Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/04 - I Traditori - Delicato (Libellula)
•18/04 - Phantomatica - Look closer (Autoprodotto)
•17/04 - Zeffjack - Friendless (Rocketman records)
(altre »)
 
 Comunicati
•21/04 - XX Music Day Roma il 21 e 22 aprile con Jerry Cutillo, Krissy Matthews e l'evento Alessandroni
•21/04 - Dario Deidda porta My Favourite Strings il 21 aprile al Live Alcazar di Roma
•21/04 - Motta, tour al via a maggio
(altre »)
 
 Rumours
•21/04 - Le Vibrazioni il 27 aprile a Radio2 Live
•20/04 - Record Store Day, il 21 aprile apre a Roma Vinyl Room
•19/04 - Incanto Quartet, il 20 aprile esce The Sound Of Silence
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 11/05/2016 alle 14:16:00
ISOCI: Non è più tempo per le rockstar
di Paolo Polidoro
Cosimo “Zanna” Zannelli, Federico “Sago” Sagona e Pino Fidanza, un trio, energia, Rock quello vero e poi l’Italia del bellissimo pop d’autore

Cosimo “Zanna” Zannelli, Federico “Sago” Sagona e Pino Fidanza, un trio, energia, Rock quello vero e poi l’Italia del bellissimo pop d’autore fatto di testi che prendono, di parole che arrivano e di melodie che si stampano in mente.

Il tutto ben registrato, non manca assolutamente niente per raccontare questo nuovo Ep de ISOCI che si lanciano in rete con il video e il singolo “Vivo più che mai” e negli store digitali con questo lavoro di soli 6 brani intitolato “Non è più tempo per le rockstar”, e se dalla title track del disco o dal singolo di lancio emerge la vena rock dei palchi che loro sono abituati a frequentare come turnisti al seguito di grandi nomi della scena, è anche vero che brani come “Siamo quelli” o “Generiche osservazioni sul terzo millennio” respirano più di una vena sottile fatta di parole importanti e scritture finemente ricamate, insomma se i primi erano brani perfetti per una rock band i secondi sono brani di un cantautore con grinta ed energia dentro che brucia.

Dalla review mancano secondo me i due capolavori del disco che coniugano entrambi gli aspetti, e sono “K.O.” che a tratti mi riportano in un’America di grande stile pop e “Supersonico” di cui però voglio azzardare una riflessione, che sia una produzione diversa dal resto del disco, alla seduzione di un inciso in bilico c’è però un gusto meno attento al mix forse.

Dettagli a parte, un bellissimo ascolto quello de ISOCI, e vi consiglio di alzate il volume.

 Articolo letto 719 volte


Pagina stampabile