Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La rivoluzione tecnica del digitale terrestre: manca poco, ma ... siamo pronti?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•17/02 - Fleshgore…dalla ex cortina di ferro con furore…
•12/02 - Angelus Rock infreddolito: Roberto Cacciapaglia inizia il tour russo e poi il 5 Marzo parte quello italiano da Firenze ..
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
(altre »)
 
 Recensioni
•20/02 - Straight Hate Every Scum is a Straight Arrow (Deformeathing Production) – Polonia violenta
•19/02 - The Bankrobber – Missing (VRec) .. post punk vellutato, l'incontro con il pop e la new wave ..
•18/02 - Sage Live @ Tvornica (video) – Croatian Metal Assault
(altre »)
 
 Comunicati
•20/02 - Frankie Gavin in concerto a San Giovanni Lupatoto (VR)
•19/02 - Caravaggio - L'Anima e il Sangue al cinema il 19, 20 e 21 febbraio con la voce di Manuel Agnelli
•18/02 - Ilaria Cretaro, il nuovo singolo è Un attimo di luce
(altre »)
 
 Rumours
•20/02 - Enzo Avitabile presenta il best of Pelle Differente instore
•16/02 - Ed Sheeran, sabato 17 febbraio VH1 festeggia il suo 27° compleanno
•16/02 - Patty Pravo in...La cambio io la vita che tour 2018 con la Gaga Symphony Orchestra
(altre »)
Notizie
Pubblicato il 12/02/2017 alle 20:28:43
Muore Al Jarreau, indiscusso maestro della voce
di Manuela Ippolito
Al Jarreau, artista americano, tra i piu' grandi interpreti del genere jazz-pop-soul-fusion, e' morto all'eta' di 76 anni. L'artista e' venuto a mancare questa mattina a Los Angeles.

Al Jarreau, artista americano, tra i piu' grandi interpreti del genere jazz-pop-soul-fusion, e' morto all'eta' di 76 anni. L'artista e' venuto a mancare questa mattina a Los Angeles.

Era ricoverato da alcuni giorni, tanto che era stato costretto a cancellare alcuni concerti.

Al Jarreau, nome d'arte di Alwyn Lopez Jarreau, figlio di un pastore avventista con la passione della musica, è stato uno dei cantanti più straordinari, sempre in equilibrio fra jazz, pop, soul, e capace di performance vocali funamboliche.

Al Jarreau, vanta un repertorio unico con brani come “Mornin”, “We're In This Love Together” e “L is for Lover” e “Boogie Down”, “Roof Garden” e “Your Song”, colonna sonora di più generazioni.

La sua vocalità contemporanea e la sua tecnica vocale resta di prim’ordine: lo ha dimostrato in Take Five, un brano del pianista Dave Brubeck, diventato un cavallo di battaglia di Jarreau, nel quale ha riproposto l’imitazione vocale di un assolo di batteria, un numero che ha proposto per anni e con cui ha strappato applausi dal pubblico di tutto il mondo. “Hearat’s Horizon”, tra i migliori album da lui realizzati, è una delle sue pietre miliari.

Il 22 luglio 2010 iI jazzista venne ricoverato nel reparto rianimazione dell'ospedale di Gap, nel sud della Francia, in “stato critico” per problemi respiratori e cardiaci, alla vigilia di un concerto nella vicina città di Barcellonnette. L’artista è poi tornato a esibirsi già il 3 agosto successivo a Francoforte. In quell’anno aveva partecipato all’album del musicista brasiliano Eumir Deodato, interpretando il singolo “Double Face”.

Molto amato in Italia, in tanti ricordano memorabili concerti nel nostro paese, soprattutto in rassegne come Umbria Jazz, dove Al Jarreau si è esibito con artisti del calibro di Miles Davis e B.B. King. Nel febbraio 2012 aveva partecipato al Festival di Sanremo come ospite dei Matia Bazar per eseguire il brano “Speak Softly Love (Parla più piano)” dal film “Il Padrino”. In quell’occasione, a chi gli chiedeva il segreto della longevità di una star, rispose che bisogna “avere sempre voglia di fare musica, anche all'angolo di una strada, e gratis. Hai successo quando alla gente batte il cuore ogni volta che ti ascolta, quanto senti che il pubblico vuole avere un pezzetto di te”. Al Jarreau era stato anche ospite dell'edizione 2000 del Festival di Sanremo condotta da Fabio Fazio. Appassionato dell’Italia, si dichiarava fan dei Musica Nuda (Petra Magoni e Ferruccio Spinetti), che nel 2009 aprirono il suo tour in Germania. “Petra è eccezionale. E ha un viso meraviglioso, sembra Bo Dereck. Ho cantato con loro in occasione di un concerto di Natale da Malta", aveva ricordato.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 630 volte


Pagina stampabile