Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•20/03 - Andrea Andrillo: Uomini, bestie ed eroi
•20/03 - St. Madness Bloodlustcapades (autoproduzione - promo) – Heavy Metal Heavy Metal
•19/03 - Soul Island: Shards
(altre »)
 
 Comunicati
•20/03 - La cantautrice ternana Daria pubblica il nuovo singolo Prima di Partire, definita una ballad rock ....
•19/03 - Noa, il nuovo album è prodotto da Quincy Jones
•18/03 - Mercoledi' 20 Marzo 2019 esce Non C'e' Un Cazzo da Ridere, disco dei napoletani TheRivati
(altre »)
 
 Rumours
•20/03 - Sfera Ebbasta, ad aprile i genitori entrano gratis ai concerti
•19/03 - Morgan apre la rassegna A tu per tu con...al Teatro Golden di Roma
•18/03 - Alan Stivell torna in Italia per tre date a marzo con la Electric Band
(altre »)
Pubblicato il 26/07/2016 alle 18:27:42
Proclama – La mia migliore utopia (VRec, 2016)
di Gianni Della Cioppa
Con un suono frizzante, che si accende tra rock italiano, new wave ed un tocco pop, i torinesi Proclama, con questo secondo album, dimostrano di essere pronti al meritato salto di qualità.

Con un suono frizzante, che si accende tra rock italiano, new wave ed un tocco pop, i torinesi Proclama, con questo secondo album, dimostrano di essere pronti al meritato salto di qualità.

Il curriculum dei Proclama, guidati dal cantante e chitarrista Giorgio Giardina, con Fabio Migliaccio al basso, Elvis D’Elia alla batteria ed Orlando Barbuto polistrumentista e cori, necessita dello spazio di un'intera recensione: un EP, due album, tour esteri e premi e riconoscimenti di ogni tipo.

Ora è arrivato il momento di raccogliere una visibilità di livello superiore. Lo chiede l’organizzazione manageriale, l’intensa attività concertistica, e sopratutto lo esige la qualità della loro musica.

Nelle tredici canzoni di “La mia miglior utopia”, ben prodotto da Enrico Fornatto, ci sono tutti gli elementi che potrebbero funzionare per il pubblico desideroso di melodia, buon ritmo e testi giovanili, ma non banali, con omaggi al movimento futurista del secolo scorso, riletti alla luce dei nostri tempi. Citare gli ultimi U2, i Muse e Timoria (ma anche i C.O.D., per chi conosce l’underground nazionale degli anni ‘90), rende l’idea dell’atmosfera compositiva dei Proclama.

Ogni singola canzone merita di essere ascoltata e goduta, ma ‘Interpreti’, ‘Vanità’ e ‘Il giorno del giudizio’, dimostrano di avere una marcia in più, con ritornelli che stregano sin dal primo ascolto.

E persino una 'Essenziale' di Marco Mengoni, meno laccata, assume tutta una nuova luce.

Come dicono con il brano che chiude il disco, il trio urla: ‘Non è finita’.


 Articolo letto 1279 volte


Pagina stampabile