Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Martedi' 30 Ottobre si decide per la vendita dei 5 mux di Persidera. societa' con TIM e GEDI ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•10/12 - Anema, il cuore mediterraneo del Rock Progressivo.
•03/12 - Opera Oscura: romanticismo (metal) progressivo.
•01/12 - Con gli Ancestral andiamo alla ricerca del Maestro del Fato…
(altre »)
 
 Recensioni
•12/12 - Francess: Submerge (Sonic Factory)
•11/12 - Bucalone: Bucalone (Autoprodotto)
•10/12 - Johnny Casini: Port Luis
(altre »)
 
 Comunicati
•12/12 - MArteLive al Planet di Roma dal 12 al 14 dicembre con Morgan, The Winstons, Evan, Rezza e De Leo
•11/12 - Lillo & Greg al Teatro Olimpico di Roma con Gagmen
•11/12 - Sono i Thirty Seconds To Mars i primi big al Pistoia Blues 2019
(altre »)
 
 Rumours
•11/12 - Albertino nuovo direttore artistico di m2o
•10/12 - Siae sulla tragedia di Ancona: per noi la sicurezza delle persone è al primo posto ma non rientra nei nostri compiti
•09/12 - Tragedia di Ancona, appello di Assomusica
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 28/04/2016 alle 14:59:18
Marco Cantini: Siamo noi quelli che aspettavamo (Radici Records)
di Paolo Polidoro
Si intitola “Siamo noi quelli che aspettavamo” il nuovo lavoro discografico di Marco Cantini

Si intitola “Siamo noi quelli che aspettavamo” il nuovo lavoro discografico di Marco Cantini.

Sono 15 canzoni le canzoni contenute nel lavoro che narrano, nel vero senso della parola, la storia di un sogno: protagonista un docente precario che si ritrova nella Bologna del 1977, durante le rivoluzioni studentesche e la cosiddetta “emancipazione della classe operaia”.

Ritroviamo Andrea Pazienza nel bellissimo video del singolo “Pazienza”, ritroviamo, forse troppo nascosti a chi non è armato di fine conoscenza dei fatti, anche di altri illustri disegnatori come Tanino Liberatore, si parla di quella scena, di quella cultura e di quelle contaminazioni venute di lato da alcuni dei personaggi chiave come Federico Fellini o Frida Kahlo, e tanta è la conoscenza che si dovrebbe avere di quegli anni e di quel momento storico e politico che quasi ci si trova di fronte ad un disco che richiede prima lo studio e poi l’ascolto.

E' impossibile parlare di un simile lavoro attraverso poche righe di recensione, ogni cosa restituirebbe solo e soltanto la buccia di un disco intenso, ricco e per niente banale, quanto alla produzione, c’è tanta maturità nei mix come nei suoni, lasciando che ogni strumento sia cesellato nelle sue parti, dosato sempre nella misura giusta.

 Articolo letto 616 volte


Pagina stampabile