Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Dateci ancora dello swing! Dallo show con Renzo Arbore al festival fiorentino …con il coraggio di Don Abbondio!
 

www.fanzine.net
 Interviste
•19/11 - Quel contrabbasso umano di Max Pezzali, tra la seconda generazione punk rock inglese e le nuove canzoni alla radio
•02/11 - Un maestro mai Fermo: Sergio Ciccoli.
•31/10 - Monkey Tempura, jazz contemporaneo e moderno: ne parliamo con Francesco De Palma ..
(altre »)
 
 Recensioni
•12/12 - Silenzio Profondo – Silenzio Profondo (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
•10/12 - Luca Bretta - L'1%
•09/12 - Firenze Suona Downtown al Caffe' Letterario Le Murate: un castello incantato con King of The Opera e Verdiana Raw ..
(altre »)
 
 Comunicati
•13/12 - Recital di Veronica Simeoni al Palladium di Roma per la rassegna Prime donne
•13/12 - Musica Live: I Giovani X I Giovani, al via a Roma la rassegna con i conservatori italiani
•12/12 - Benji & Fede tornano con Buona fortuna
(altre »)
 
 Rumours
•12/12 - Jovanotti, Oh, Vita! è primo in classifica
•12/12 - Stabili le condizioni di Chris Rea dopo un collasso sul palco
•12/12 - 'E Guarattelle, l'album d'esordio dei partenopei Lab081
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 04/04/2017 alle 19:08:15
The Sade - Grave
di Silvio Mancinelli
Mi ero già occupato di Andrea Pozzy qualche tempo fa con i suoi ex OJM ed ora lo ritrovo in una veste rinnovata con i The Sade e il loro disco autoprodotto “Grave” terzo lavoro della band.

Mi ero già occupato di Andrea Pozzy qualche tempo fa con i suoi ex OJM ed ora lo ritrovo in una veste rinnovata con i The Sade e il loro disco autoprodotto “Grave” terzo lavoro della band.

Non è il loro primo album tanto è vero che questo power trio ha debuttato già nel 2009 con il primo Ep e Musicalnews già si era occupato di “Damned love”. Ora ritroviamo i The Sade con questo lavoro composto da ben dieci canzoni, molto cazzute direi. Certo, guardando la carriera di Andrea, ci ritroviamo ad una nuova evoluzione del suono.

Se dieci anni fa parlavo prima di rock desertico o stoner, ora qui ci troviamo più in un campo fatto di riflessione rock macchiato di blues, dove l'inspirazione è sicuramente Mark Lanegan (“Black leather”) e in alcuni casi il metal tedesco.s Sicuramente la timbrica sonora è migliorata dai tempi di “Damned love”. In altre parti riaffora il vecchio rock and roll alla Deep Purple o alla Iron Maiden, trasformando però gli acuti dei primi in una voce baritonale, più bassa e cupa. Questa è la lezione del rock: prendere gli stili degli altri, assimilarli e farli propri. I The Sade fanno questo.


La tracklist

1. Prayer
2. The Raven
3. Seek seek seek
4. Afterdeath
5. Black leather
6. Graveyard
7. Coachman
8. Burnt
9. Nyctophilia
10. Charlie charlie


Condividi su Facebook



 Articolo letto 556 volte


Pagina stampabile