Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Filatelia e musica rock, francobolli e collezionismo discografico: le mille osmosi …
 

www.fanzine.net
 Interviste
•06/01 - Marco Papadia: tradizione e avanguardia nel jazz
•17/12 - Bobby Posner tra nostalgia, rimpianti e progetti futuri
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
(altre »)
 
 Recensioni
•18/01 - The Allophones – Muscle Memory (VRec)
•18/01 - Metral Promo (autoproduzione) – Heavy Metal e basta
•17/01 - Cara Calma - Sulle punte per sembrare grandi (Cloudhead Records e Phonarchia Dischi)
(altre »)
 
 Comunicati
•17/01 - Al via la seconda stagione di Variazioni su Tema su Rai5 con Gege' Telesforo
•17/01 - Il Professor Vecchioni e la sua ossessione per il tempo
•16/01 - I Nomadi in concerto sabato 27 gennaio a Roma
(altre »)
 
 Rumours
•17/01 - Ghali il 19 gennaio a Radio 2 Live
•17/01 - Non e' mica da questi particolari che si giudica un cantautore, il 18 gennaio con Pino Marino
•16/01 - Alex Zuccaro premiato a Lecce: valente musicista, arrangiatore e collaboratore di Franco Migliacci, oltre che nell'opera rock sinfonica Stabat Mater ...
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 18/03/2017 alle 11:20:04
Bruce Harper - Omonimo
di Silvio Mancinelli
L'impianto elettronico e l'atteggiamento rock sono i tratti distinguibili del disco omonimo di esordio dei Bruce Harper, “band” composta da un trio: Luca, Paolo e Marco.

L'impianto elettronico e l'atteggiamento rock sono i tratti distinguibili del disco omonimo di esordio dei Bruce Harper, “band” composta da un trio: Luca, Paolo e Marco.

Il disco composto da nove tracce totalmente strumentali sono suonate in maniera analogica e si basano spesso su pattern sorprattutto tribali. La cosa particolare è che le voci sono utilizzate come strumento: infatti sono destrutturate in filtri ed effetti che le trasformano in suono meccanico.

Sono tracce molto rock, nel senso che se ci si immagina una chitarra elettrica e una voce normale è facile trasformarle in canzoni alla Nine Inch Nails. Una ispirazione di mat-rock alla Battles di “Atlas” in alcuni casi e Burial in altri. Bel disco che si pone nella scia dell'elettronica made in Italy. Da non sottovalutare.

La tracklist

1. Exrt
2. Sun
3. Whales
4. Landscape
5. This horizon
6. Arms
7. Blind
8. Cold
9. Fluo rites


Condividi su Facebook



 Articolo letto 615 volte


Pagina stampabile