Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
DVB-T2, il digitale terrestre di seconda generazione ed il rilascio della banda 700 entro il 2022
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/10 - Improvvisa scomparsa del bassista Angelo Nacca: ne parliamo con Stefano Ferro ..
•15/10 - Pierluigi De Luca, 30 anni di musica sulla strada dove camminare
•13/10 - Foscor, ombre catalane .. tra dark rock e metal ..
(altre »)
 
 Recensioni
•19/10 - Giuni Russo – Armstrong (GiuniRussoArte/Pirames, 2017)
•16/10 - Davide Viviani - L'Oreficeria
•15/10 - Procol Harum- Roma (Auditorium Parco della Musica) 9/10/2017
(altre »)
 
 Comunicati
•20/10 - Rkomi, nuove date per Io in Terra Tour
•20/10 - Rodrigo D’Erasmo firma la sua prima colonnna sonora per il cinema
•19/10 - Negramaro, nuovo tour negli Stadi nel 2018
(altre »)
 
 Rumours
•20/10 - Andrea Ramolo a Le Mura di Roma, ultima data del suo Nuda Italian Tour
•19/10 - Cristina D'Avena, ecco i big che duettano in Tutti cantano Cristina
•18/10 - Solitude 2.0 nuovo video e singolo per i Mantram
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 13/04/2017 alle 13:02:37
Lambstone – Hunters & Queens (VRec./Audioglobe, 2017)
di Gianni Della Cioppa
I Lambstone lo fanno meglio. Lo si capisce sin da subito: grafica, immagine ed il loro nome che lo vedi nei cartelloni di tanti locali. E la musica? La porzione migliore di tutto.

I Lambstone lo fanno meglio. Lo si capisce sin da subito: grafica, immagine ed il loro nome che lo vedi nei cartelloni di tanti locali. E la musica? La porzione migliore di tutto.

Il quintetto milanese si muove agile da qualche anno e dopo aver raccolto consensi con alcune produzioni a breve minutaggio e videoclip di buon livello, ha raggiunto il traguardo dell’album di esordio con “Hunters & Queens”, che suona fresco e moderno, incanalandosi nel filone post grunge, con riferimenti importanti che si chiamano Stone Temple Pilots, Creed e Nickelback. Ovvero un rock aggressivo che non perde mai di vista la melodia.

Il telaio poggia su una scrittura fluida e graffiante, su cui il cantato virile di Alessandro Di Bello impone il suo marchio. Ascoltiamo così dieci canzoni pur in una certa uniformità stilistica, convincono sin dal primo ascolto. Almeno tre le possibili hit: “Hunting”, “Stronger” e “Violet”. Ma la vera sorpresa arriva alla fine, con una rilettura, apparentemente fuori contesto come “Dust in The Wind” dei progster americani Kansas, che i Lambstone rendono convincente ed affine al loro linguaggio.

Anche dal vivo il quintetto offre uno spettacolo coinvolgente, con Alessandro che si dimostra autentico frontaman, come tradizione rock vuole.

Lambstone: una delle band su cui puntare, per la nostra scena rock.


Condividi su Facebook








 Articolo letto 825 volte


Pagina stampabile