Musical NewsMusicalNews
  Cerca

MusicalNews: le notizie che gli altri non hanno! - real news by true fans for hot peopleCOLLABORA CON NOI
 Editoriale
Seconda fase del contest Tieni il Palco con Musicalnews.com come media partner
 

www.fanzine.net
 Interviste
•18/09 - The Mugshots la bizzarria al potere ..
•11/09 - I Mother Nature ci raccontano il loro doppio contratto
•06/09 - Thunder Godzilla: l'invasione del mostro stoner metal
(altre »)
 
 Recensioni
•17/09 - Borrkia Big Band – Pausa caffè (VRec./Audioglobe, 2017)
•15/09 - Luca Aquino - Aqustico Vol.2 (Riverberi)
•15/09 - Monnalisa – In principio (Andromeda Relix/GT Music, 2017)
(altre »)
 
 Comunicati
•19/09 - Garbatella Jazz Festival dal 21 al 23 settembre con I Trovatori, Pasquale Innarella e Pino Sallusti Legacy
•19/09 - Niccolò Fabi, Diventi Inventi esce anche in versione cofanetto
•19/09 - Levante: il singolo Pezzo di Me (feat. Max Gazze') conquista il disco d'oro digitale.
(altre »)
 
 Rumours
•19/09 - PFM, svelata la cover di Emotional Tattoos
•19/09 - Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli al cinema da Venezia a Roma
•19/09 - Lady Gaga malata: costretta a far slittare alcuni concerti, compreso quello milanese ..
(altre »)
Recensioni
Pubblicato il 16/06/2017 alle 10:53:33
Oregon Trees - Hoka Hey (autoprodotto)
di Silvio Mancinelli
È difficile descrive un nuovo gruppo attraverso un Ep perchè gli indizi sono sempre pochi. Stiamo parlando degli Oregon Trees e del loro primo mini lavoro intitolato “Hoka hey”.

È difficile descrive un nuovo gruppo attraverso un Ep perchè gli indizi sono sempre pochi. Stiamo parlando degli Oregon Trees e del loro primo mini lavoro intitolato “Hoka hey”.

Essendo il primo lavoro vi presento la band: nascono a Brescia nel 2015 da una idea di Andrea Piantoni, Andrea Buffoli e Stefano Borgognoni. Non sono alla prima esperienza musicale in quanto nel bresciano, e non solo, sono conosciuti.

Veniamo ora a “Hoka hey”: è un ep che fondamentalmente rappresenta una sorta di tributo al folk americano. Altro che Modena City Ramblers! Qui si sente proprio l'influenza di band come Okkervil River e Fleet Foxes. Un modo diverso quindi di approcciarsi alla musica, lontano dagli schemi odierni fatte di pianole che disturnano solo l'udito. Ovviamente mi riferisco al nuovo indie italiano, con delle eccezioni. Gli Oregon Trees portano avanti una tradizione che non è la nostra, ma la rendono loro, in maniera molto semplice, il che fa pensare che hanno studiato la storia del folk da Dylan in poi. Attendiamo un lavoro alla lunga distanza per capire di che pasta sono fatti questi Oregon Trees.


La tracklist

1. Eden
2. Oolors
3. If j went baok
4. No one
5. Hoka hey

Condividi su Facebook



 Articolo letto 573 volte


Pagina stampabile