Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•20/03 - Andrea Andrillo: Uomini, bestie ed eroi
•20/03 - St. Madness Bloodlustcapades (autoproduzione - promo) – Heavy Metal Heavy Metal
•19/03 - Soul Island: Shards
(altre »)
 
 Comunicati
•20/03 - La cantautrice ternana Daria pubblica il nuovo singolo Prima di Partire, definita una ballad rock ....
•19/03 - Noa, il nuovo album è prodotto da Quincy Jones
•18/03 - Mercoledi' 20 Marzo 2019 esce Non C'e' Un Cazzo da Ridere, disco dei napoletani TheRivati
(altre »)
 
 Rumours
•20/03 - Sfera Ebbasta, ad aprile i genitori entrano gratis ai concerti
•19/03 - Morgan apre la rassegna A tu per tu con...al Teatro Golden di Roma
•18/03 - Alan Stivell torna in Italia per tre date a marzo con la Electric Band
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 29/04/2016 alle 14:59:26
Misero Spettacolo: Porci, Pecore e Pirati
di Paolo Polidoro
Il Misero Spettacolo è il progetto cantautorale di Beppe Tranquillino, la sua canzone prende spunto direttamente dalla poesia e dalla drammatica realtà futuristica incisa a fuoco dalla produzione di Pier Paolo Pasolini

Il Misero Spettacolo è il progetto cantautorale di Beppe Tranquillino, la sua canzone prende spunto direttamente dalla poesia e dalla drammatica realtà futuristica incisa a fuoco dalla produzione di Pier Paolo Pasolini, non a caso 3 P come iniziali di questo titolo, non a caso 3 P per il brano di lancio, e poi c’è tantissimo nel disco che ci rimanda a lui, alle sue scritture, ai suoi personaggi.

Il Misero Spettacolo fa incetta di alienazione sociale, omologazione, edonismo, e tutti quei mali che Pasolini ha denunciato nelle sue, allora, visionarie ricostruzioni del presente e dell’immediato futuro, e venendo al disco ci troviamo di fronte, ad un rock cantautorale giocherellone, che si diverte a macchiarsi di linee progressive ma senza quella severità e solennità che servono.

Si passa con troppa facilità di genere in genere, e di genere in genere, Beppe Tranquillino di parla di qualcosa che forse, ancora oggi, non abbiamo ben capito.

Un disco importante, anche patrocinato dalla Fondazione Centro Studi Archivio Pier Paolo Pasolini.

 Articolo letto 747 volte


Pagina stampabile