Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•12/07 - Quincy Jones, il jazz è libertà
•30/06 - In-Side: dentro la musica, fuori le emozioni!! Rock AOR & prog ..
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/07 - Leonardo non era vegetariano (Maschietto Editore) un libro sul genio di Vinci.. pittore, inventore, cantante e che suonava (ed insegnava) la lira ..
•14/07 - Capitano Merletti - Shortwaver from the u.f.o. channel (Cd Baby/Physical), il folk che viene da lontano
•13/07 - Fabio Curto: Rive, Volume 1 (Fonoprint)
(altre »)
 
 Comunicati
•19/07 - Sabato 21 Luglio in diretta da Ippodromo Capannelle a Roma il concerto di Sfera Ebbasta
•17/07 - Aprite i porti con Dobet Gnahore' e Sanba Parade a Villa Ada il 18 luglio
•14/07 - Claudia Gerini canta Califano con il Solis String Quartet alla Casa del Jazz
(altre »)
 
 Rumours
•20/07 - I Racconti delle Nebbie: Benvegnu' e Ciuferri a Largo Venue e Radio Citta' Aperta
•20/07 - Anche lo storico bassista Stanley Clarke tra i protagonisti del Valdarno Jazz Summer Festival
•17/07 - David Byrne torna in Italia con American Utopia World Tour
(altre »)
Notizie
Pubblicato il 08/03/2016 alle 09:07:47
Ballando con i lupi ed attaccando le ali dove si hanno cicatrici: Ermal Meta conclude lo store tour, ricolmo di poesia rock ..
di Giancarlo Passarella
Una esperienza positiva. Da Sabato 20 Febbraio a Lunedì 7 Marzo ha fatto 3516 chilometri e questo significa una media di 206 chilometri al giorno. Io ho avuto il piacere di presentarlo il 2 Marzo alla Feltrinelli di Firenze ..

Una esperienza positiva. Da Sabato 20 Febbraio a Lunedì 7 Marzo ha fatto 3516 chilometri e questo significa una media di 206 chilometri al giorno. Io ho avuto il piacere di presentarlo il 2 Marzo alla Feltrinelli di Firenze ..

Credo abbia firmato tra i 1200 ai 1600 autografi, facendo altrettante foto (di cui l'87% abbracciato a variopinte fanciulle) e prestandosi ad un paio di selfie cantati.

Il fido Marco Montanari gli ha prestato la chitarra acustica, pulendo le corde per un totale di 700/800 minuti … calcolate voi quante ore sono! Numeri che danno il senso del successo di questo tour ed a cui va aggiunta la componente umana e qualitativa, sennò rimaniamo ancorati a meri valori quantitativi! Ermal ha ululato con i suoi fans, tanto per usare una espressione che piace a loro ed a me ancora di più, vista la mia presidenza (dal Giugno 1986) di Ululati dall'Underground, fan club & fanzine meeting of Italy.

Invitando ognuno di noi a guardare le proprie le cicatrici (sulle quali dovremmo sempre scegliere di attaccarci un paio di ali..) ed a considerare che siamo porte che si aprono (e dalle quali possono entrare emozioni, dolori, canzoni o solamente polvere ..), Ermal Meta ha dimostrato come si può essere semplici nel porsi in situazione pubbliche, ma nel contempo avere una sensibilità per cogliere i sentimenti umani e non vergognarsi nel raccontarli, usndo il pentagramma .. lo stesso che disegna quando ti fa una dedica!. Alla Feltrinelli di Firenze il pubblico era in prevalenza femminile e raramente superava i 22/25 anni: questo è un dato incoraggiante, perché vuol dire che saranno le donne di domani (di cui oggi celebriamo la festa dell'8 Marzo..) a non affossare quell'impulso alla comunicazione che nasce dal cuore.

Sono personalmente molto grato ad Ermal delle due ore passate assieme a Firenze davanti ad un branco di suoi lupacchiotti: non ci incontravamo fisicamente da troppi anni, ma la memoria di quei concerti assieme con La fame di Camilla hanno germogliato in me solo ricordi positivi e mi sono sinceramente emozionato quando lui (e non io) ha citato luoghi e date..

Come ho detto ai fans presenti, nel nostro mondo della comunicazione musicale si incontrano ogni giorno finti artisti, asettici comunicatori, scarsi poeti: con ognuno dovresti interloquire, perché ti può essere utile per un articolo, può prestarsi per una intervista, magari ti chiama per curargli l'ufficio stampa .. ma a me non mi paga alcun editore e/o padrone... e quindi decido di parlare (recensire, intervistare...) solo chi reputo possa accrescere la mia personale esperienza di vita. Lui stesso canta ...Cerco il mio futuro, gli occhi di qualcuno, uno, centomila, non c’è più nessuno, chi ti rompe i denti per sentirsi duro, chi ti ruba il pane per sentirsi furbo ..

Quando Manuela Longhi della Mescal mi ha confermato che potevo essere io a presentare Ermal nella tappa fiorentina, la mia adrenalina ha subito raddoppiato la sua presenza nelle vene, ma è sparita alle 18,32 di Mercoledì 2 Marzo, quando ci siamo abbracciati ed abbiamo cominciato (senza aver preparato prima una scaletta..) a dialogare... una domanda, due canzoni... il mio microfono che passa tra il pubblico, anche per le curiosità che avevano i vari lupi presenti... primo fra tutti Giulio di 6 anni che gli domanda..ma a te piacciono i bambini?

Scorre un fiume e assomiglia alla vita
e la nostra sembrava in salita
non è vero, era solo paura
di affrontare la parte più dura
ma per quanto difficile sia
l’ordinario con te diventava magia..


Ringrazio Silvano Silvia per questa foto con Ermal ..

Condividi su Facebook




 Articolo letto 2108 volte


Pagina stampabile