Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
DVB-T2, il digitale terrestre di seconda generazione ed il rilascio della banda 700 entro il 2022
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Improvvisa scomparsa del bassista Angelo Nacca: ne parliamo con Stefano Ferro ..
•15/10 - Pierluigi De Luca, 30 anni di musica sulla strada dove camminare
•13/10 - Foscor, ombre catalane .. tra dark rock e metal ..
(altre »)
 
 Recensioni
•22/10 - Volwo - Dieci viaggi veloci (Viceversa records)
•22/10 - Interessante dibattito apre Hangar Calling, kermesse alle Leopoldine a Firenze
•21/10 - Piccola Orchestra Karascio'- Qualcosa mi sfugge (Radiocoop)
(altre »)
 
 Comunicati
•22/10 - Alda Merini il Concerto al Teatro Sistina di Roma con Nuti, Guerritore e Cristicchi
•21/10 - Festival Popolare Italiano al Teatro Villa Pamphilj di Roma fino al 19 novembre
•21/10 - Una serata con le musiche di Morricone alla Sapienza con Canino e Ballista
(altre »)
 
 Rumours
•22/10 - Bassa Fedelta' Fest al Monk con Giulia Anania, The Shalalalas e Le Cardamomo'
•21/10 - Mika, il nuovo singolo è It’s My House
•20/10 - Andrea Ramolo a Le Mura di Roma, ultima data del suo Nuda Italian Tour
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 10/11/2016 alle 19:09:43
Luca Aquino & Jordanian National Orchestra
di Silvio Mancinelli
Quelle poche volte che leggo o frequento manifestazioni jazz mi viene da pensare che anche lì ci sia un po' di casta considerando che i nomi che girano sono sempre gli stessi. Dopo Giorgio Li Calzi, sono contento di poter scrivere di Luca Aquino.

Quelle poche volte che leggo o frequento manifestazioni jazz mi viene da pensare che anche lì ci sia un po' di casta considerando che i nomi che girano sono sempre gli stessi. Dopo essermi occupato un po' di tempo fa di Giorgio Li Calzi, sono contento di poter scrivere di Luca Aquino e del suo “Petra”, suonato con la Jordanian National Orchestra.




Nove brani, cinquanta minuti di musica per un disco che soltanto musica non è ma è un qualcosa di più che unisce popoli e sa di integrazione. Possiamo dire che Aquino sta al jazz come Lennon alla pop music considerando gli obiettivi dei loro progetti. E non lo dico a caso perchè Luca guarda al jazz ma anche al rock di Brian Eno.

Il fatto di suonare a Petra insieme a una selezione della orchestra formata da musicisti provenienti da Paesi diversi ha fatto sì che oltre l'aspetto musicale, di ottima fattura, il disco va valutato soprattutto dal punto di vista sociale. Nel disco figurano: il trio italiano composto da Luca Aquino (tromba e musiche), Carmine Ioanna (fisarmonica), Sergio Casale (flauto e arrangiamenti) e i musicisti dell’ensemble della Jordanian National Orchestra, la violinista tedesca Anna Maria Matuszczak, il contrabbassista siriano Bassem Al Jaber, il percussionista Brad Broomfield di New Orleans, il violista armeno Vardan Petrosyan e l'oboista rumeno Laurentiu Baciu. Le nove canzoni sono state tutte arrangiate da Sergio Casale in maniera egregia nonostante la difficoltà nell'unire persone con stile e storie diversi. Poi c'è la musica, nella quale si respira odore di altri luoghi e di spazi infiniti. Una sorte di astrattismo nel quale il jazz è il canovaccio principale da seguire.

Tracklist

1. Dead Sea Moon
2. Smile
3. Aqustico
4. Petra
5. Wadi Rum
6. Baciu
7. Bedouin Blues
8. Ninna nanna x Pg
9. Amman

Condividi su Facebook



 Articolo letto 652 volte


Pagina stampabile