Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
L'indotto legato alla musica sempre piu' importante: ora in commercio la t-shirt di Rovazzi ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•04/08 - Antonio Giorgio: estasi e filosofia del Golden Metal
•03/08 - Quel semplice rompipalle di Simone Ceresoli, regista rock che vuole tornare all’epoca della ruota ..
•24/07 - Alessandro Salvati e il nuovo singolo Coconut Milk: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•11/08 - Gunash - Great expectations (Go down records)
•10/08 - Rocco Aliano - Calvello 8 Agosto 2017 ... sara' un fiasco gucciniano..
•09/08 - Un'arpa a Montelago Celtic Festival
(altre »)
 
 Comunicati
•16/08 - Paul Armfield in concerto il 21 agosto a Marina di Ravenna
•14/08 - Martedì 15 agosto il main event del Roccella Jazz Festival con Tuck e Patti
•09/08 - Dal 12 al 24 agosto la XXVII edizione del Roccella Jazz Festival con un tributo a Rino Gaetano
(altre »)
 
 Rumours
•16/08 - Riki, on line il video di Balla con me
•16/08 - Scomparso Alessandro Soresini batterista degli Africa Unite e Reggae National Tickets
•10/08 - Beppe Gambetta in concerto a Lerma (AL) il 12 agosto
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 24/03/2017 alle 18:37:32
Bridgend - Rebis
di Silvio Mancinelli
Bridgend è un gruppo post rock che fa capo a Andrea Zacchia. Il progetto prende il nome della città gallase, città nella quale Andrea ha inciso le prime prepoduzioni di questo album intitolato “Rebis”.

Bridgend è un gruppo post rock che fa capo a Andrea Zacchia. Il progetto prende il nome della città gallase, città nella quale Andrea ha inciso le prime prepoduzioni di questo album intitolato “Rebis”.

Accompagnato da due musicisti dell'ambiente romano, cioè Lorenzo Sisani Fornasini al basso e Denis Kokomani alla batteria, Andrea compone una moderna Divina Commedia nella quale c'è Rajas che fa un viaggio verso l'isola di Rebis accompagnato dal suo mentore Sattva e Tamas.

A dare voce ai personaggi ci sono Roberto Bonfantini, Lodovico Zago e Gioele Barone. È un disco questo che ci riporta alle ambientazioni anni 70, dove il progressive raccontava storie come i Jethro Tull di Ian Anderson o i primi Genesis di Peter Gabriel, o se rimaniamo in Italia, pensiamo alla PFM o alle Orme. Se l'atmosfera e il concetto musicale è quello, musicalmente e sonoramente, le vibrazioni sono più postrock. C'è più Mogway che progressive. Di certo questo disco può assomigliare un po' ad un audio libro con l'inserimento di quei testi recitati. Rimane ben suonato. Ad aprile partirà il tour per raccontare in musica e a parole il viaggio verso Rebis.

La tracklist

ACT I

1. Path to Ys
2. The sunken cathedral
3. Ys
4. Rendezvous
5. Rebis
6. Threshold

ACT II

1. Tetracedron planus vacuus
2. Binah
3. Return to Ys
4. Zain

ACT III


1. Black sun
2. Archè


Condividi su Facebook



 Articolo letto 556 volte


Pagina stampabile