Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
•21/06 - Riuscire a far volare tutti senza barriere? Il coronamento di un sogno: ne parliamo con Piergiorgio Camiciottoli, pilota di parapendio, laureato in Scienze Forestali e batterista rock ..
•18/06 - BlindCat: heavy rock ed orgoglio sudista!!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/06 - Tommaso Talarico: Viandanti (Radici Music Records 2018) ... cd d'esordio del cantautore calabrese ...
•20/06 - Augustine – Grief and desire (cd 2018) eterea e minimalista ricerca tra il sogno isterico e la bruma ..
•19/06 - LeVacanze: high elettro pop per il duo beneventano Fuccio-Preziosa ..
(altre »)
 
 Comunicati
•23/06 - Ebraica Festival dal 23 al 27 giugno a Roma con il Trio Dmitrij
•22/06 - I Why Don’t We e Valerio Scanu il 23 giugno a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/06 - Jazz Factory con Javier Girotto e la Saint Louis Big Band al Roma Summer Fest
(altre »)
 
 Rumours
•23/06 - Enzo Savastano presenta Io sono con voi a Na cosetta estiva
•21/06 - Concerto per la liberta' di stampa alla Casa del Jazz con The Scoop Jazz Band e Nicola Alesini
•21/06 - Wrongonyou, il 25 giugno su Real Time il nuovo video Family Of The Year
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 08/11/2016 alle 13:54:24
Ira Green: RE(be)LIGION (69Records)
di Paolo Polidoro
Esordio discografico con "RE(be)LIGION" per Ira Green, la vera rocker metallica che ha conquistato tutti nella scorsa edizione di The Voice of Italy del 2015

Esordio discografico con "RE(be)LIGION" per Ira Green, la vera rocker metallica che ha conquistato tutti nella scorsa edizione di The Voice of Italy del 2015, forse l’unica se diamo un occhio alle nuove artiste della scena italiana.

Un disco come questo suona più “pop rock metal” da main stream internazionale che da vero ferro suonato con quegli aloni di sbavature che fanno grezza l’anima di un brano.

Non ci sono neanche grandissime melodie vincenti in questo lavoro, ma per il resto, grandissime esecuzioni, idee molto classiche di arrangiamento e direi decisamente azzeccate come per esempio in “Love can stop the rain” in cui si torna di netto tra le braccia dei Guns e tutto lo sviluppo del brano rispecchia esattamente un cliché che abbiamo masticato tante altre volte, e poi la voce, e che voce ha Ira Green, contagiosa l’energia che travolge, che arriva, che non chiede permesso e sfonda la porta a calci.

Un esordio che non riesci a tenerlo fermo tra le mura di casa, e basta questo per portarsi a casa un’opera di un’artista che ha ossa ancora vergini, ossa da limare ma le carte giuste per arrivare a fare grandi cose, almeno questo è il mio piccolo sentore.

Tweet



 Articolo letto 855 volte


Pagina stampabile