Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Ai canali 45 e 55 del digitale terrestre della Sony interessate Mediaset, Viacom, Fox ed anche De Agostini
 

www.fanzine.net
 Interviste
•16/02 - Lora & The Stalkers: tra punk, rock'n roll e new wave
•31/01 - Irama a Sanremo per raccontare la violenza sulle donne
•28/01 - Tra numeri primi e robot rock indie: ecco Le Frequenze di Tesla ..
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Gwyn Ashton Solo Elektro (autoproduzione) – Quando hai una chitarra in mano…
•18/02 - Progetto Panico: Universo n.6
•18/02 - Earth to Ashes Earth to Ashes (autoproduzione) – Una bella rinconferma…
(altre »)
 
 Comunicati
•19/02 - Caba#Lo.Co & Cinici Sapori, rassegna di cabaret musicale al Circolo Arci di Osnago dal 23 Febbraio al 13 Aprile 2019
•18/02 - Jova Beach Party, attivato il tavolo tecnico tra Guardia Costiera e WWF
•18/02 - AIR - Artisti in Residenza il 18 febbraio all'Auditorium di Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/02 - Tufello World Festival: il 22 Febbraio concerto di Ousmane Coulibaly
•18/02 - Mahmood vince anche il Festival della stampa e del media
•18/02 - La tribute band sui Nirvana piu' famosa negli States a Marzo in tour in Italia
(altre »)
Gossip
Pubblicato il 06/10/2016 alle 14:59:29
Diego Galeri (ex Timoria) lascia Siae per Soundreef
di Manuela Ippolito Giardi
L’ex batterista dei Timoria, Diego Galeri ha deciso di lasciare la Siae per affidare a Soundreef la raccolta dei suoi diritti d’autore.

L’ex batterista dei Timoria, Diego Galeri ha deciso di lasciare la Siae per affidare a Soundreef la raccolta dei suoi diritti d’autore.

Il musicista bresciano, classe 1968, fa oggi parte degli Adam Carpet. Soundreef, fondata da Davide D’Atri, è stata autorizzata lo scorso marzo dalle autorità inglesi a operare sul mercato della raccolta dei diritti d’autore in ambito musicale, sulla base della direttiva europea “Barnier” che ha l’obiettivo di liberalizzare il settore.

“Grazie alla velocità e innovatività dei metodi di rendicontazione e pagamento dei diritti d’autore – commenta Davide D’Atri, fondatore e amministratore delegato di Soundreef – stiamo attirando l’attenzione di un sempre più cospicuo numero di artisti emergenti e affermati non solo in nicchie musicali di tendenza, come rap, metal, elettronica, ma anche in generi più tradizionali come la musica pop”.

Soundreef, grazie all’utilizzo di sistemi digitali, rendiconta l’utilizzo delle opere musicali entro 7 giorni dal concerto e paga le royalty entro 90 giorni, sia per il nazionale che per l’internazionale. La nostra rendicontazione è analitica al 100%. Ciò che viene suonato viene pagato e gli utenti attraverso l’account online possono verificare in tempo reale come e quando hanno guadagnato.

Una notevole differenza rispetto al sistema finora utilizzato che paga gli autori fino a 12/24 mesi utilizzando sistemi forfettari.

Al momento Soundreef gestisce i diritti su oltre 150.000 brani utilizzati da un network di oltre 10 mila utenti in Italia e nel mondo. Da luglio la società gestisce la raccolta dei diritti d’autore nei concerti live anche in Spagna.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 766 volte


Pagina stampabile