Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset conferma l'acquisizione del canale LCN 20 del digitale terrestre, ceduto da Retecapri
 

www.fanzine.net
 Interviste
•22/04 - Roberto Bottalico: sull’Hard Bop si appoggia il nostro stile
•18/04 - Lucrezio de Seta: non c’è sperimentazione senza tradizione
•13/04 - Fiorenza Calogero, voce ed anima mediterranea ambasciatrice della canzone partenopea nel mondo
(altre »)
 
 Recensioni
•26/04 - Lucid Dream: Otherworldly
•25/04 - L’Acid Jazz piu' attuale che mai con il ritorno di Francesco Gazzara
•24/04 - Teresa De Sio: anteprima di Teresa Canta Pino a Sulmona 22 aprile 2017
(altre »)
 
 Comunicati
•26/04 - Thegiornalisti, annunciate le prime date del tour estivo
•26/04 - Paramore, il 12 maggio esce After Laughter
•25/04 - Compleanno della Casa del Jazz il 30 aprile a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•26/04 - Shania Twain, a settembre nuovo album dopo 15 anni
•26/04 - Omar Pedrini, in arrivo il nuovo album Come se non ci fosse un domani
•26/04 - Al Teatro Bolivar di Napoli il perccusautore Tony Cercola con lo spettacolo Tu, tu che mestiere fai?
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 18/05/2016 alle 07:48:11
Ennio Melis racconta in un libro la Storia della RCA
di Manuela Ippolito
Si intitola "Ennio Melis - Storia della RCA "La grande pentola" (Zona) il libro a cura di Anna Maria Angiolini Melis e Elisa De Bartolo e con una nota di Franco Migliacci. Il volume verrà presentato giovedì 26 maggio, alle ore 11, a Roma.

Si intitola "Ennio Melis - Storia della RCA "La grande pentola" (Zona) il libro a cura di Anna Maria Angiolini Melis e Elisa De Bartolo e con una nota di Franco Migliacci. Il volume verrà presentato giovedì 26 maggio, alle ore 11, nella Biblioteca del Burcardo di Roma.

Ennio Melis - che l’ha diretta per circa trent’anni - racconta la storia della grande industria discografica del dopoguerra: la RCA Italiana.

"Nel posto più improbabile - un pascolo al Km 12 della via Tiburtina - e nel modo più imprevedibile, nasce negli anni Cinquanta a Roma un piccolo agglomerato di macchine e persone che diverrà in poco tempo un grande contenitore nel quale si mescoleranno industria, musica, cinema e cultura, dal quale usciranno artisti di grande successo e dischi che hanno segnato un’epoca, non solo nel mondo della canzone. In questa Grande Pentola brulicano le forme di vita più disparate, si creano piccole, grandi fortune, si avvicendano gioie, amori, lotte e disperazione. Il sottoscritto, uno dei fautori e testimone di questa complessa avventura, la racconta nella maniera più vera".

Miracoli come quelli della RCA Italiana meritano di essere ricordati, perché parte viva della nostra storia industriale e culturale. Nell’Italia post-bellica, una multinazionale americana dell’elettronica e il Vaticano decidono di contribuire alla rinascita di Roma con uno stabilimento per la produzione di dischi. Fu incaricato di occuparsene un ragazzo fiorentino, emigrato a Roma in cerca di fortuna su una jeep degli alleati, che aveva imparato tutto da autodidatta, anche l’inglese. Quel ragazzo era Ennio Melis, e fu l’artefice del miracolo, insieme a un manipolo di grandi professionisti. Melis ha lasciato alla famiglia appunti e ricordi su quell’eroica epopea. A dieci anni dalla scomparsa, sua moglie Anna Maria Angiolini, con la collaborazione di Elisa De Bartolo, ha deciso di riunirli e pubblicarli, come Ennio avrebbe voluto, per onorare l’impresa che ha inciso la colonna sonora del secondo Novecento italiano e l’uomo geniale che n’ebbe il timone per quasi trent’anni.

RCA Italiana è anche: Domenico Modugno, Nilla Pizzi, Nicola Arigliano, Renato Rascel, Peres Prado, Gianni Meccia, Jimmy Fontana, Nico Fidenco, Luigi Tenco, Edoardo Vianello, I Flippers, Tony Renis, Paul Anka, Neil Sedaka, Sergio Endrigo, Donatella Moretti, Gino Paoli, Michele, Gianni Morandi, Rita Pavone, Dino, Nada, Lucio Dalla, Oliver Onions, I Rokes, I Primitives, Mal, Ricky Shayne, Patty Pravo, Nicola Di Bari, Ennio Morricone, Armando Trovajoli, Piero Umiliani, Carlo Rustichelli, Gabriella Ferri, Maria Carta, Little Tony, Rosalino Cellamare (Ron), Middle of the Road, Enzo Jannacci, Angelo Branduardi, Schola Cantorum, Piero Ciampi, I Vianella, Gato Barbieri, Nino Bonocore, Claudio Baglioni, Riccardo Cocciante, Mimmo Locasciulli, Mario Castelnuovo, Adriano Pappalardo, Antonello Venditti, Francesco De Gregori, Rino Gaetano, Renato Zero, Living Music, Stefania Rotolo, Pandemonium, Ivano Fossati, Renzo Zenobi, Il Perigeo, The Trip, Roberta D’Angelo, Pino Mango, Rovescio della Medaglia, Paolo Conte, Anna Oxa, Ivano Fossati, Mariella Nava, Scialpi, Gli Stadio, Luca Carboni etc…

Ennio Melis nasce a Firenze da una famiglia modesta nel 1926. Durante la seconda guerra mondiale, col padre al fronte, sostiene la madre e la sorella lavorando prima come garzone, poi come guardiano della Gioventù Italiana Fascista, che dispone di una biblioteca. è qui che si forma - da autodidatta - anche alla conoscenza delle lingue, e al ritorno del padre, dedite di prepararsi alla maturità classica. Ma nell’ottobre 1945 si presenta in biblioteca un ufficiale inglese: agli alleati serve un interprete nel viaggio verso Roma. La paga è buona, Ennio senza indugio coglie l’occasione e parte, a bordo di un mezzo militare, per l’avventura della vita. Da grande vuol fare lo scrittore, e mentre si arrabatta per campare sforna novelle e commedie che propone ai giornali, alla radio. La fortuna e il coraggio, però, lo avevano destinato a un’impresa molto più grande, che qui racconta in prima persona, con orgoglio e commozione. Una storia che ha del romanzo, ma è pura e semplice verità.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 975 volte


Pagina stampabile