Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset pronta a portare sul canale 66 del digitale terrestre una sua radio
 

www.fanzine.net
 Interviste
•20/01 - Mario Iob: cantare e scrivere la salvezza e il dolore
•12/01 - Isabella Benaglia ci racconta i Thegiornalisti
•24/12 - Akroterion, ai confini delle tenebre.. partendo dallo storico black metal scandinavo
(altre »)
 
 Recensioni
•21/01 - Minotauro Apocalyptic Sense (7Hard) – Heavy Metal frontaliero…
•19/01 - Ananda Mida - Cathodnatius - il progressive che guarda al passato
•19/01 - Jack Maniak Code 403 (Jst Records) – Tastiere grondanti di note a cascata…
(altre »)
 
 Comunicati
•19/01 - Il 24 Gennaio la pianista Cettina Donato in concerto all'Alexander Platz Jazz Club di Roma
•18/01 - Ora o mai più, torna su Rai 1 la gara tra vecchie glorie della canzone
•18/01 - Flashdance il Musical, dal 5 al 10 febbraio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•19/01 - Pubblicato il primo singolo di Roberto Zampaglione dal titolo Che Mi Separa da Te feat Lastanzadigreta.
•18/01 - I Negrita in uscita con la raccolta I Ragazzi Stanno Bene
•18/01 - 44 Gatti, esce la colonna sonora della serie animata
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 20/10/2016 alle 23:43:08
Musica contemporanea, successo a Parigi per Cavallone, Fabbriciani e D'Augello
di Manuela Ippolito Giardi
Applausi e grande entusiasmo a Parigi per il concerto del compositore Paolo Cavallone, con il flautista Roberto Fabbriciani e la pianista Silvia D’Augello.

Applausi e grande entusiasmo a Parigi per il concerto del compositore Paolo Cavallone, con il flautista Roberto Fabbriciani e la pianista Silvia D’Augello.

Martedì 18 ottobre l’Istituto Italiano di Cultura della capitale francese ha ospitato l’importante evento culturale. Protagonisti il virtuoso Fabbriciani e Silvia D’Augello, che hanno magistralmente interpretato le composizioni di Paolo Cavallone, di cui una prima assoluta mondiale e cinque in prima esecuzione francese.

Nel corso della serata sono state eseguite le composizioni “Immagini d'argilla” (2015) per pianoforte, “Illusioni” (1995) per pianoforte, “Confini” (2005) per pianoforte, “Polimorfie” (2010) per flauto, “Miroirs d’esquisses” (2016) per flauto basso e contrabbasso (prima esecuzione) e “Esquisses d’automne” (2016) per flauto e pianoforte.

Paolo Cavallone è considerato come uno dei talenti più interessanti del panorama musicale contemporaneo, soprattutto per l’apertura estetica della sua musica, definita come “rivoluzionaria”. Dal confronto con la poliedricità del reale scaturisce l’esigenza di tradurne i vari idiomi che lo informano. Da qui, la possibilità e la necessità di inquadrare da diverse prospettive un unico “oggetto” interiore – e musicale – generando configurazioni differenti e, allo stesso tempo, complementari le une alle altre. Si inserisce esplicitamente in questo atteggiamento, in tale “poetica dell’attraversamento”, la sonata per pianoforte “Confini” (2006), la cui “apertura di senso” – in relazione sia alla percezione auditiva/visiva, sia al rapporto compositore/interprete – conduce il lavoro ad una rilettura del concetto classico di sonata”.

“Immagini d’argilla” (2015), invece, si presenta come una collezione di dodici brevi pezzi con una sonorità clavicembalistica. I vari elementi che costituiscono il lavoro sono suscettibili di diverse interpretazioni e non prendono mai una forma definita, aprendosi a qualcosa di diverso nel loro divenire (e/o ritornare in contesti diversi). “Illusioni” (1995), al contrario, si configura come una sorta di “antologia d’infanzia,” perché basato esclusivamente su motivi composti fra gli otto e i dodici anni (nella maggior parte dei casi riportati integralmente). I tasselli dei mosaici realizzati da Cavallone prendono forma sempre diversa nelle tensioni fra gli intervalli ed all’interno degli intervalli anche nel brano “Esquisses d’automne” (2016), per flauto e pianoforte. Gli otto brevi pezzi realizzano una compressione e totale apertura di significato dei vari frammenti. In questo quadro si inseriscono anche “Polimorfie” (2010), una serie di vari(e)azioni “in-side out” il suono sul Preludio in mi minore di Chopin, e “Miroirs d’esquisses” (2016), carrellata di dodici immagini sonore. Entrambi i brani per flauto sono nati dalla collaborazione con Roberto Fabbriciani e sono a lui dedicati.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 2206 volte


Pagina stampabile