Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
L'indotto legato alla musica sempre piu' importante: ora in commercio la t-shirt di Rovazzi ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•21/07 - Andrea Braido: un musicista/chitarrista made in Italy ..
•13/07 - Synthpop, velato di rock e funky: con noi il duo Luca Albanese e Marco Prizzon ..
•08/07 - Una coppia amorosamente internazionale, nella vita e nella musica: Mireille Safa e Beppe Chierici ..
(altre »)
 
 Recensioni
•23/07 - Ermal Meta – Roma (Auditorium Parco della Musica) 22/07/2017
•22/07 - Maurizio Pirovano – Il tempo perduto (Latlantide LAT 249) apparenti stati di allucinazione rock, pieni d’illusioni e moderate assenze
•21/07 - Yes featuring Anderson Rabin Wakeman alla Cavea di Roma (17/7/2017)
(altre »)
 
 Comunicati
•23/07 - Beatbox, tributo ai Beatles sabato 29 luglio a Villalago (L'Aquila)
•22/07 - Perimetro Cubo, il nuovo singolo è Abbandonandosi all'alba
•22/07 - Bokante' in tour in Italia con Michael League e altri membri degli Snarky Puppy
(altre »)
 
 Rumours
•22/07 - Gianni Di Crescenzo Quartet presenta Magic Puppet a Villa Celimontana
•21/07 - Ensi annuncia il nuovo album V
•20/07 - Bill Frisell in Italia a luglio per due concerti con il suo Trio
(altre »)
Interviste
Pubblicato il 15/12/2016 alle 11:19:25
Danilo Rea: la musica e' la colonna sonora della mia vita!
di Giuseppe Panella
Pianista il cui repertorio spazia dai Beatles alla musica classica, dal jazz alla musica italiana, Danilo Rea non conosce limiti tra i generi musicali, mostrando di essere un artista eclettico e raffinato. Stasera a Catanzaro con Gino Paoli!

Pianista il cui repertorio spazia dai Beatles alla musica classica, dal jazz alla musica italiana, Danilo Rea non conosce limiti tra i generi musicali, mostrando di essere un artista eclettico e raffinato. Stasera a Catanzaro con Gino Paoli!

Danilo Rea è un famoso pianista jazz, nato a Vicenza il 9 Agosto 1957.

Venerdì 16 dicembre si esibirà con Gino Paoli al Teatro Politeama di Catanzaro nell’ambito del Festival d’Autunno, diretto da Antonietta Santacroce. La coppia di fatto, come ironicamente si definiscono, presenterà Due come noi che..., spettacolo dedicato ai cantautori della scuola genovese con il quale da qualche anno stanno ottenendo meritati successi di critica e pubblico.

La sua storia racconta di una sua passione giovanile per Domenico Modugno. Cosa l’ha fatta innamorare del pianoforte?
Il primo piano mi è stato regalo mio padre. Passavo tutto il tempo ad ascoltare dischi fin da piccolissimo, in particolare quelli di Modugno. È per questo che i miei genitori a 6 anni decisero di regalarmi un pianoforte e mandarmi a lezione: è stato uno dei regali più importanti della mia vita.

Ha dichiarato che lei sente la musica come parte essenziale della sua esistenza. E’ questo il segreto che la spinge quotidianamente ad avere sempre nuovi stimoli?
Sì, è la colonna sonora della mia vita, è l’emozione…Per questo non ho mai perso lo stimolo e, anzi, mi ha sempre spinto a sperimentare cose nuove.

Nell’album “Lirico” ha messo in mostra la sua formazione classica. Quanto hanno influito quegli studi nel suo approccio al jazz?
Moltissimo. Credo che la conoscenza sia il fondamento per la formazione del gusto e soprattutto per il suono di un musicista. E il suono è la prima caratteristica di un musicista, quella che imprime la sua riconoscibilità. In più la musica classica è stata un aiuto, mi ha dato un’apertura a 360°, che non mi ha costretto solo nell’ambiente jazz. Inoltre credo oggi per jazz si intenda un’unione di molti mondi.

Con i Doctor 3 ha riarrangiato brani di cantautori italiani e stranieri degli anni settanta. Come nasce questo interesse per quegli anni e qual è l’approccio di un pianista jazz con quel tipo di canzoni?
È stato tutto molto naturale, io ho sempre amato le canzoni e le melodie. Ho sempre affrontato le canzoni con l’approccio istintivo del bambino e con lo studio, ma la prima emozione viene sempre sulla melodia. Del resto anche i musicisti classici cercavo melodie popolari su cui costruire le loro grandi sinfonie. Il mio pallino è stato sempre quello di riuscire ad improvvisare su qualsiasi repertorio, e credo di esserci riuscito.

Claudio Baglioni, Fiorella Mannoia, Mina e Gino Paoli: quanto hanno influito queste collaborazioni con il suo modo di rileggere in chiave jazz brani del loro repertorio?
Ha influito soprattutto nella mia capacità di confrontarmi e capire come interagire con la loro musica, come sostenere un cantante senza sopraffarlo o prevaricarlo. Tutti loro mi hanno lasciato molta libertà, sono stati sempre attenti al mio bisogno di libertà musicale. Al tempo stesso questo mi ha responsabilizzato, mi ha spinto ad essere sì libero ma rispettando melodia canto, l’ampiezza della voce. È stato un grandissimo insegnamento. Dopo anni c’è ancora in noi questa voglia di collaborare: è una grande soddisfazione, perché significa che è scattato qualcosa di particolare.

Con Gino Paoli, nello spettacolo “Due come noi che…”, riuscite a creare un’alchimia inattesa per il pubblico. Quanto è stato difficile riuscire a trovare il giusto feeling tra di voi?
Con Gino è stato facile, tra noi c’è stata una sintonia immediata. Abbiamo realizzato che in due potevamo fare per cento. Trovo che la voce di Gino in un contesto spoglio di arrangiamenti e tante sonorità, sia eccezionale. Riesce a dare un’espressione meravigliosa, emozionante, particolare. Quasi da “attore” che dà un’altezza musicale alle parola. Lavorare con lui è molto stimolante, e l’ho trovato subito consono e facile da fare.

Tra i brani che eseguite ogni sera ce n’è qualcuno che ogni volta riesce a emozionarla come la prima volta?
Per Gino è “Fingere di te”, per me sicuramente “Sapore di sale”: è un brano a cui sono molto affezionato e mi piace moltissimo. Poi ci sono tantissimi altri omaggi bellissimi, come ad esempio “Il nostro concerto” di Bindi.

La scaletta del concerto cambia ogni volta che vi esibite. Cosa succederà sabato sera a Catanzaro?
Più che la scaletta che cambia, siamo noi che cambiamo in relazione della scaletta. Siamo registi di noi stessi, non c’è un arrangiamento fisso, e noi stessi ci sorprendiamo di come ogni volta suoniamo in maniera diversa i vari brani. Nessun concerto è uguale all’altro.

Condividi su Facebook




 Articolo letto 947 volte


Pagina stampabile