Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
5 G: l'asta in corso a favore della telefonia, lontane le tv ...
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/09 - Firenze sogna del buon rock e noi ne parliamo con Elisa Giobbi e Sauro Chellini, quelli di FirenzeSuona.
•23/08 - Lorella Moretti e Luca Bechelli, quelli di Pippolatico Music, talent scout del Chianti fiorentino..
•18/08 - Dai Queen a Raffaella Carra’, partendo da Colle Val D’Elsa: il duo Daniela Lotti ed Ilaria Di Pasquale, assieme a Flavio Insinna ad Amatrice ..
(altre »)
 
 Recensioni
•17/09 - Elisa Sandrini - Come un tic tac - la magia acustica che rispetta i grandi autori italiani
•07/09 - Imagine Dragons, unica data in Italia, tra pioggia ed una bandiera Rainbow ..
•31/08 - Catanzaro, al Festival d'Autunno con EfeitoBrasil Trio tra la contagiosa allegria e la saudade brasiliana
(altre »)
 
 Comunicati
•19/09 - Torna Avril Lavigne con Head Above Water
•18/09 - Una striscia di terra feconda dal 18 al 22 settembre a Roma con Musica Nuda, Danilo Rea e Stefano Benni
•18/09 - Teatro Palladium di Roma, presentata la nuova stagione
(altre »)
 
 Rumours
•19/09 - Amy Winehouse, il 2 novembre esce il documentario su Back To Black
•18/09 - Cypress Hill, tornano i pionieri dell'hip-hop con Crazy
•15/09 - Un omaggio al cinema muto, arte che tanto ama: Adel Tirant ed il singolo September, con un bel videoclip ..
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 08/11/2016 alle 13:54:24
Ira Green: RE(be)LIGION (69Records)
di Paolo Polidoro
Esordio discografico con "RE(be)LIGION" per Ira Green, la vera rocker metallica che ha conquistato tutti nella scorsa edizione di The Voice of Italy del 2015

Esordio discografico con "RE(be)LIGION" per Ira Green, la vera rocker metallica che ha conquistato tutti nella scorsa edizione di The Voice of Italy del 2015, forse l’unica se diamo un occhio alle nuove artiste della scena italiana.

Un disco come questo suona più “pop rock metal” da main stream internazionale che da vero ferro suonato con quegli aloni di sbavature che fanno grezza l’anima di un brano.

Non ci sono neanche grandissime melodie vincenti in questo lavoro, ma per il resto, grandissime esecuzioni, idee molto classiche di arrangiamento e direi decisamente azzeccate come per esempio in “Love can stop the rain” in cui si torna di netto tra le braccia dei Guns e tutto lo sviluppo del brano rispecchia esattamente un cliché che abbiamo masticato tante altre volte, e poi la voce, e che voce ha Ira Green, contagiosa l’energia che travolge, che arriva, che non chiede permesso e sfonda la porta a calci.

Un esordio che non riesci a tenerlo fermo tra le mura di casa, e basta questo per portarsi a casa un’opera di un’artista che ha ossa ancora vergini, ossa da limare ma le carte giuste per arrivare a fare grandi cose, almeno questo è il mio piccolo sentore.

Tweet



 Articolo letto 910 volte


Pagina stampabile