Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Forse i vinili costeranno di meno ed avranno maggiore resa sonora
 

www.fanzine.net
 Interviste
•21/06 - Jouer et Danser con il Dos Duo Onirico Sonoro: la nostra intervista ..
•21/06 - Riuscire a far volare tutti senza barriere? Il coronamento di un sogno: ne parliamo con Piergiorgio Camiciottoli, pilota di parapendio, laureato in Scienze Forestali e batterista rock ..
•18/06 - BlindCat: heavy rock ed orgoglio sudista!!
(altre »)
 
 Recensioni
•21/06 - Tommaso Talarico: Viandanti (Radici Music Records 2018) ... cd d'esordio del cantautore calabrese ...
•20/06 - Augustine – Grief and desire (cd 2018) eterea e minimalista ricerca tra il sogno isterico e la bruma ..
•19/06 - LeVacanze: high elettro pop per il duo beneventano Fuccio-Preziosa ..
(altre »)
 
 Comunicati
•22/06 - I Why Don’t We e Valerio Scanu il 23 giugno a Gulp Music (Rai Gulp)
•21/06 - Jazz Factory con Javier Girotto e la Saint Louis Big Band al Roma Summer Fest
•21/06 - Omar Pedrini e Marco Ligabue a Noi Musica a Desenzano del Garda
(altre »)
 
 Rumours
•22/06 - Festa della Musica a Sciacca con i Pivirama di Raffaella Daino in duo
•21/06 - Concerto per la liberta' di stampa alla Casa del Jazz con The Scoop Jazz Band e Nicola Alesini
•21/06 - Wrongonyou, il 25 giugno su Real Time il nuovo video Family Of The Year
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 24/04/2017 alle 14:56:30
Ottodix: Micromega
di Paolo Polidoro
Ottodix non è un artista banale, non uno di quelli che dopo il secondo ritornello mette lo special, non uno di quelli che cerca la rima e un inciso da far restare alla mente

Ottodix non è un artista banale, non uno di quelli che dopo il secondo ritornello mette lo special, non uno di quelli che cerca la rima e un inciso da far restare alla mente, Ottodix fa “filosofia”, dice semplicemente la sua in un modo meno diretto del solito ma che, sforzandoci di restare attenti un po’ più del solito, scopriremo essere tutto estremamente ricco di una bellezza popolare.

Ecco cosa accade quando Ottodix decide di raccontarti la vita che vede attraverso la musica, è un visionario, questo si, visionario nelle opere che raffigura, si veda la copertina di questo disco, visionario nel modo di colorare il suono con elettronica spaziale e orchestrazioni classiche, come fosse un sapore agrodolce che sembra stonare ma che all’insieme sembra vivere di un’armonia indissolubile.

Si intitola “Micromega” e parla dell’uomo vivente su questa terra muovendo il punto d’osservazione dal micro al mega, dalla certezza di essere atomi sovraccarichi in un campo di forze mutevoli, fino alla domanda di cosa siamo noi, fatti di universi, brane gigantesche, stringhe dentro al bulk.

Ottodix non va ascoltato come ascolteremo un pezzo di “Levante” o di chiunque cerca consensi di massa con frasi fatte e riferimenti di uso ormai commerciale.

Ottodix ci dice le stesse cose e molto di più stimolando l’ascolto e l’attenzione con un linguaggio certamente meno scontato e una musica certamente meno catalogabile a priori, alla fine è sempre pop, alla fine si parla sempre di società e di umanizzazione, alla fine risulteremo sempre dei “Micromega Boy” in cerca di Like, ma c’è una bella differenza nel farlo con ovvie metriche commerciali o avventurarsi alla ricerca di un se che sia unico e personale, nella forma, nei testi e nei suoni.

Condividi su Facebook



 Articolo letto 750 volte


Pagina stampabile