Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•24/02 - Buckshot Facelift Ulcer Island (Paragon Records) – Coraggio fatti uccidere
•23/02 - James and the Butcher - Plastic Fantastic (RNC music)
•22/02 - Shahyid Legacy Gateways (autoproduzione) – Anche le Maldive suonano Heavy Metal!
(altre »)
 
 Comunicati
•23/02 - George Harrison, festa di compleanno il 24 e 25 febbraio su VH1
•23/02 - Esce Acoustic Tarab Alchemy, disco d'esordio di A.T.A. tra jazz e canti sufi
•23/02 - Slow Music progetta un nuovo mondo sonoro
(altre »)
 
 Rumours
•23/02 - Leftlovers, nuovo singolo Ilaria Graziano & Francesco Forni
•22/02 - Ossigeno con Manuel Agnelli su Rai 3 dal 22 febbraio
•22/02 - Matthew Lee e Patrizia Cirulli il 28 febbraio a Rock File Live!
(altre »)
Notizie
Pubblicato il 13/01/2017 alle 18:37:38
Troppe zeta nel cognome, star e retroscena della musica raccontate da Mario Luzzatto Fegiz
di Manuela Ippolito
Venerdì 20 gennaio 2017 ore 18 alla Libreria Ibs+Libraccio a Roma (Via Nazionale 254/255) si terrà la presentazione del volume di Mario Luzzatto Fegiz "Troppe zeta nel cognome" (Hoepli), realizzato con Giulio Nannini. La prefazione è di Pippo Baudo.

Venerdì 20 gennaio 2017 ore 18 alla Libreria Ibs+Libraccio a Roma (Via Nazionale 254/255) si terrà la presentazione del volume di Mario Luzzatto Fegiz "Troppe zeta nel cognome" (Hoepli), realizzato con Giulio Nannini. La prefazione è di Pippo Baudo.

Il critico musicale più noto in Italia racconta 50 anni di musica, spettacolo, cultura, giornalismo e rapporti con gli artisti. Ad accompagnare l’autore Marco Molendini, Il Messaggero.

Cosa prova prima di andare in scena Ornella Vanoni? Cosa si nasconde dietro uno scoop? Come nasce una recensione? Come riuscire a incontrare Mina senza farsi cacciare? Si può restare calmi quando squilla il telefono e all'altro capo c'è Bob Dylan o Vasco Rossi?

Il più noto e longevo critico musicale italiano vuota il sacco rivelando retroscena e dettagli di star italiane e straniere, senza fare sconti a nessuno, soprattutto a se stesso. Così nasce "Troppe zeta nel cognome" (Hoepli) un’ironica autobiografia, pubblicato in occasione del settantesimo compleanno dell’autore, il 12 gennaio 2017.

Il diario intenso di un giornalista musicale che ha cavalcato radio, tv, quotidiani, settimanali e web, in cui pubblico e privato si mescolano in un racconto avvincente dal quale emerge il complesso rapporto di amore-odio che spesso lega gli artisti e il critico.

Il volume è arricchito dalla prefazione di Pippo Baudo e dall’introduzione di Ranieri Polese, che hanno conosciuto in maniera diversa la vivacità professionale dell’autore.

Mario Luzzatto Fegiz racconta gli artisti fra palco e realtà, senza filtri e pudori, racconta 50 anni di canzoni e personaggi che hanno condizionato i costumi e la società. E infine svela segreti e trucchi del mestiere del critico musicale: per scrivere una buona intervista non occorrono giuste domande, ma buone risposte; per scrivere una buona recensione non occorrono belle canzoni, ma buone orecchie.

Mario Luzzatto Fegiz, nato a Trieste il 12 gennaio 1947, è critico musicale e inviato del Corriere della Sera, con numerose esperienze radiofoniche (debuttò nel 1969 alla RAI con Per voi giovani) e televisive (fra cui Mister Fantasy, Re per una notte e Momenti di gloria).

«La Rai, fin da bambino, è stata per me come un sogno. Soprattutto la radio. Mi alzavo dal letto e la accendevo prima ancora di sedermi in cucina a fare colazione: “masticavo” la musica e le notizie dei giornali radio sin dal primo mattino.»

«Diana Ross, invece, mi fece uno scherzo curioso. All’aeroporto mi mandò a quel paese. Così durante lo spettacolo al Teatro Tenda di Lampugnano mi cercò fra il pubblico in platea. Mi chiese di alzarmi, mi prese per mano e mi fece ballare con lei. Che vergogna.»

«Ho imparato molto dai cantautori. Da De André il perdono, l’assoluzione, l’amnistia assoluta. Da Gino Paoli l’importanza di essere immediati, diretti e umorali. Da Roberto Vecchioni la rielaborazione e la sublimazione del dolore. Da Enzo Jannacci il fascino discreto dell’incoerenza e uno humour speciale, tutto milanese, che odora di fabbrica, nebbia e case di ringhiera.»

Dopo la presentazione, che si è tenuta giovedì scorso a Milano (moderata da Ezio Guitamacchi, autore della collana musicale di Hoepli), Mario Luzzatto Fegiz, insieme a Giulio Nannini, che ha collaborato alla stesura del libro, sarà in numerose città italiane.

Venerdì 20 gennaio 2017 ore 18.00 | Presentazione a ROMA alla Libreria IBS+ Libraccio con Marco Molendini, Il Messaggero

Mercoledì 25 gennaio 2017 ore 18.30 | Presentazione a FIRENZE alla Libreria la Feltrinelli

Giovedì 26 gennaio 2017 ore 18.00 | Presentazione a BOLOGNA alla Libreria Coop Ambasciatori

Mercoledì 1 febbraio 2017 orario in definizione | Presentazione a UDINE alla Libreria La Moderna

Giovedì 2 febbraio 2017 ore 18.00 | Presentazione a TRIESTE alla Libreria Lovat con Carlo Muscatello, Il Piccolo

Venerdì 3 febbraio 2017 ore 18.00 | Firmacopie a VILLORBA alla Libreria Lovat di Villorba

Sabato 4 febbraio 2017 ore 17.30 | Presentazione a MILANO all’interno della rassegna Writers: gli scrittori si raccontano ai Frigoriferi Milanesi

Martedì 4 aprile 2017 ore 20.00 | Presentazione al ROTARY CLUB MILANO

Condividi su Facebook



 Articolo letto 747 volte


Pagina stampabile