Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Spotify quotato in borsa: a noi, cosa ci cambia?
 

www.fanzine.net
 Interviste
•03/04 - Monnalisa: il sorriso del prog italiano
•31/03 - Marco Acquarelli, tra sperimentazione ritmica e ricerca sonora
•22/03 - Marygold: 25 anni di musica prog, passione, divertimento ed amicizia!
(altre »)
 
 Recensioni
•25/04 - Fuga sul pianeta rosso - Quadrosonar (Phonarchia dischi)
•24/04 - In-Side – Out-Side (Andromeda Relix) Potere alla melodia!!
•21/04 - I Traditori - Delicato (Libellula)
(altre »)
 
 Comunicati
•26/04 - Cristiano De Andrè porta in tour Storia di un impiegato
•25/04 - Lezioni di Rock... in jazz il 27 aprile a Roma dedicato a Stevie Wonder
•25/04 - Cory Henry & The Funk Apostles apre il 16 luglio Arena Derthona a Tortona
(altre »)
 
 Rumours
•26/04 - Vittorio De Scalzi torna con L'Attesa
•26/04 - Van Morrison, esce il disco con l'organista Joey DeFrancesco
•25/04 - Bella Ciao, il nuovo video delle Nuove Tribu' Zulu per il 25 aprile
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 13/04/2017 alle 13:02:37
Lambstone – Hunters & Queens (VRec./Audioglobe, 2017)
di Gianni Della Cioppa
I Lambstone lo fanno meglio. Lo si capisce sin da subito: grafica, immagine ed il loro nome che lo vedi nei cartelloni di tanti locali. E la musica? La porzione migliore di tutto.

I Lambstone lo fanno meglio. Lo si capisce sin da subito: grafica, immagine ed il loro nome che lo vedi nei cartelloni di tanti locali. E la musica? La porzione migliore di tutto.

Il quintetto milanese si muove agile da qualche anno e dopo aver raccolto consensi con alcune produzioni a breve minutaggio e videoclip di buon livello, ha raggiunto il traguardo dell’album di esordio con “Hunters & Queens”, che suona fresco e moderno, incanalandosi nel filone post grunge, con riferimenti importanti che si chiamano Stone Temple Pilots, Creed e Nickelback. Ovvero un rock aggressivo che non perde mai di vista la melodia.

Il telaio poggia su una scrittura fluida e graffiante, su cui il cantato virile di Alessandro Di Bello impone il suo marchio. Ascoltiamo così dieci canzoni pur in una certa uniformità stilistica, convincono sin dal primo ascolto. Almeno tre le possibili hit: “Hunting”, “Stronger” e “Violet”. Ma la vera sorpresa arriva alla fine, con una rilettura, apparentemente fuori contesto come “Dust in The Wind” dei progster americani Kansas, che i Lambstone rendono convincente ed affine al loro linguaggio.

Anche dal vivo il quintetto offre uno spettacolo coinvolgente, con Alessandro che si dimostra autentico frontaman, come tradizione rock vuole.

Lambstone: una delle band su cui puntare, per la nostra scena rock.


Condividi su Facebook








 Articolo letto 957 volte


Pagina stampabile