, Il Balletto di Bronzo e Vincezo Zitello si concludera' Afraka' Rock Festival
•14/12 - I Ciuffi Rossi sabato 15 dicembre a Gulp Music (Rai Gulp)
•13/12 - Diego Conti, il 18 dicembre esce l'EP Evoluzione
(altre »)
 
 Rumours
•14/12 - Gabriele Ciampi il 20 dicembre ospite di Radio Rai
•13/12 - Frank Zappa Roma, una mostra fotografica a Roma
•13/12 - Planet Funk, il ritorno con All On Me
(altre »)
Rumours
Pubblicato il 16/02/2016 alle 20:34:02
Island Tales, l'esordio discografico de La Rua Catalana
di Sergio Cimmino
Pubblicato da Octopus Records l'album Island Tales è l'esordio discografico de La Rua Catalana.

Pubblicato da Octopus Records l'album Island Tales è l'esordio discografico de La Rua Catalana.



Si intitola Island Tales l'album d'esordio de La Rua Catalana, il disco pubblicato dall'etichetta discografica Octopus Records si avvale della preziosa direzione artistica firmata Giuseppe Fontanella dei 24 Grana.


In un immaginaria isola dove racchiudere i propri momenti introspettivi e di riflessione, lontano dai ritmi frenetici e nevrotici della vita quotidiana, nascono le dodici tracce eseguite in lingua inglese de La Rua Catalana. Un posto, ideale e anche fantasioso dove ogni singola traccia è un racconto, una storia, che vive di luce e anima propria. Frutto di un lavoro musicale durato circa un anno e mezzo, la band parte dall'incipit dato al titolo del disco 'Island Tales", appunto, per unire tutti i racconti in musica che si snocciolano per l'intero album. E' così, che l'isola prende forma e diventa fulcro del rapporto tra l'uomo e tempo. Un luogo, visto come rifugio ideale dove far tesoro delle proprie esperienze di vita per costuire la propria felicità (Moon's joke), ma anche dove è fantasticamente possibile fermare il tempo (Slow down) e andare contro i ritmi diabolici e instancabili della società per fermarsi e coltivare le proprie relazioni e il proprio "io" )And I’ll never know, Goodbye). Tutte queste tracce prendono forma in uno scenario dove l'isola si presta a varie rappresentazioni e interpretazioni anche soggettive, dove la società attuale si trasforma vertiginosamente nel nome del dio denaro (The Island).


Tutti i "racconti dell'isola" hanno come protagonisti personaggi originali e particolari che arricchiscono maggiormente la profondità delle storie stesse. Troveremo le "avventure" del colonnello Kurtz in (The Colonel), la drammatica morte di Jeff Buckley in (Song for Jeff), la tragica condizione di un Pierrot in (The Clown), ognuno di essi perso nelle proprie aspirazioni e la voglia di evadere conquistandosi un posto stabile nel mondo che confluiscono tutte in (Dreamland, Escape! (Break!), Gold and Silver Wings).


Tra contaminazioni rock folk e progressive, nell'album emergono anche echi di musica classica nati anche grazie alla collaborazione di numerosi artisti e musicisti di "genere". La tecnica del "cut cover", scelta e sperimentata dall' etichetta Octopus Records nell'album del La Rua Catalana, vede il contributo di maestri serigrafi e artigiani della carta al fine di utilizzare e valorizzare l'arte dell'intaglio cartaceo nei vari passaggi realizzati per costruire la copertina. Quest'ultima rientra nella politica adottata dalla stessa etichetta con lo scopo di abbandonare l'uso della plastica e ridurre al minimo la produzione industriale.







Condividi su Facebook










 Articolo letto 833 volte


Pagina stampabile