Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
La tutela del prodotto autoctono: la polemica su Mogol e le quote di musica italiana..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•07/03 - Sage, Croazia e storia.
•05/03 - Wyatt Earp: pistole, alcool e rock'n'roll!!
•03/03 - Dalla Russia una gelida folata di Heavy Metal…
(altre »)
 
 Recensioni
•20/03 - St. Madness Bloodlustcapades (autoproduzione - promo) – Heavy Metal Heavy Metal
•18/03 - Spartan Warrior Hell to Pay (Pure Steel Records) – Il ritorno del guerriero spartano…
•17/03 - Jena Lu - Le dita nelle costole (I Dischi del Minollo), il rock acustico che nasce negli anni 90
(altre »)
 
 Comunicati
•19/03 - Noa, il nuovo album è prodotto da Quincy Jones
•18/03 - Mercoledi' 20 Marzo 2019 esce Non C'e' Un Cazzo da Ridere, disco dei napoletani TheRivati
•17/03 - Esce l'8 Aprile per MiaCameretta Records il quarto disco dei ravennati The Doormen
(altre »)
 
 Rumours
•19/03 - Morgan apre la rassegna A tu per tu con...al Teatro Golden di Roma
•18/03 - Alan Stivell torna in Italia per tre date a marzo con la Electric Band
•15/03 - Dimartino presenta Afrodite in tour, ultime date a Roma e Bologna
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 16/02/2017 alle 09:37:06
Le canzoni fanno male, lo dice Marianne Mirage
di Manuela Ippolito Giardi
E' uscito in digitale "Le canzoni fanno male" il nuovo EP di Marianne Mirage, che ha gareggiato nella sezione "Nuove proposte" del Festival di Sanremo 2017, e che fotografa come una polaroid quella che è l’artista oggi.

E' uscito in digitale "Le canzoni fanno male" il nuovo EP di Marianne Mirage, che ha gareggiato nella sezione "Nuove proposte" del Festival di Sanremo 2017, e che fotografa come una polaroid quella che è l’artista oggi: una musicista completa che porta, insieme alla sua inseparabile chitarra, nel pop del futuro l’anima e tutti i colori della musica “black”.

Tantissimi gli spazi dedicati dai media nazionali a Marianne così come la regolarità con cui le principali radio stanno dando visibilità al singolo.

“Le canzoni fanno male” di Marianne Mirage – scritto da Francesco Bianconi (Baustelle) e Kaballà – è una grintosa ballad soul con un gran ritornello ritmato che enfatizza l’espressività dell’artista. Si racconta l’amore con uno sguardo obliquo e disincantato, un’assoluta novità per il repertorio sanremese, “troppe rime cuore, amore che non sono neanche divertenti”.

“Quando l’ho sentita ho lottato per averla. L’ho cantata, l’ho fatta arrivare a Bianconi interpretata a modo mio, e lui pare ne sia rimasto affascinato e subito colpito“.

Il titolo coraggioso dell’EP “Le Canzoni Fanno Male” suona come una dichiarazione d’amore. Dentro racchiude il sentimento legato a quelle canzoni che portiamo nel cuore, che non si riescono più nemmeno ad ascoltare con leggerezza, tanto forte è il loro effetto su di noi.

Quando è arrivata la convocazione per il Festival di Sanremo Marianne era nel bel mezzo della produzione dei brani che avrebbero dovuto comporre il suo nuovo album, il successore di “Quelli come me” (uscito nel 2016 per Sugar), che l’ha portata ad una grande crescita live con concerti in Italia e in tante città estere (Berlino, Parigi, Tokyo che hanno fatto da sfondo ad alcuni dei suoi videclip).

Nel 2012 consegue il diploma di recitazione al Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, dando così inizio ad una serie di impegni che la vedono ricoprire il ruolo di attrice. Nel 2014 Marianne Mirage pubblica il suo primo singolo, "Come Quando Fuori Piove" con Sugar, l’etichetta discografica di Caterina Caselli, e attira subito su di se l’attenzione dei media, tra cui Rolling Stone, che nello stesso anno l'ha voluta come performer per la festa della rivista all'Alcatraz di Milano.

Successivamente si esibisce in occasione di aperture di artisti nazionali e internazionali tra cui Kiesza, Patty Pravo, Tiromancino, Raphael Gualazzi etc. Nel 2015 Microsoft la sceglie come artista per presentare il nuovo prodotto Surface, un’applicazione innovativa in cui Marianne suona la chitarra da un dispositivo tecnologico. Un’idea innovativa che colpisce le testate giornalistiche, tanto da volerla come performer alla festa di natale di Vanity Fair 2015. Anche il nuovo anno è iniziato con una serie di impegni per la giovane artista e a febbraio la vedremo su DeejayTV nel ruolo di attrice nella trasmissione "TADA’" con Filippo Timi, affiancata da artisti come Elio E Le Storie Tese, Marco Mengoni, Malika Ayane ed altri ancora. Il 2016 è un anno importante per Marianne Mirage: il 25 marzo esce “Quelli Come Me”, il disco di debutto su etichetta Sugar. Prodotto da Max Elli e Jack Jaselli, registrato all’Auditoria Records di Como e mixato da Enrico La Falce, “Quelli Come Me” rappresenta l’esordio sulla lunga distanza di Marianne, un grande lavoro di creatività che l’artista dedica a tutti quelli che vedono e vivono la vita come lei. “Questo disco sono io”, dichiara infatti Marianne, “è una fotografia della mia essenza, delle mie idee e delle mie speranze”. In parte autobiografico, “Quelli Come Me” è un inno alle battaglie quotidiane, alle storie di vita e alla lotta per un’idea, una sopraffazione, per l’amore. “Ho imparato che se non lotti non ottieni nulla, e questo ha forgiato il mio carattere e i miei intenti artistici”. Partendo da una chitarra classica le parole sono uscite spontanee come un flusso, a cui si sono aggiunte una batteria soul e un basso dai suoni groove. “È un disco sensuale, semplice e fatto con amore”, Marianne Mirage.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 989 volte


Pagina stampabile