Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
L'indotto legato alla musica sempre piu' importante: ora in commercio la t-shirt di Rovazzi ..
 

www.fanzine.net
 Interviste
•04/08 - Antonio Giorgio: estasi e filosofia del Golden Metal
•03/08 - Quel semplice rompipalle di Simone Ceresoli, regista rock che vuole tornare all’epoca della ruota ..
•24/07 - Alessandro Salvati e il nuovo singolo Coconut Milk: la nostra intervista ..
(altre »)
 
 Recensioni
•11/08 - Gunash - Great expectations (Go down records)
•10/08 - Rocco Aliano - Calvello 8 Agosto 2017 ... sara' un fiasco gucciniano..
•09/08 - Un'arpa a Montelago Celtic Festival
(altre »)
 
 Comunicati
•16/08 - Paul Armfield in concerto il 21 agosto a Marina di Ravenna
•14/08 - Martedì 15 agosto il main event del Roccella Jazz Festival con Tuck e Patti
•09/08 - Dal 12 al 24 agosto la XXVII edizione del Roccella Jazz Festival con un tributo a Rino Gaetano
(altre »)
 
 Rumours
•16/08 - Riki, on line il video di Balla con me
•16/08 - Scomparso Alessandro Soresini batterista degli Africa Unite e Reggae National Tickets
•10/08 - Beppe Gambetta in concerto a Lerma (AL) il 12 agosto
(altre »)
Comunicati
Pubblicato il 15/04/2017 alle 23:08:01
Lucrezio de Seta presenta Brubeck Was Right il 20 aprile all'Alexanderplatz di Roma
di Manuela Ippolito
Giovedì 20 aprile, alle 21.30, all’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, ci sarà Lucrezio de Seta con il suo secondo lavoro da leader "Brubeck Was Right" pubblicato da Headache Productions.

Giovedì 20 aprile, alle 21.30, all’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, ci sarà Lucrezio de Seta con il suo secondo lavoro da leader "Brubeck Was Right" pubblicato da Headache Productions.

Un progetto originale e dinamico caratterizzato da una forte intensità emozionale, che alterna brani inediti poetici e passionali a rielaborazioni moderne dei più grandi standard della tradizione jazzistica. Il disco si distingue per un sound originale e strizza l’occhio tanto alla tradizione quanto ai più moderni dettami estetici del jazz moderno: per la serata la formazione sarà completata da Ettore Carucci al pianoforte e Luca Pirozzi al basso.

Il chiaro riferimento alla storica figura di Dave Brubeck, infatti, pur non venendo mai citato attraverso le sue celebri composizioni, è alla base di questo trio che reinterpreta famosi standard ed elabora composizioni originali (tutte a firma di Carucci) esplorando metriche dispari e ricercando una pronuncia originale ed immediata. Una formazione ricca di groove, dunque, in cui la batteria di Lucrezio de Seta, divisa tra tempi irregolari e pronunce swingate, trova la corretta vena interpretativa per rielaborare grandi classici del jazz. A fare il resto ci pensano il pianismo moderno di Ettore Carucci, caratterizzato da una grande padronanza del fraseggio e del comping mai banale, e il basso di Luca Pirozzi, perfetto nell’esecuzione e azzeccato nello stile asciutto e diretto.

E’ questo il punto di partenza dal quale prendono vita alcune rivisitazioni di alcuni dei più grandi successi della storia del jazz. Tra questi A Night in Tunisia, celebre composizione di Dizzy Gillespie e Frank Paparelli, che, pur mantenendo la stessa linea melodica dell’originale, è arrangiata per l’occasione in 7/4 e arricchita da una ritmica di chiara matrice afrocubana, incalzante e decisa, a tratti fluida a tratti sincopata, perfetto tappeto per l’improvvisazione brillante di Ettore Carucci. Giant Step, brano del grande John Coltrane, è invece rivisitato in due versioni (entrambe in 5/4) che destrutturano l’opera originale con un groove incalzante, con un andamento swing deciso e con un improvvisazione fluida e determinata. Persino Lonnie’s Lament, anch’essa famosa composizione del grande John Coltrane, viene riarrangiata con una chiave di lettura moderna e con una batteria decisamente afro che ne capovolge i connotati regalando modernità ed originalità alla melodia. In questo contesto si collocano perfettamente brani originali quali Tyre Blown, caratterizzato da sostenutissime metriche dispare e da uno swing incalzante, e Ghost dove una batteria che rimanda in qualche modo al drum’n’bass newyorkese anni ’90 che ben si sposa con il pianismo fluido e diretto del compositore. Non mancano anche ballad caratterizzate da lirismo e passionalità come Confusion oppure the Simple Life of My heart, che si distinguono per le atmosfere rarefatte e per quelle note in sospeso che rendono la melodia eterea.

Brubeck was Right! è un progetto innovativo, dalla forte vena creativa che partendo dalla tipica formazione in trio acustico si evolve senza timidezze reverenziali di stampo stilistico, dando vita ad arrangiamenti moderni e composizioni originali che ben si collocano nel panorama jazzistico più attuale.

Alexanderplatz Jazz Club
Via Ostia, 00192 Roma
Info e prenotazioni 06 8377 5604
prenotazioni.alexanderplatz@gmail.com
aperture porte: 20:30 Live music: 21:30

Lucrezio de Seta Brubeck Was Right
Lucrezio de Seta, batteria
Ettore Carucci, pianoforte
Luca Pirozzi, basso



 Articolo letto 484 volte


Pagina stampabile