Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Mediaset conferma l'acquisizione del canale LCN 20 del digitale terrestre, ceduto da Retecapri
 

www.fanzine.net
 Interviste
•22/04 - Roberto Bottalico: sull’Hard Bop si appoggia il nostro stile
•18/04 - Lucrezio de Seta: non c’è sperimentazione senza tradizione
•13/04 - Fiorenza Calogero, voce ed anima mediterranea ambasciatrice della canzone partenopea nel mondo
(altre »)
 
 Recensioni
•26/04 - Lucid Dream: Otherworldly
•25/04 - L’Acid Jazz piu' attuale che mai con il ritorno di Francesco Gazzara
•24/04 - Teresa De Sio: anteprima di Teresa Canta Pino a Sulmona 22 aprile 2017
(altre »)
 
 Comunicati
•26/04 - Thegiornalisti, annunciate le prime date del tour estivo
•26/04 - Paramore, il 12 maggio esce After Laughter
•25/04 - Compleanno della Casa del Jazz il 30 aprile a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•26/04 - Shania Twain, a settembre nuovo album dopo 15 anni
•26/04 - Omar Pedrini, in arrivo il nuovo album Come se non ci fosse un domani
•26/04 - Al Teatro Bolivar di Napoli il perccusautore Tony Cercola con lo spettacolo Tu, tu che mestiere fai?
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 08/03/2017 alle 16:09:56
Vindland – Hanter Savet (Black Lion Productions) – La Bretagna estrema
di Emanuele Gentile
Album di esordio per un trio francese che ha delle idée piuttosto convincenti.

Album di esordio per un trio francese che ha delle idée piuttosto convincenti.

Come avrete certamente notato in questi giorni ho pubblicato la recensione del gruppo leader del Folk Rock bretone, ossia i Tri Yann. Orbene, oggi vi presento un gruppo – Vinland – che si muove nella stessa direzione. Nella stessa direzione poiché si muove all’interno della musica Folk, ma con un sound molto più violento ed estremo. Il Black Metal.

Certo per i gruppi bretoni il riferirsi alla propria identità storica e culturale è una “condicio sine qua non” imprescindibile. I gruppi da quelle parti dimostrano che il legame con la propria terra è un cordone ombelicale. Senza di esso – il cordone ombelicale – verrebbe meno tutto un certo modo di intendere la musica e il mondo stesso. Di conseguenza l’eredità musicale si fa sentire. E’ quasi un obbligo morale.

Il gruppo è in attività da undici anni ed esordisce con un demo intitolato “Demo” (che fantasia! – nda) nel 2007. Passano 9 anni circa ed ecco l’album di esordio “Hanter Savet” pubblicato per la Black Lion Productions. La cosa più incredibile è che l’ufficio stampa che cura la promozione dell’album è del Bangladesh: la Qabar Press! Un gruppo che esprime un’identità di area in maniera forte promosso da un’agenzia di stampa dall’altro parte del mondo! Contraddizioni della globalizzazione. Nel caso specifico una positiva contraddizione! La band è composta da: Camille (chitarre, basso e composizione), Romuald (canto) e Marc (batteria).

Le sonorità, prima di tutto, sono Black Metal…un Black Metal piuttosto violento ma mai cacofonico. A tale base viene accostato la musica tradizionale bretone. Il matrimonio è molto interessante. In quanto questa alternanza momenti estremi con altri più sognanti è davvero avvincente ed emozionante. Alcuni momenti strumentali sono al dir poco emozionanti. Il gruppo, pur essendo molto giovane, dimostra di avere delle idee non proprio banali. Possono fare molto di più. Benvenuti nella Bretagna oscura e misteriosa.

Tracks-list:

"Orin Kozh";
"Treuzwelus";
"Serr-Noz";
"Pedenn Koll";
"Skleur Dallus";
"Morlusenn";
"Skorneg du";
"Skeud ar gwez";
"And the Battle Ended" (Re-recorded 2015 version).

Condividi su Facebook




 Articolo letto 351 volte


Pagina stampabile