Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•25/04 - Fuga sul pianeta rosso - Quadrosonar (Phonarchia dischi)
•24/04 - In-Side – Out-Side (Andromeda Relix) Potere alla melodia!!
•21/04 - I Traditori - Delicato (Libellula)
(altre »)
 
 Comunicati
•26/04 - Cristiano De Andrè porta in tour Storia di un impiegato
•25/04 - Lezioni di Rock... in jazz il 27 aprile a Roma dedicato a Stevie Wonder
•25/04 - Cory Henry & The Funk Apostles apre il 16 luglio Arena Derthona a Tortona
(altre »)
 
 Rumours
•26/04 - Vittorio De Scalzi torna con L'Attesa
•26/04 - Van Morrison, esce il disco con l'organista Joey DeFrancesco
•25/04 - Bella Ciao, il nuovo video delle Nuove Tribu' Zulu per il 25 aprile
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 04/04/2017 alle 19:08:15
The Sade - Grave
di Silvio Mancinelli
Mi ero già occupato di Andrea Pozzy qualche tempo fa con i suoi ex OJM ed ora lo ritrovo in una veste rinnovata con i The Sade e il loro disco autoprodotto “Grave” terzo lavoro della band.

Mi ero già occupato di Andrea Pozzy qualche tempo fa con i suoi ex OJM ed ora lo ritrovo in una veste rinnovata con i The Sade e il loro disco autoprodotto “Grave” terzo lavoro della band.

Non è il loro primo album tanto è vero che questo power trio ha debuttato già nel 2009 con il primo Ep e Musicalnews già si era occupato di “Damned love”. Ora ritroviamo i The Sade con questo lavoro composto da ben dieci canzoni, molto cazzute direi. Certo, guardando la carriera di Andrea, ci ritroviamo ad una nuova evoluzione del suono.

Se dieci anni fa parlavo prima di rock desertico o stoner, ora qui ci troviamo più in un campo fatto di riflessione rock macchiato di blues, dove l'inspirazione è sicuramente Mark Lanegan (“Black leather”) e in alcuni casi il metal tedesco.s Sicuramente la timbrica sonora è migliorata dai tempi di “Damned love”. In altre parti riaffora il vecchio rock and roll alla Deep Purple o alla Iron Maiden, trasformando però gli acuti dei primi in una voce baritonale, più bassa e cupa. Questa è la lezione del rock: prendere gli stili degli altri, assimilarli e farli propri. I The Sade fanno questo.


La tracklist

1. Prayer
2. The Raven
3. Seek seek seek
4. Afterdeath
5. Black leather
6. Graveyard
7. Coachman
8. Burnt
9. Nyctophilia
10. Charlie charlie


Condividi su Facebook



 Articolo letto 637 volte


Pagina stampabile